sabato 16, h 18:00  

HELLAS VERONA

1
ASCOLI1

PROSSIMO IMPEGNO
  venerdì 29, h 21:00  
CREMONESE 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

6. Setti scende in campo?

 

Il campionato che l'Hellas si appresta a disputare offre ai tifosi molte meno certezze e genera molte più apprensioni di quello di due anni fa. Anche se tutte le retrocessioni lasciano amaro in bocca e senso di frustrazione emerge questa volta anche una profonda sfiducia nella capacità di rilancio. Ci sono almeno due aspetti che lasciano al momento perplessi. Il primo – per assurdo anche quello più facile da risolvere – riguarda il valore della rosa a disposizione, svuotata a gennaio per esigenze economiche in cambio di giocatori presi in prestito e che fortunatamente non vedremo più. Quello che resta è decisamente inferiore di quanto consegnato a Pecchia due estati fa. Quella squadra poteva almeno contare su gente come Romulo, Pazzini, Pisano, Siligardi, Bianchetti e su rientri affidabili come Nicolas e Zaccagni. Non c'è dubbio che il grosso arrivò in sede di mercato (Caracciolo, Luppi, Ganz), soprattutto a centrocampo (Fossati, Bessa e Zuculini), ma c'era una base di partenza. Oggi invece il Verona ha una rosa qualitativamente ridotta all'osso e con la certezza che i pochi titolari decenti verranno prontamente messi sul mercato (Pazzini, Romulo, Nicolas sono in partenza; Fares forse è già accasato a Ferrara). Non c'è solo l'intero reparto offensivo da rifondare (e mi chiedo chi tra Matos e Cissè sia in grado di fare i gol che servono), mancano soprattutto i punti di riferimento del nuovo Verona. Caracciolo a parte, non vedo leader. Non ci sono insomma al momento giocatori di esperienza e personalità, in grado di prendersi sulle spalle i compagni nei momenti di difficoltà. Vanno comprati.

Il secondo aspetto che genera una certa inquietudine riguarda l'assetto societario. Due anni fa Setti presentò l'ambiziosa coppia Fusco – Pecchia. Quest'anno, per molti giorni si è parlato di Marchetti – Venturato che hanno ottenuto importanti risultati a Cittadella, mentre invece ci troviamo con l'incognita D'Amico – Grosso. Non c'è confronto.

Senza alcun dubbio Grosso si presenta con credenziali migliori di Pecchia, sia per quello che è stato da giocatore che per il suo breve cammino da allenatore, visto che nel curriculum di quest'ultimo erano elencati due esoneri a Latina e Gubbio (tutto dire ...) e qualche stagione da vice di Benitez. L'ex terzino campione del mondo invece, a parte il titolo di per sé sufficiente a qualificarne lo spessore, da giocatore ha vinto parecchio sia in Italia (Inter e Juventus) che all'estero (Olympique Lione) e da allenatore ha conquistato il Viareggio con la Juventus e disputato una buona stagione a Bari, piazza difficile, dove è riuscito a centrare l'obiettivo playoff. Le perplessità riguardano tutte D'Amico, ex braccio destro di Fusco, all'esordio assoluto nel difficile ruolo di direttore sportivo. Se i due sembrano avere ottimi rapporti, fatto indispensabile per intraprendere un progetto credibile, fatico a rendermi conto delle sue capacità relazionali e di indirizzo in un ambiente completamente da ricostruire e quanto mai depresso.

La soluzione più credibile è che questo vuoto societario venga colmato o direttamente da Setti, oppure coinvolgendo un direttore generale di spessore ed esperienza.

Nelle società di calcio, si vanno sviluppando due modelli organizzativi: uno bipolare, presidente e direttore sportivo; l'altro tripolare, presidente, direttore generale e direttore sportivo. Il primo è efficace quando hai un presidente abituato a scendere in campo in prima persona facendo sentire il proprio peso specifico ai tifosi, ai media e soprattutto alla squadra. Il modello bipolare poggia tutto sull'efficacia comunicativa e motivazionale del presidente e sulla competenza del direttore sportivo. L'altra soluzione invece distribuisce i ruoli e identifica come primo interfaccia societario il direttore generale che parla in nome e per conto.

Non c'è dubbio che, per le caratteristiche di Setti, quest'ultimo modello appare più consono. Avere un riferimento aziendale e uno sportivo gli consentirebbe di non esporsi troppo e di trovare un paio di interlocutori qualificati con i quali condividere le scelte. Anche perché, come ci siamo resi conto anche quest'anno, Setti ha assoluto bisogno di confrontarsi con qualcuno prima di prendere decisioni importanti. La difesa ad oltranza di Pecchia, assolutamente ingiustificata, lascia ancora sgomenti.

Oggi l'ambiente, e non solo la rosa, vanno ricostruiti e riconquistati. I tifosi sono stufi di sentir parlare di bilancio e di piagnistei per scelte sbagliate. Occorre riportare la gente allo stadio e dare fiducia. Altrimenti i risultati non arrivano. Non arriveranno mai. Tra l'altro, lo stesso Fusco recentemente si è espresso a favore di una soluzione organizzativa che preveda la presenza di un direttore generale. Lui, l'anno scorso è apparso per mesi l'unica voce societaria ottenendo risultati disastrosi ovunque, e non solo dal punto di vista sportivo.

Per questo motivo lascia qualche perplessità la promozione di D'Amico. Poteva avere un senso se affiancato da Marchetti come direttore generale. E ha un senso se Setti sta cercando una figura analoga da affiancargli. Ma se tutto resta come adesso anche il lavoro di Grosso appare più complicato perché lasciato al suo destino senza alcuna protezione societaria. Che interlocutore è D'Amico? Quanto è autorevole?

A tal proposito, alcuni sostenitori gradirebbero l'inserimento in società di una figura carismatica, in grado di recuperare energia positiva gialloblu. Si è provato con Adailton, ma lui preferisce intraprendere l'attività di allenatore; si è parlato di Toni, ma lui ambiva al ruolo di D'Amico. Setti sa che non può iniziare il prossimo campionato senza aver concesso qualcosa alla piazza: non parlo solo in termini di giocatori in arrivo, anche dal punto di vista empatico. Non avendo più da scagliare le proprie delusioni contro Pecchia e Fusco ormai fuori, lui rimane l'ultimo responsabile del fallimento sportivo. Occorre quindi risolvere in fretta la questione per evitare di iniziare la nuova avventura già in salita e con il vento contrario.

Massimo




Hellastory, 18/06/2018

LE VOCI DENTRO


Alcune settimane fa, Vitale uscì con un'affermazione che non ebbe molto risalto mediatico anche perché fornita da un giocatore arrivato da poco. Disse che se avessero esonerato il mister sarebbe stata una sconfitta per tutti loro. Quella frase, buttata lì tra l'indifferenza e lontana dall'eccitazione dei risultati che si andavano sviluppando, si è accantonata in una parte secondaria del mio stato d'animo ma ha avuto però il privilegio di non farmi partecipare troppo allo sconforto collettivo di Lecce. Ricollocando in maniera differente quel prezioso contributo (e raro, visto che sono sempre scarse le voci che vengono dallo spogliatoio) persino alcuni momenti drammatici di questa stagione vengono ripensati. Come l'inopportuna crisi isterica di D'Amico dopo la gara interna col Crotone, che rimane inopportuna nei modi e nei contenuti, ma che è anche figlia di una sana frustrazione interiore. Sana perché testimone di un disappunto reale, inopportuna perché uscita come quando ce la prendiamo con moglie, figli o capo ufficio per i problemi che invece abbiamo con noi stessi. Dietro lo sproloquio c'era però una rabbia per chi non riusciva a venire a capo della situazione come avrebbe voluto e si incazza per questo. Così come pure certi sconsolati messaggi di Zaccagni e compagni che, dopo Lecce e Padova, hanno ammesso con la stessa limpidezza che i tifosi hanno ragione ad arrabbiarsi e che comunque noi vogliamo venire in A. Sdoganare le parole serie A dopo una brutta sconfitta non è cosa da poco. Oppure, certi silenzi autunnali di Pazzini per la sua esclusione, allora per me inspiegabili, ma che forse celavano un tatto e una lungimiranza del nostro campione con l'intento di non alimentare polemica a polemica in una situazione già complicata di suo, imbrogliata da Grosso con le sue elucubrazioni e i suoi esperimenti scientifici, e dalla quale si sperava di uscire prima possibile. Pazzini è un campione vero, dentro e fuori dal campo. Per rendersi conto del suo spessore basta vedere come vengono gestite nel mondo del calcio situazioni analoghe all'Inter con Icardi o al Milan autunnale con Higuain. E, se permettete, Pazzini per il Verona vale esattamente quanto Icardi per l'Inter e Higuain per quel Milan. Se non di più.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6524 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-03-20 20:16:57'} - {ts '2019-03-21 03:16:57'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019