Dossier 2009/10 parte 1 parte 2 parte 3 parte 4 parte 5

parte 4 - Numeri Contro
di Carlo

La formazione scesa in campo contro la Ternana al Bentegodi

E' dunque passata agli archivi, col tonfo (meglio sarebbe tanfo) di Pescara, la stagione sportiva 2009/10.
45 partite ufficiali: Campionato di Lega Pro (34), Playoff (4), Coppa Italia TIM (3) e Coppa Italia di Lega Pro (4) disputate da 30 "gagliardi" gialloblu guidati da 2 allenatori.
Stagione intensa, quindi, come intense sono state le nostre emozioni nel vedere gli altri festeggiare, per l'ennesima volta, sotto il nostro naso.
E visto che abbiamo cominciato a dar dei numeri, proseguiamo in ordine sparso indicando i più significativi e i più curiosi.

10.448  gli abbonati Hellas di quest'anno. Ne mette dietro 6 di A e tutta la Serie B la tifoseria veronese, segno inequivocabile di una grande fede che non vacilla.

14.018  la media degli spettatori (paganti+abbonati+biglietti omaggio) che hanno affollato il Bentegodi nelle 17 partite interne (11.002 il dato 2008/09).

116.132  € la media degli incassi riferita alle medesime gare (79.857 € il dato 2008/09).

49.100  € la somma delle ammende pagate dalla Società. La cifra è doppia rispetto a quella della passata stagione. Da notare che solo le ultime 3 gare playoff ci sono costate 19.000 €.

26  è il posto che occupa il Verona tra le 36 squadre di Prima Divisione nella classifica per il Premio Coppa Disciplina con punti 105,70. I più virtuosi sono quelli del Portogruaro Summaga (17,50), mentre il Foggia è la società più indisciplinata (194,50).
Piccola chiosa: le 18 posizioni della classifica, che vanno dal 19° al 36° posto, sono occupate da ben 13 squadre appartenenti al Girone B, proprio un girone di "discoli" il nostro.

1.183  i minuti di imbattibilità esterna dei nostri portieri (Rafael 1.003 e Ingrassia 180). Questo è un dato abbastanza contraddittorio, se da un lato può avere un oggettivo valore statistico, dall'altro son convinto che inconsciamente ci sia stato di freno in più di un'occasione e chi se non Remondina, lo stratega degli 0 a 0, poteva garantirci questo effimero primato?
Per dovere di cronaca non si possono trascurare gli ulteriori 254 minuti di imbattibilità di Rafael nelle ultime 3 trasferte del 2008/09.

38  le reti segnate, la stessa cifra del torneo scorso. Non può essere che con le potenzialità (sulla carta) che avevamo quest'anno si realizzi lo stesso numero di gol di Tiboni e compagni.

20  cioè il totale delle reti subite in campionato, record tra i professionisti.

6  il numero delle reti subite in trasferta. Questo è un dato veramente notevole e anche questa è la miglior performance dell'anno tra le squadre professionistiche.

15  la sequenza iniziale di partite utili senza sconfitte, frutto di 7 vittorie e 8 pareggi. Possiamo allungare la striscia positiva aggiungendo le ultime 10 gare del campionato scorso (4 vinte e 6 nulle) per un totale di 25.

10  le volte che la partita si è chiusa a reti inviolate. Non si è smentito il Biondo in panchina ed ha eguagliato la prestazione dell'anno scorso, allora su 15 incontri nulli totali, questa volta si è migliorato: 10 su 16.
Ma 20, 0 a 0, su 31 pareggi non sono un po' troppi?

1  un solo rigore a favore, tra l'altro non realizzato (Rantier contro il Ravenna). Non accadeva qualcosa di simile dal campionato di Serie A 1976/77: contro il Genoa, al Bentegodi, Mascetti falliva l'unico penalty concessoci (grazie Nez).

1  un solo rigore contro realizzato dallo spallino Bracaletti. Anche questa è una situazione piuttosto rara, di solito il Verona è penalizzato in questo campo. E' di più di 20 anni fa una situazione analoga: il giorno di San Silvestro del 1988 Roby Baggio segna per la Fiorentina l'unico rigore fischiatoci contro in quella stagione. (Non è chiaramente compreso il rigore di Ganci nei playoff).

3  come le espulsioni in regular season, escluso Pugliese (vedi Ganci). 2 volte Rafael e 1 Comazzi.

13  il totale delle giornate di squalifica a carico di: Rafael (3), Comazzi (2), Anselmi (1), Berrettoni (1), Cangi (1), Ceccarelli (1), Esposito (1), Garzon (1), Pugliese (1) e Russo (1). Più la giornata comminata a Pugliese nei playoff.

2  le trasferte senza tifosi veronesi al seguito: ad Andria e a Ferrara.

2 le partite interne senza tifosi ospiti: contro la Cavese e contro la Spal.

40  le partite disputate da Berrettoni in questa stagione sportiva (33 in Lega Pro, 4 nei Playoff e 3 in Coppa Italia TIM): il più presente in assoluto.

3.745  i minuti che è rimasto in campo Ceccarelli (2.852 in Lega Pro, 388 nei Playoff, 319 in Coppa Italia TIM e 186 in Coppa Italia Lega Pro): il più sudato in assoluto.

5  la differenza tra punti interni (30) e punti esterni (25) e curiosamente anche i punti in meno realizzati nel girone di ritorno (25 vs 30) segno evidente di una situazione sfuggita di mano ad ogni livello.

2  gli anni di assenza dalla Coppa Italia TIM, che abbiamo onorato con 2 gagliarde prestazioni in trasferta: vittorie con Spezia e Piacenza, prima di cadere a Sassuolo nella tana dell'"amico" Salvetti.

6 - 0  il risultato più eclatante dell'anno, contro il Como nella fase finale della Coppa Italia di Lega Pro che abbiamo onorato fino al terzo turno, quando inseriti in un girone a tre con Potenza e Lumezzane, siamo stati eliminati. Quest'ultimi si sono poi aggiudicati la Coppa stessa battendo in finale il Cosenza. A noi la soddisfazione di averli sconfitti (3 a 2) quando li abbiamo incontrati nel girone stesso.

0  ancora senza vittorie negli scontri contro le squadre della nostra regione (quest'anno solo il Portogruaro). Nei 3 anni di Lega Pro le abbiamo incontrate 14 volte (1 vittoria, 5 pareggi, 8 sconfitte), 4 gol fatti e 15 subiti. Nessun problema, quest'anno saremo gli unici a rappresentare il Veneto in Prima Divisione.

7  il numero di volte che è stata ripetuta a stessa formazione. Remondina, tra tutti i tecnici del girone, è quello che ha ripresentato più volte lo stesso identico undici di partenza: la fantasia al potere.

222  il numero totale degli angoli battuti (2° il Pescara con 178), che poi la maggior parte sia finita sugli stinchi dei difensori è un altro discorso.

123  gli angoli contro (1° il Pescara con 116).

Questi i numeri che hanno impedito la realizzazione di un sogno, speriamo che chi, sarà chiamato a disegnare nuovi scenari, sia in grado di produrne di migliori.



Riepilogo della stagione sportiva 2009/10

Andrea Perazzani 2003-2019 Hellastory è ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel. Per una corretta visione si consiglia l'uso del browser Microsoft Internet Explorer versione 5 o successiva con Javascript, Popup e Cookies abilitati. Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte. Per qualunque informazione contattateci. []