Dossier 2005/06 parte 1 parte 2 parte 3 parte 4

La Stagione in Numeri
di Enrico

IN SINTESI. L'Hellas ha chiuso il suo 48° campionato di Serie B con un deludente quindicesimo posto ed una modesta media punti di 1.17. Nelle 42 gare disputate i gialloblu hanno raccolto 10 vittorie, 19 pareggi e 13 sconfitte incassando 41 gol (quinta miglior difesa) e segnandone solamente 42 (settimo peggior attacco). La media complessiva di reti a partita è allora esattamente pari a 2, a testimonianza di una squadra, quella scaligera, tutt’altro che spettacolare.

ROSA. Nella stagione 2005/06 il Verona ha messo in campo la squadra più giovane della Serie B, con un’età media di soli 24 anni (l’anno scorso era di 25). I più giovani schierati sono stati Aurelio e Ferrazza (entrambi del gennaio 1986), mentre la parte del più vecchio è toccata ancora una volta a Mazzola (giugno 1969).

MINUTI e GIOCATORI. Tra i 26 totali utilizzati nel corso della stagione da Ficcadenti, il gialloblu più presente è stato come nello scorso campionato Mattia Cassani, con 41 partite e 3578 minuti giocati. Dietro di lui Pegolo, Adailton, Munari ed Italiano. Solo 1 minuto invece per Bagalini che, nei 5 mesi in cui è rimasto a Verona, ha trovato davvero poco spazio.

MARCATORI. Dopo gli exploit degli albanesi Myrtaj (13 reti, 4 su rigore) e Erjon Bogdani (17 centri senza l'ausilio di calci di rigore) è stato ancora uno straniero il capocannoniere stagionale dell’Hellas: il brasiliano Adailton con 15 gol (5 rigori). Dietro di lui un panorama a dir poco desolante. Nessun altro giocatore infatti è andato in doppia cifra ed il secondo, Sforzini, si è fermato a soli 5 gol. In tutto i giocatori a rete sono stati 12 (oltre ai top5 indicati nella tabella sotto ricordiamo a 2 gol Gervasoni, Iunco e Turati e ad 1 Comazzi, Cutolo, Gladstone e Pulzetti).

DECISIONI ARBITRALI . Stagione decisamente poco felice per il Verona in quanto a rigori: l’Hellas infatti con 6 penalties a favore e ben 15 contro (record della Serie B) ha registrato un saldo negativo pari a -9. Più bilanciato invece il computo delle espulsioni: 11 volte a lasciare il campo anzitempo sono stati giocatori gialloblu, mentre 13 volte la stessa sorte è toccata agli avversari.

SPETTATORI. Nonostante il campionato deludente della squadra e il generale crollo delle presenze negli stadi, il pubblico gialloblu si è confermato in questa stagione ancora una volta come tra i più fedeli della Serie cadetta. Con una media di poco superiore alle 9000 presenze infatti si è collocato al quinto posto generale dietro a Torino, Catania, Atalanta e Bologna. Di assoluto rilievo le 20069 presenze registrate nella ritrovata (e sentita) sfida con il Mantova. Il record minimo (6998 spettatori) si è invece registrato nella gara contro il Pescara.

Andrea Perazzani 2003-2019 Hellastory è ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel. Per una corretta visione si consiglia l'uso del browser Microsoft Internet Explorer versione 5 o successiva con Javascript, Popup e Cookies abilitati. Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte. Per qualunque informazione contattateci. []