domenica 16, h 12:30  
UDINESE0

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 23, h 15:00  

HELLAS VERONA

 
CAGLIARI 
Hellas Verona english presentation

La scheda di Giorgio Bissoli (II)

Bissoli (II)

Giorgio Bissoli (II)


Nato a: San Martino Buonalbergo (VR)
Il: 31.03.1941
Morto Il: 14.02.2007
Nazionalità: italiana
Altezza: 180 cm
Peso: 77 kg
Ruolo: Portiere
Club Scuola: San Martino

Per raccontare la storia del portiere veronese Giorgio Bissoli, detto il rosso, ci affidiamo al quadernetto realizzato da Anna Solati in collaborazione con la moglie del giocatore e di alcuni amici.

Come vedremo nelle note che abbiamo inserito, la storia non è precisissima ma rimane pur sempre gradevole e ricca di aneddoti.

Giorgio Bissoli, nato il 31 marzo 1941, era il minore di quattro figli. Per indole era un ragazzo sereno che pensava al futuro in modo positivo e si sentiva responsabile nei riguardi dei genitori e quindi dava volentieri una mano nel bar e al forno.
Non si sentiva particolarmente portato per studiare per cui smise appena terminata la terza commerciale, un tipo di scuola che negli anni '50 affiancava la scuola media. La sua vera passione era il calcio, ed era allo stadio che scappava quando aveva fatto il suo dovere in casa.

Aveva cominciato a tirare i primi calci al pallone nel «campeto dei preti» dietro la chiesa (di San Martino Buonalbergo ndr) e, come da sempre si usa, era stato messo in porta vista la sua struttura che non sembrava adatta per un qualsiasi ruolo aggressivo.

«Allo stadio, sotto la guida di Vittorio Micheloni e Marino Turri, si allenava la squadra del San Martino dove giocavo anch'io che allora avevo 20 anni - ricorda l'amico Armando - e vedevo questo bocia piccoletto che si metteva dietro la porta durante gli allenamenti e non perdeva un tiro, mimando il nostro portiere Antonio Dusi. Quando il pallone usciva dal campo correva a recuperarlo veloce come un furetto. Antonio che gli era affezionato, qualche volta gli permetteva di stare tra i pali. Allora non toccava neppure la traversa, ma che agilità, balzava come un gatto. Benché da adulto fosse un metro e ottanta, come portiere non era molto alto e la sua struttur a snella ed elegante dava un'errata impressione di fragilità.

Il suo metodo di allenamento lo raccontò lui stesso in un'intervista che nel novembre del 1997 rilasciò a Verona Sport: »Da piccolo volevo diventare il portiere della Nazionale per questo mi allenavo con capriole nell'aria e tuffi a terra o dagli alberi. Mi allenavo da solo. Tutte le mattine footing, poi i pesi , le corde da pugile, le molle per rinforzare la presa delle mani. Il San Martino sosteneva una sola seduta infrasettimanale, io, invece, pregavo i miei amici di tirare cannonate in porta, o mi mettevo a calciare la palla contro il muro che diventava così il mio primo partner. Ma il mio vero preparatore atletico era un cavalletto costruito apposta dal professor Bovi, ai tempi delle giovanili del Verona, un tavolo a quattro gambe, con tanto di cinghie assemblate sul quale svolgevo completi esercizi ginnici.
Pensava che quel cavalletto fosse indispensabile al suo allenamento e lo portò con sé in tutte le tappe della sua carriera.
Nell'intervista spiegava anche come parare i rigori: »Il portiere non deve mai tuffarsi da una parte o dall'altra, ma restare fermo al proprio posto, al centro della porta e aspettare l'ultima frazione di secondo prima che il cecchino calci, fare un passo avanti e poi tuffarsi a destra o a sinistra. Insomma deve affidare al rigorista la responsabilità e la prima mossa e comportarsi di conseguenza.
Fece un provino al Verona che decise di prenderlo e ne comprò il tesserino dal San Martino.
Era il 1958, aveva 17 anni, e fu assunto come terzo portiere di riserva. Era titolare della squadra Under 21 [1] Poi il primo portiere Ghizzardi (quello della foto scattata a Livorno qualche anno dopo) si fratturò una spalla e, a sei partite dalla fine del campionato, si fece male anche il secondo portiere De Min[2]: a questo punto Bissoli esordì nella partita con il Brescia nel difficile campo del «Rigamonti».

Era marzo del 1959[3].

Durante la partita parò anche un rigore tirato dal famoso giocatore Benito Lorenzi (Veleno)[4] che era stato centravanti titolare dell'Inter per anni. Lorenzi, come diceva il suo soprannome, non era né tenero negli scontri, né forbito nel parlare (era toscano). Così quando alla fine della partita marciò deciso verso Giorgio quest'ultimo ebbe un attimo di esitazione.
Ma il vecchio campione era venuto per dargli la mano e dirgli: «Bravo ragazzo, farai strada». Ghizzardi alla fine rientrò per disputare l'ultima partita.

Bissoli era, come tutti i grandi portieri, molto coraggioso, un kamikaze e aveva uno stile moderno che a quei tempi non era ben capito. Era impeccabile nel parare i tiri alti perché aveva uno slancio eccezionale. Non restava ad attendere gli attaccanti tra i pali ma usciva contro l'avversario chiudendogli il lume della porta. Qualche volta naturalmente andava male ma più spesso il suo attacco disorientava l'avversario.
Nella stagione 60/61, era un sabato mattina e pioveva, nell'afferrare un pallone pesante per il fango, si fratturò lo scafoide: una delle importanti ossa del metacarpo, essenziale per la presa di un oggetto.
Poco dopo anche Ghizzardi si infortunò di nuovo la spalla e Giorgio fu costretto a scendere in campo. All'insaputa dei tifosi, e ancor di più delle squadre avversarie che avrebbero potuto sporgere reclamo, prima della gara andava all'ospedale di Borgo Trento dove si sottoponeva a forti dosi di anestetici locali e stretti bendaggi. In quelle condizioni giocò quattro partite. Il medico che lo aveva curato gli aveva consigliato che nelle parate e nelle uscite non afferrasse il pallone con entrambe le mani ma lo frenasse con quella sana per poi prenderlo anche con l'altra. Così un giornalista, di quelli a cui vengono affidate le pagine di sport e che credono di essere i maghi del calcio e di sapere tutto loro, senza informarsi del motivo per cui Bissoli parava in quel modo, montò una campagna contro il portiere che non aveva presa e che andava «in camporela» non restando tra i pali come avrebbe dovuto. Campagna tanto virulenta e scalmanata da costringere la società a cederlo in prestito all'Arezzo. Il motivo ufficiale era «Per farsi le ossa».


Dopo una stagione molto positiva ad Arezzo il Verona lo rivolle indietro.
Nella stagione 1964/65 Bissoli giocò per quasi tutto il campionato ma il rapporto con il pubblico del Bentegodi non si rinsaldò mai completamente.

Un brutto infortunio in allenamento (frattura di tibia e perone) lo costringe ad un lungo stop. La sua carriera riprenderà e terminerà in Sicilia, tra Trapani e Siracusa.

Giorgio Bissoli scompare il 14 febbraio 2007.

note:

[1] Non ha mai giocato per l'Under 21 ma per le rappresentative Juniores e Under 20
[2] De Min non era il secondo portiere
[3] L'esordio avvenne in Brescia-Verona 2-2 il 26/04/59
[4] Il rigore parato a Lorenzi è della stagione successiva, Brescia-Verona 1-1.

Trovate la versione completa della storia di Giorgio Bissoli con tante foto e aneddoti a questo link

http://www.sanmartinoba.it/Giorgio%20Bissoli.pdf


Carriera in Campionato:
Stagione Squadra Serie Presenze Reti
1958-59 Hellas Verona B 6 -9
1959-60 Hellas Verona B 11 -15
1960-61 Hellas Verona B 9 -11
1961-62 Hellas Verona B 1 -1
1962-63 Hellas Verona B 4 -7
1963-64 Arezzo C ... ...
1964-65 Hellas Verona B 33 -40
1965-68 Trapani C 58 ...
1970-76 Siracusa C ... ...




I dati sono aggiornati al 29 marzo 2013
Cerca...

10/01/2020   Fabio BORINI
04/09/2019   Mariusz STEPINSKI
04/09/2019   Alan Pereira EMPEREUR
04/09/2019   Davide Marco FARAONI
04/09/2019   Luigi VITALE
04/09/2019   Mattia ZACCAGNI
04/09/2019   Fabio GROSSO
23/08/2019   Marco SILVESTRI
22/08/2019   Sofyan AMRABAT
20/08/2019   Gennaro TUTINO
13/08/2019   Emmanuel Agyemang BADU
07/08/2019   Darko LAZOVIC
12/07/2019   Miguel Luis Pinto VELOSO
09/07/2019   Salvatore BOCCHETTI
03/05/2019   Alfredo AGLIETTI
24/01/2019   Antonio DI GAUDIO
18/12/2018   Andrea DANZI
26/09/2018   Karamoko CISSÈ
26/09/2018   Santiago COLOMBATTO
24/08/2018   Pawel DAWIDOWICZ
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6859 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2020-02-19 05:09:51'} - {ts '2020-02-19 12:09:51'}


19111912191319141915191919201921192219231924192519261927192819291930193119321933193419351936193719381939194019411942194319441945194619471948194919501951195219531954195519561957195819591960196119621963196419651966196719681969197019711972197319741975197619771978197919801981198219831984198519861987198819891990199119921993199419951996199719981999200020012002200320042005200620072008200920102011201220132014201520162017201820192020