PRESTITI GIALLOBLU: SUPER LE NOCI, BENE DIANDA! - Hellas Verona: Le Ultimissime su HELLASTORY.net
  domenica 18, h 15:00  
FIORENTINA2

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 3, h 20:45  

HELLAS VERONA

 
UDINESE 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Le Ultimissime

PRESTITI GIALLOBLU: SUPER LE NOCI, BENE DIANDA!

Hellastory: Le Ultimissime

PRESTITI GIALLOBLU: SUPER LE NOCI, BENE DIANDA!
PRESTITI GIALLOBLU: SUPER LE NOCI, BENE DIANDA!

Forse mai come lo scorso anno il Verona ha sperimentato quanto possa essere utile la soluzione del prestito per quei giocatori che non riescono a trovare spazio in gialloblu ed hanno bisogno di partite e fiducia per trovare la loro maturazione. Il caso Gomez in questo senso è emblematico: trasferitosi a Gubbio nel gennaio 2010 dopo una serie di panchine e tribune con il Verona, è tornato in riva all'Adige da top player per la serie B, diventando subito uno dei principali punti di forza della rosa a disposizione di Mandorlini. In maniera diversa, ma ugualmente efficace, la formula del prestito è servita a Pugliese per maturare esperienza nel campionato cadetto e tornare in gialloblu pronto a fornire un'ottima alternativa per la difesa.

Considerando queste esperienze positive, e riprendendo un'antica consuetudine di Hellastory.net, quest'anno analizzeremo periodicamente il rendimento dei gialloblu in prestito, in modo da seguirne passo dopo passo i progressi e capire se potranno essere utili in futuro alla causa dell'Hellas.
Partiamo oggi con il primo check point dopo la terza giornata dei campionati di Lega Pro (dove militano tutti i gialloblu in prestito), segnalando subito un super-Le Noci, autore di 4 reti in 4 giorni con la maglia della Cremonese.

DUSATTI: Secondo portiere della Sambonifacese sempre sconfitta nelle prime 3 gare di campionato, non ha ancora giocato alcun minuto.

DIANDA: Arrivato alla Ternana l'ultimo giorno di calciomercato, Dianda non ha giocato la prima di campionato e si è limitato agli ultimi 18 minuti della seconda. Il giovane africano però ha qualità e si sta mettendo in luce: domenica è infatti entrato in campo al 61' (sull'1-1 della Ternana con il Foligno), dimostrandosi incontenibile sulla fascia destra. Al 67' proprio da un suo cross teso è nata l'azione che ha portato il compagno Pisacane a segnare in spaccata il gol del definitivo 2 a 1.

CIOTOLA: Dopo gli elogi di Galliani in pre-campionato (Nicola si era messo in luce con un'ottima prestazione in amichevole contro il Milan), Ciotola ha giocato i primi 53' nella prima di Lega Pro ed è subentrato nella seconda, mentre domenica scorsa ha disputato tutta la gara dimostrando una condizione in crescita. Il suo Como (7 punti in 3 gare) è secondo in campionato.

LE NOCI: Ha debuttato con la maglia grigio-rossa questa domenica (nella prima giornata era dato tra i titolari ma la gara è stata rinviata, mentre ha saltato la seconda) ed è stato il grande protagonista del 4-2 rifilato dalla Cremonese al Bassano. Le Noci ha segnato al 5', al 32' e al 39', mettendo in mostra una grande capacità di farsi trovare al posto giusto. Il primo gol è arrivato grazie ad una punizione battuta veloce da Musetti e all'indecisione della difesa veneta. Il secondo è stato il terminale di un'azione creata sulla destra da Rabito e Polenghi, autore dell'assist decisivo. Il terzo su una prodezza di Musetti, in anticipo sul portiere e generoso nell'assist per il compagno. Le Noci nella stessa partita ha inoltre colpito una traversa su un tiro di destro a rientrare ed ha costretto il portiere avversario Grillo ad una prodezza grazie ad un'altra conclusione insidiosa. Non contento della performance di domenica, Le Noci è andato a segno anche nel recupero della prima giornata giocato mercoledì, realizzando su rigore la seconda rete nel 3-0 rifilato alla Carrarese. Con 4 gol nelle 2 gare disputate, Le Noci si trova già al vertice della classifica marcatori di Lega Pro, a pari merito con due vecchie volpi come Ciro Ginestra (Sorrento, girone A) e Denis Godeas (Triestina, girone B), che però hanno giocato una partita in più.

TORREGROSSA: Autore di 1 gol nella vittoria di 2-0 sul Pergocrema in Coppa Italia di Lega Pro, il promettente attaccante siciliano si è poi infortunato e, complice l'indisponibilità, non ha ancora trovato spazio in campionato.

Prestiti gialloblu: dati aggiornati al 21 settembre 2011:
Giocatore Anno Ruolo Squadra Serie Pres.* Gol* Minuti*
Alessandro DUSATTI 1992 Por Sambonifacese 2° Div. 0 0 0
Salif DIANDA (BFA) 1987 D Ternana 1° Div. 2 0 48
Nicola CIOTOLA 1984 Ala Como 1° Div. 3 0 165
Giuseppe LE NOCI 1982 Punta Cremonese 1° Div. 2 4 175
Ernesto TORREGROSSA 1992 Punta Monza 1° Div. 0 0 0


*Dati aggiornati al 21 settembre 2011 e riferiti alle sole gare di campionato


Enrico

[la scheda di Giuseppe Le Noci]



Hellastory, 21/09/2011

CIOFFI ALLA RICERCA DEL VERONA PERDUTO


Ho l'impressione che, dopo la confusione generata dal mercato, si continui crearne di nuova anche nelle soluzioni tattiche partita dopo partita. Laddove Tudor aveva trovato la fortuna del Verona dando continuità al lavoro di Juric migliorandolo gradatamente con il suo stile personale, Cioffi invece, ha stravolto priorità e leadership cancellando di fatto ogni tipo di continuità. Quando in conferenza stampa parla dei singoli, traspare evidente il suo concetto di base secondo cui «tutti sono in discussione, nessuno è sicuro di giocare». Questo probabilmente dipende dal fatto che lui ritiene efficaci alcune teorie aziendali (peraltro, recentemente messe in discussione dalle prove dei fatti) che mettono in competizione tutti i collaboratori ponendoli gli uni contro gli altri al fine di migliorare la produttività. Giovani contro vecchi, arroganza contro esperienza. Ma così facendo, il mister ha di fatto eliminato tutti i riferimenti degli ultimi anni. Ogni partita scende in campo una formazione diversa e i 5 cambi a disposizione, anziché consolidare, sperano di ribaltare quello che non sono riusciti ad esprimere in campo i titolari. O sbaglia la formazione iniziale, o non trasmette la giusta concentrazione, fatto sta che il Verona sbaglia quasi sempre l'approccio (salvo forse solo il primo tempo con la Lazio). Quello che emerge è infatti un Hellas continuo cantiere aperto dove la paura di sbagliare (e quindi di perdere l'opportunità a disposizione) condiziona ogni singolo giocatore che non riesce poi ad esprimersi al meglio per due partite di seguito. E' una squadra che non costruisce gioco, che fatica a difendersi, che non ha un'identità. Gunter, Ilic, Tameze, lo stesso Lazovic costretto a cambiare più ruoli, non sono più gli stessi. D'altra parte, in questa confusione generale, purtroppo continuano a trovare spazio i modesti Lasagna, Depaoli, Dawidowicz e Djuric di cui non comprendo il valore.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7811 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-09-28 11:35:19'} - {ts '2022-09-28 18:35:19'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022