domenica 26, h 12:30  

HELLAS VERONA

0
PISA0

PROSSIMO IMPEGNO
  sabato 1, h 15:00  
TRAPANI 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation


PAOLO PIUBELLI, "PAN E BALON"   
LE GIOVANILI GIALLOBLU E LE PRIME CONVOCAZIONI «
STAGIONE 1990-91   
STAGIONE 1991-92   
STAGIONE 1992-93   
STAGIONE 1993-94   
L'INFORTUNIO E UNA "NUOVA" VITA   


 

LE GIOVANILI GIALLOBLU E LE PRIME CONVOCAZIONI

Partiamo dall'inizio. Quando hai cominciato a giocare nel Verona?

"Sono arrivato nelle giovanili all'età dei giovanissimi, nel campionato 1984-85".

Un anno di grazia...

"Proprio così. Prima avevo giocato nell'Audace di San Michele Extra e nell'Arbizzano, paese dove vivevo con la famiglia, e mi sono ritrovato nelle giovanili del Verona nell'anno in cui la prima squadra vinceva lo scudetto".

Chi sono stati i tuoi allenatori nelle giovanili gialloblu?

Ne ho avuti diversi: Germano Pistori, Dario Baruffi, Fausto Nosè, Giuliano Sonzogni, Sergio Maddè e Dino Da Costa. Con Da Costa ci si allenava praticamente solo con la palla: torello e partitella. Va comunque detto che in quegli anni, anche a livello di prima squadra, non c'era il tatticismo esasperato che è arrivato poi qualche anno dopo. Ricordo che con lo stesso Fascetti non abbiamo mai visionato un filmato della squadra avversaria e preparato tatticamente la partita a venire".

Fausto Nosè è una "vecchia conoscenza" di Hellastory.

"Oltre che mio allenatore è stato uno dei giocatori che più ho apprezzato quando mio padre mi portava a vedere le partite del Chievo al Bottagisio. Me lo ricordo con la fascia da capitano del Chievo".

Paolo Piubelli si segnala come uno degli elementi più promettenti del vivaio gialloblu. Quando ancora ha l'età per giocare negli Allievi, viene costantemente convocato con la Primavera. All'età di soli 16 anni comincia quindi a respirare aria di prima squadra, potendo allenarsi qualche volta, sotto la guida di Osvaldo Bagnoli, con campioni del calibro di Galderisi, Caniggia, Pacione.

Piubelli figura per la prima volta nella lista dei 16 in occasione di Verona – Pescara 0-0 del 12 marzo 1989, a 17 anni compiuti da poco. Siede in panchina anche in Verona – Torino 0-0 del 16 aprile, ma in quella stagione entra comunque diverse volte nella lista dei convocati per la domenica.

"All'inizio fu ovviamente una grande emozione poter andare la domenica con la prima squadra, anche se si trattava solo di accomodarsi in tribuna a guardare i compagni. Poi però il fatto di andare in tribuna un po' cominciava a pesare: io giocavo il sabato con la Primavera, la domenica ero impegnato tutto il giorno con la prima squadra, e da lunedì mattina si riprendeva con gli allenamenti. Seduta al mattino e seduta pomeridiana, poi alla sera provavo ad andare al Pindemonte per prendere la maturità, ma finivo spesso per crollare addormentato sul banco. Non è che restasse poi molto tempo per la vita privata, e a 17 anni avere tutto il weekend occupato dal calcio era comunque impegnativo".

Sei riuscito a finire gli studi?

"Ho preso il diploma di ragioniere ma, a dire il vero, più grazie agli abbonamenti e magliette che regalavo che per meriti scolastici" racconta divertito.

Piubelli vede coronati i sogni di ragazzino quando, nella stagione dello scudetto, era arrivato alle giovanili del Verona e ammirava i campioni allenati da Bagnoli. Solo 4 anni dopo anche lui è fra quelli che hanno la fortuna di allenarsi agli ordini dell'Osvaldo dei miracoli.

Ritiro estivo 1989
Ritiro estivo 1989. Un giovanissimo Paolo Piubelli, quarto da sinistra, viene aggregato alla prima squadra.

Sul tuo avambraccio destro fa bella mostra un tatuaggio con lo stemma del Verona. Quando lo hai fatto?

"L'ho fatto l'anno dello scudetto: ero entusiasta di vivere da ragazzo delle giovanili quel periodo irripetibile. Mi ricordo ancora la delusione della partita di Coppa Campioni con la Juventus: al Bentegodi ero raccattapalle, ho pianto a lungo per l'eliminazione dell'Hellas".

Già, un'eliminazione che brucia ancora, maturata, dopo il pari di Verona, nel silenzio del Comunale di Torino: gara a porte chiuse per il dopo - Heysel. La Juventus vinse 2-0 con i gol di Platini su rigore e di Serena ma il vero uomo partita, in casa bianconera, fu l'arbitro francese Wurtz. Elkjaer lo apostrofò in maniera piuttosto inequivocabile mimando una mazzetta di soldi.

"Lo scudetto lo abbiamo pagato caro" commenta Piubelli "Non sapremo mai esattamente cosa successe a livello societario". Quello che successe in campo invece lo sappiamo tutti: il Verona, dopo Brema, chiude un ciclo di risultati fantastici. Nel 1988-89, quando Piubelli comincia a entrare nel giro della prima squadra, il Verona di Bagnoli si salva all'ultima giornata, nonostante una pesante sconfitta 3-0 a Torino con la Juventus, per la concomitante sconfitta del Torino a Lecce. L'anno dopo, nonostante un mezzo miracolo compiuto da Bagnoli, la retrocessione è inevitabile. Non è certo quella la stagione ideale per dare spazio ai giovani: Piubelli si accomoda in panchina in occasione di Verona – Lazio 1-1 del 24 settembre 1989, ma poi non arriverà per lui la possibilità del debutto in quell'amaro campionato.




« Introduzione STAGIONE 1990-91 »

PAURA DI VINCERE


Il problema del Verona è semplicissimo, nella sua complessità, e lo ha sintetizzato alla perfezione Gattuso nell'intervista di fine gara: la squadra che 4/5 mesi fa sembrava dover ammazzare il campionato con il gioco e gli interpreti migliori a disposizione ora è preoccupata e per questo non riesce più ad esprimersi come vorrebbe. Di conseguenza, nel vortice della frustrazione del tifoso, anche la negazione di un rigore SACROSANTO pesa all'inverosimile. Malafede, cospirazione di Palazzo o desiderio del presidente Setti di non voler salire in A sono le sciocchezze che si sentono in giro. Tutte frutto della difficoltà di non riuscire a spiegare razionalmente perché il gioiello è sfuggito di mano (da Cittadella in poi), più che reali convincimenti. Il catastrofismo e le teorie complottistiche nascono dall'incapacità umana di giustificare quello che accade, di comprendere l'inadeguatezza e gli errori che invece fanno parte di noi. Pertanto, passa quasi sotto traccia il duplice attacco fatto alla squadra dal Presidente in conferenza in merito alla scarsa concretezza dell'attacco e al gol «da stupidi» (parole sue) che abbiamo preso. Certo, fa molta più audience concentrarsi sull'abbaglio arbitrale piuttosto che sul pomeriggio tutto sommato tranquillo che ha trascorso Ujkani (una sola parata su Ganz, tutt'altra storia rispetto a Lanni 15 giorni fa), del comportamento mediocre registrato dalla squadra nel secondo tempo, degli errori di Pecchia che ha puntato sul frastornato Boldor in difesa e ha tolto Siligardi, lucido e in palla, giocatore che riesce ad esprimere la sua qualità quando ricopre una posizione centrale. Del fatto che, in definitiva, il Verona si regge esclusivamente sulla caratterialità di Franco Zuculini e sulle giocate del capitano. E gli altri, che fine hanno fatto?

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 5801 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2017-03-27 17:32:48'} - {ts '2017-03-28 00:32:48'}


19111912191319141915191919201921192219231924192519261927192819291930193119321933193419351936193719381939194019411942194319441945194619471948194919501951195219531954195519561957195819591960196119621963196419651966196719681969197019711972197319741975197619771978197919801981198219831984198519861987198819891990199119921993199419951996199719981999200020012002200320042005200620072008200920102011201220132014201520162017