sabato 19, h 18:00  
NAPOLI2

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  venerdì 25, h 20:45  

HELLAS VERONA

 
SASSUOLO 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Canone Inverso

SAVIOLA C'E'. MANDORLINI FORSE


SAVIOLA C'E'. MANDORLINI  FORSE

Faccio fatica a ricordare una partita di Coppa Italia tanto delicata, anche se giocata agli inizi di dicembre e contro un avversario di B. Tutti gli occhi su Saviola in campo e Mandorlini in panchina. Alla fine il Verona ha vinto, sofferto (a mio avviso più del dovuto) ma rischiato poco. Il merito di questo successo è di Saviola che ha dimostrato, una volta per tutte, di essere un giocatore di qualità. Siamo proprio sicuri che abbia avuto bisogno di 2 mesi per adattarsi al calcio italiano? Uno così? In 75 minuti si è cercato il rigore, lo ha realizzato, ha messo Brivio in condizione di far gol, ci ha provato lui stesso con un diagonale a fil di palo e nel frattempo ha tenuto su la squadra. Certo, lo fa a modo suo, in maniera completamente differente da Toni che ha un metro in più in altezza e almeno 30 chili di peso a disposizione. L'argentino cerca sempre il compagno libero, la palla nei suoi piedi prende subito velocità. Non spreca un pallone ed è un pericolo costante. Sarà un caso che, alla sua uscita, il Verona ha arretrato il baricentro concedendo fin troppo alle riserve del Perugia in inferiorità numerica. A me ha fatto un'ottima impressione nonostante al suo fianco ci fosse Nenè, giocatore veramente imbarazzante dal punto di vista tecnico.

I problemi del mancato inserimento di Saviola possono essere di tre tipi: fisici (non mi risulta), comportamentali (il tifoso non è a conoscenza di questioni relazionali all'interno dello spogliatoio), tattico. Qui si apre un mondo.

Mandorlini è un tecnico che deve la sua fortuna alla grande attenzione che pone alla disciplina tattica e che trova applicazione soprattutto nel modulo 4/3/3. In serie B e Lega Pro, dove si privilegia l'agonismo e la tecnica è inferiore, una formazione disciplinata fa sempre la differenza e riesce a vincere. In serie A invece questo da solo non basta più perché ci si confronta con il talento. Ecco perché tutti i tecnici dogmatici e rigorosi faticano poi a vincere nelle grandi competizioni. Qualcuno ricorda il modulo tattico preferito da Ancelotti, Mourinho e Guardiola? Una grande difesa e la valorizzazione del talento a disposizione. L'equilibrio tattico lo si costruisce in seguito, a pura tutela del talento. Il loro credo tattico vincente è compattezza (dietro) e improvvisazione (davanti). Difesa e qualità.

Mandorlini non ragiona in questo modo. Prima c'è il modulo e poi i giocatori. Le cose gli riescono tanto meglio quanto migliore è la corrispondenza tra i suoi principi e gli interpreti che ha a disposizione. Toni, ovviamente, è il massimo per il suo credo. Estremizzando il concetto, le fortune della nostra squadra sono strettamente correlate alla condizione di Toni. Quando manca c'è Nenè, che lo ricorda fisicamente, non Saviola che ha un modo completamente diverso di stare in campo e che lo costringe a mettere tutto in discussione. Ma se non gira Toni? Cosa c'è di più noioso e prevedibile del gioco attuale del Verona?

Per tornare ai nostri problemi quotidiani, a mio avviso la questione si risolve in uno dei seguenti modi. O Mandorlini mette a posto una volta per tutte la difesa (cosa non facile visto che non c'è riuscito nemmeno l'anno scorso): in questo modo dà fiducia alla squadra, riduce inevitabilmente i blackout che concediamo ogni partita agli avversari e se ne può fregare tranquillamente dell'attacco tanto l'obiettivo primario è quello di non prenderle. Per assurdo, Saviola vale Nenè. Tanti pareggi e qualche successo occasionale ma mai più un crollo difensivo. In alternativa, si concentra sull'attacco e fa passare l'idea di segnare sempre 1 gol più dell'avversario: in questo caso il mister deve per forza scatenare Saviola a fianco di Toni - ripeto, a fianco e vicini - e costruirci intorno la squadra. Deve insomma mettere in imbarazzo le difese che oggi si limitano ad incatenare il nostro capitano creando nuove alternative offensive e facilitando l'imprevedibilità. Nico Lopez non è ancora ai loro livelli, rappresenta però un'ottima alternativa. Ma Nico Lopez o Saviola esterno offensivo non servono a niente. Insomma, o punta sulla compattezza, o sull'imprevedibilità.

La brutta notizia per Mandorlini è che, in entrambi i casi, deve dedicarsi totalmente alla valorizzazione delle capacità individuali più che all'assetto tattico. Al come, più che al dove. Un grosso cambiamento di mentalità per lui.

Massimo

Colonna sonora: Help Yourself, Amy Winehouse.



Hellastory, 03/12/2014
Archivio

Stagione 2014/2015
01/06/2015   FATE POCO I FENOMENI ...
25/05/2015   ALCUNE RISPOSTE
07/04/2015   VOLERE E' POTERE
23/03/2015   L'INCONTENTABILE
16/03/2015   GRANDE CUORE GIALLOBLU
09/03/2015   EVVIVA I LUOGHI COMUNI!
02/03/2015   FINE DEL SECONDO ROUND
23/02/2015   IL SENSO DEL BARATRO
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6739 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2019-10-22 10:58:02'} - {ts '2019-10-22 17:58:02'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019