sabato 16, h 18:00  

HELLAS VERONA

1
ASCOLI1

PROSSIMO IMPEGNO
  venerdì 29, h 21:00  
CREMONESE 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation


INTRODUZIONE  
QUELLA PRIMA MAGLIA BIANCONERA...  
L'INCONTRO CON PAOLO MAGGIORE E LE GIOVANILI DELL'HELLAS  
LA STAGIONE 1970-71 E LE GIOVANI SPERANZE GIALLOBLU  
IL DEBUTTO A TORINO CONTRO LA JUVENTUS «
TRAFERIMENTO A PISA, UN BLITZ DI GARONZI  
DISCESA FRA I DILETTANTI, GLI ANNI DI MONSELICE  
IL CHIEVO DI GARONZI E L'ESPERIENZA DA ALLENATORE  
PAPA' MAFALDO  
 

Il debutto a Torino contro la Juventus

Alla seconda giornata di ritorno, il 7 febbraio 1971, il Verona riceve la Fiorentina al Bentegodi. L’incontro termina in parità 1-1 con le reti di Vitali e Clerici, e “Penna Bianca” Colombo para un rigore. Al 75’ Nanni lascia il campo per infortunio, sostituito da Landini; Orazi viene ammonito e in settimana sarà squalificato. La diagnosi per Nanni non lascia speranze: lieve distorsione al ginocchio destro, dovrà saltare la prossima gara. Il Verona è in piena emergenza e per la trasferta di Torino, in casa della Juventus, Pozzan mette in preallarme i giovani Gobbi e Nosè. Uno dei due verosimilmente dovrà esordire dall’inizio, ma la decisione è rinviata a giovedì, dopo la gara della De Martino nella quale Tavellin schiererà in attacco Mujesan, che si è appena ristabilito dall’infortunio patito a San Siro.

Giovedì 11 febbraio 1971 la De Martino scende in campo ad Avesa (il campo dell’Hellade) contro il Pisa, che schiera nelle sue fila l’ex Cosma. Dopo 27’ di gioco, Mujesan va in gol raccogliendo da opportunista una respinta del palo su colpo di testa di Rossetti. Sembra un buon viatico per il rientro dell’attaccante istriano in prima squadra ma, nel secondo tempo, Mujesan si scontra con un avversario e riporta la distorsione dei legamenti mediali del ginocchio destro. Fuori di nuovo.

Estratto de L'Arena del 12 febbraio 1971: De Martino:  Verona batte Pisa 4 a 1
Estratto de L'Arena del 12 febbraio 1971: De Martino: Verona batte Pisa 4 a 1

Nel frattempo, come in un’ideale staffetta, nella partita contro il Pisa si scatena Fausto Nosè. Al 30’ della ripresa, su passaggio di D’Amato, Nosè salta un avversario, entra in area e batte in diagonale il portiere pisano Tomei. Al 36’ Nosè ricambia il favore e manda in rete D’Amato per il 3-0. Finirà poi 4-1, con le reti di Colombini per il Pisa e di Antonini per il Verona.
Come non bastasse, lo stesso giorno, in allenamento con la prima squadra, si strappa Ferrari che, insieme a Mujesan, va ad intasare l’infermeria già occupata da Moschino e Nanni. Le scelte, a questo punto sono obbligate e, per la trasferta di Torino, Pozzan convoca sia Nosè sia Gobbi.

L'Arena di  sabato 13 febbraio 1971
La candidatura di Fausto Nosè per una maglia da titolare prende quota. Leggiamo sempre dalle pagine de L'Arena di sabato 13 febbraio 1971:
“Pozzan sembra propenso per il lancio di Nosè. Non ha ancora ufficializzato la notizia al giocatore ma lo ha fatto capire.”

E Fausto Nosè? C’è spazio anche per lui sul quotidiano veronese:
“Sono pronto all’esordio – ha detto Nosè – se Pozzan riterrà opportuno darmi questa soddisfazione. Sono tranquillo e mi sento anche bene fisicamente. So che avrò di fronte giocatori di classe ma non mi tirerò indietro. Spero soltanto che tutto si concluda nel migliore dei modi. A fianco di Bergamaschi, poi, mi sento più sollevato. Abbiamo giocato assieme per diverse stagioni”.

“Sono tranquillo” diceva Fausto. “Talmente tranquillo che non dormì affatto la notte prima. Ma non fu il solo a non chiudere occhio quella sera, nemmeno io e Mafaldo riuscimmo a dormire per l’emozione” ammette mamma Elena.

Arriva il giorno del debutto, a Torino, contro la Juventus, con la maglia numero 10. Roba che nemmeno nel più ardito dei sogni un ragazzo di 20 anni poteva immaginare. Pozzan lo mette in marcatura su Fabio Capello, con il compito di rilanciare l’azione quando possibile.
Fausto se la cava bene, e il Verona d’emergenza pure. Passato in svantaggio per un gol di Bettega, trova il pari grazie ad un colpo di testa di D’Amato che incoccia la traversa e carambola sulla schiena di Tancredi. Poi Colombo blinda la porta gialloblu dagli attacchi juventini. Il pari regge fino a pochi minuti dalla fine quando una punizione calciata da Capello si infila fra Nosè e Mazzanti in barriera e sorprende Colombo. A Franco Costa de La Stampa, Pozzan racconterà a fine gara: “Nosè si è tolto dalla barriera e il pallone calciato da Capello ha ingannato Colombo

La Stampa del 15  febbraio 2015
Juventus – Verona 2-1. La foto del gol di Capello tratta dall’edizione de La Stampa del 15 febbraio 2015; sulla destra si vedono Nosè e Mazzanti e il “pertugio” dove è passato il pallone.

Il gol di Capello risulterà decisivo e il Verona non riuscirà più a rimontare; pochi minuti prima del gol Pozzan aveva richiamato in panchina D’Amato, lontano dai campi da circa 3 mesi, facendo debuttare anche Dino Gobbi, con l’intento di blindare il pareggio. Purtroppo la punizione di Capello scombussola tutti i piani. Finisce con la vittoria per 2-1 della Juventus.

A fine gara, i taccuini dell’Arena raccolgono le impressioni di Garonzi sul suo “pupillo” Nosè: come l’ha visto? “Benissimo. Non ha sbagliato un passaggio. Manca di una certa esperienza, del resto giustificata. Ho visto un grandissimo Bergamaschi e un Colombo esibirsi in felici interventi”.

E Pozzan commenta così la prova di Fausto Nosè: “Doveva operare una marcatura elastica su Capello. Ha assolto il compito con molto onore creando nel contempo cose egregie per i compagni. Crescerà. Sono certo perché la stoffa non gli manca. Ora, però, non deve montarsi la testa.”

Fausto non avrà modo di montarsi la testa perché nella serie A 1970-71 non vedrà più non solo il campo, ma nemmeno la panchina della prima squadra. Come improvvisamente era arrivato il suo momento, altrettanto improvvisamente, con il recupero degli infortunati, non viene nemmeno più convocato. Con il rientro di Orazi dalla squalifica e il recupero fisico di Nanni, Nosè e Gobbi tornano nei ranghi della De Martino. Fausto si toglie lo sfizio di segnare pure a Walter Vecchi, il 17 marzo 1971, in occasione della gara persa 3-1 contro il Milan. Dino Gobbi verrà nuovamente schierato all’ultima di campionato, a Cagliari; invece Fausto Nosè dovrà attendere la Coppa Alpi, che si disputa a giugno, per indossare ancora la maglia della prima squadra.

“Pozzan non lo vedeva proprio” ricorda mamma Elena.


« La stagione 1970-71 e le giovani speranze Gialloblu Trasferimento a Pisa, un blitz di Garonzi »

LE VOCI DENTRO


Alcune settimane fa, Vitale uscì con un'affermazione che non ebbe molto risalto mediatico anche perché fornita da un giocatore arrivato da poco. Disse che se avessero esonerato il mister sarebbe stata una sconfitta per tutti loro. Quella frase, buttata lì tra l'indifferenza e lontana dall'eccitazione dei risultati che si andavano sviluppando, si è accantonata in una parte secondaria del mio stato d'animo ma ha avuto però il privilegio di non farmi partecipare troppo allo sconforto collettivo di Lecce. Ricollocando in maniera differente quel prezioso contributo (e raro, visto che sono sempre scarse le voci che vengono dallo spogliatoio) persino alcuni momenti drammatici di questa stagione vengono ripensati. Come l'inopportuna crisi isterica di D'Amico dopo la gara interna col Crotone, che rimane inopportuna nei modi e nei contenuti, ma che è anche figlia di una sana frustrazione interiore. Sana perché testimone di un disappunto reale, inopportuna perché uscita come quando ce la prendiamo con moglie, figli o capo ufficio per i problemi che invece abbiamo con noi stessi. Dietro lo sproloquio c'era però una rabbia per chi non riusciva a venire a capo della situazione come avrebbe voluto e si incazza per questo. Così come pure certi sconsolati messaggi di Zaccagni e compagni che, dopo Lecce e Padova, hanno ammesso con la stessa limpidezza che i tifosi hanno ragione ad arrabbiarsi e che comunque noi vogliamo venire in A. Sdoganare le parole serie A dopo una brutta sconfitta non è cosa da poco. Oppure, certi silenzi autunnali di Pazzini per la sua esclusione, allora per me inspiegabili, ma che forse celavano un tatto e una lungimiranza del nostro campione con l'intento di non alimentare polemica a polemica in una situazione già complicata di suo, imbrogliata da Grosso con le sue elucubrazioni e i suoi esperimenti scientifici, e dalla quale si sperava di uscire prima possibile. Pazzini è un campione vero, dentro e fuori dal campo. Per rendersi conto del suo spessore basta vedere come vengono gestite nel mondo del calcio situazioni analoghe all'Inter con Icardi o al Milan autunnale con Higuain. E, se permettete, Pazzini per il Verona vale esattamente quanto Icardi per l'Inter e Higuain per quel Milan. Se non di più.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6523 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-03-19 17:49:07'} - {ts '2019-03-20 00:49:07'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019