hi!hi!hi!hi!hi!hi!hi!
Hellas Verona english presentation


PAOLO PIUBELLI, "PAN E BALON"   
LE GIOVANILI GIALLOBLU E LE PRIME CONVOCAZIONI «
STAGIONE 1990-91   
STAGIONE 1991-92   
STAGIONE 1992-93   
STAGIONE 1993-94   
L'INFORTUNIO E UNA "NUOVA" VITA   


 

LE GIOVANILI GIALLOBLU E LE PRIME CONVOCAZIONI

Partiamo dall'inizio. Quando hai cominciato a giocare nel Verona?

"Sono arrivato nelle giovanili all'età dei giovanissimi, nel campionato 1984-85".

Un anno di grazia...

"Proprio così. Prima avevo giocato nell'Audace di San Michele Extra e nell'Arbizzano, paese dove vivevo con la famiglia, e mi sono ritrovato nelle giovanili del Verona nell'anno in cui la prima squadra vinceva lo scudetto".

Chi sono stati i tuoi allenatori nelle giovanili gialloblu?

Ne ho avuti diversi: Germano Pistori, Dario Baruffi, Fausto Nosè, Giuliano Sonzogni, Sergio Maddè e Dino Da Costa. Con Da Costa ci si allenava praticamente solo con la palla: torello e partitella. Va comunque detto che in quegli anni, anche a livello di prima squadra, non c'era il tatticismo esasperato che è arrivato poi qualche anno dopo. Ricordo che con lo stesso Fascetti non abbiamo mai visionato un filmato della squadra avversaria e preparato tatticamente la partita a venire".

Fausto Nosè è una "vecchia conoscenza" di Hellastory.

"Oltre che mio allenatore è stato uno dei giocatori che più ho apprezzato quando mio padre mi portava a vedere le partite del Chievo al Bottagisio. Me lo ricordo con la fascia da capitano del Chievo".

Paolo Piubelli si segnala come uno degli elementi più promettenti del vivaio gialloblu. Quando ancora ha l'età per giocare negli Allievi, viene costantemente convocato con la Primavera. All'età di soli 16 anni comincia quindi a respirare aria di prima squadra, potendo allenarsi qualche volta, sotto la guida di Osvaldo Bagnoli, con campioni del calibro di Galderisi, Caniggia, Pacione.

Piubelli figura per la prima volta nella lista dei 16 in occasione di Verona – Pescara 0-0 del 12 marzo 1989, a 17 anni compiuti da poco. Siede in panchina anche in Verona – Torino 0-0 del 16 aprile, ma in quella stagione entra comunque diverse volte nella lista dei convocati per la domenica.

"All'inizio fu ovviamente una grande emozione poter andare la domenica con la prima squadra, anche se si trattava solo di accomodarsi in tribuna a guardare i compagni. Poi però il fatto di andare in tribuna un po' cominciava a pesare: io giocavo il sabato con la Primavera, la domenica ero impegnato tutto il giorno con la prima squadra, e da lunedì mattina si riprendeva con gli allenamenti. Seduta al mattino e seduta pomeridiana, poi alla sera provavo ad andare al Pindemonte per prendere la maturità, ma finivo spesso per crollare addormentato sul banco. Non è che restasse poi molto tempo per la vita privata, e a 17 anni avere tutto il weekend occupato dal calcio era comunque impegnativo".

Sei riuscito a finire gli studi?

"Ho preso il diploma di ragioniere ma, a dire il vero, più grazie agli abbonamenti e magliette che regalavo che per meriti scolastici" racconta divertito.

Piubelli vede coronati i sogni di ragazzino quando, nella stagione dello scudetto, era arrivato alle giovanili del Verona e ammirava i campioni allenati da Bagnoli. Solo 4 anni dopo anche lui è fra quelli che hanno la fortuna di allenarsi agli ordini dell'Osvaldo dei miracoli.

Ritiro estivo 1989
Ritiro estivo 1989. Un giovanissimo Paolo Piubelli, quarto da sinistra, viene aggregato alla prima squadra.

Sul tuo avambraccio destro fa bella mostra un tatuaggio con lo stemma del Verona. Quando lo hai fatto?

"L'ho fatto l'anno dello scudetto: ero entusiasta di vivere da ragazzo delle giovanili quel periodo irripetibile. Mi ricordo ancora la delusione della partita di Coppa Campioni con la Juventus: al Bentegodi ero raccattapalle, ho pianto a lungo per l'eliminazione dell'Hellas".

Già, un'eliminazione che brucia ancora, maturata, dopo il pari di Verona, nel silenzio del Comunale di Torino: gara a porte chiuse per il dopo - Heysel. La Juventus vinse 2-0 con i gol di Platini su rigore e di Serena ma il vero uomo partita, in casa bianconera, fu l'arbitro francese Wurtz. Elkjaer lo apostrofò in maniera piuttosto inequivocabile mimando una mazzetta di soldi.

"Lo scudetto lo abbiamo pagato caro" commenta Piubelli "Non sapremo mai esattamente cosa successe a livello societario". Quello che successe in campo invece lo sappiamo tutti: il Verona, dopo Brema, chiude un ciclo di risultati fantastici. Nel 1988-89, quando Piubelli comincia a entrare nel giro della prima squadra, il Verona di Bagnoli si salva all'ultima giornata, nonostante una pesante sconfitta 3-0 a Torino con la Juventus, per la concomitante sconfitta del Torino a Lecce. L'anno dopo, nonostante un mezzo miracolo compiuto da Bagnoli, la retrocessione è inevitabile. Non è certo quella la stagione ideale per dare spazio ai giovani: Piubelli si accomoda in panchina in occasione di Verona – Lazio 1-1 del 24 settembre 1989, ma poi non arriverà per lui la possibilità del debutto in quell'amaro campionato.




« Introduzione STAGIONE 1990-91 »

GRAZIE HELLAS!!!!


Di nuovo in A, passando per il via dopo i lunghi mesi di purgatorio grossiano, incapaci di esprimere il cuore e il coraggio che questi giocatori dovevano avere cacciato da qualche parte. È bastato l'arrivo di un tecnico normale, che non aveva mai vinto niente di importante in panchina prima ma che è uomo vero in grado di ricomporre i cocci frantumati dal calcio da xbox del suo predecessore per restituire quel briciolo di speranza e di fiducia in se stessi che era andato completamente perso. Setti, per fortuna, non ha ripetuto l'errore dell'anno precedente e pochi giorni dopo aver sbandierato la sua Coerenza (con la C maiuscola) si è fatto sopraffare dal Buonsenso (con la B maiuscola) per l'Arrembaggio (con la A maiuscola) finale. Strada tutta in salita dunque, ma una dopo l'altra il Perugia di Nesta, l'ostico Pescara e infine lo sfrontato Cittadella (che aveva abbattuto lo Spezia e soprattutto il Benevento) sono stati ostacoli che hanno esaltato la solidità e la forza di carattere del gruppo. Come tutti i grandi serial televisivi, quelli che ti inchiodano davanti allo schermo fino all'ultima puntata, non potevamo che legittimare l'impresa al Bentegodi con 2 reti da recuperare. Il palo di Laribi, la traversa di Pazzini con le parate di Paleari a Cittadella avevano mascherato un risultato bugiardo per come era scaturito, con i soli primi 20 minuti realmente concessi agli avversari. E rinviato tutto ad oggi, 2 giugno, festa della Repubblica e della Promozione in A. Di fronte ad un pubblico eccezionale, la squadra ha dominato per 90 minuti non concedendo neppure un tiro in porta. Il Cittadella ha corso e picchiato tutta la partita non riuscendo ad opporre altro che un agonismo strenuo. Sono felice per Zaccagni, Di Carmine (ma che gol ha fatto?) e Laribi. Sono felice per Aglietti unico a conquistare la promozione in A sia da giocatore che da allenatore. Sono felice per tutti i gialloblù. Sono felice e basta. Grazie Hellas, grazie di avermi scelto.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6621 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-06-26 02:55:34'} - {ts '2019-06-26 09:55:34'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019