L'HELLAS SBANCA IL BOTTEGHINO: SI PUNTA AL RECORD ASSOLUTO DI INCASSI IN B DEGLI ULTIMI 7 ANNI! - Hellas Verona: Le Ultimissime su HELLASTORY.net
  domenica 18, h 15:00  
FIORENTINA2

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 3, h 20:45  

HELLAS VERONA

 
UDINESE 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Le Ultimissime

L'HELLAS SBANCA IL BOTTEGHINO: SI PUNTA AL RECORD ASSOLUTO DI INCASSI IN B DEGLI ULTIMI 7 ANNI!

Hellastory: Le Ultimissime

L'HELLAS SBANCA IL BOTTEGHINO: SI PUNTA AL RECORD ASSOLUTO DI INCASSI  IN B DEGLI ULTIMI 7 ANNI!
L'HELLAS SBANCA IL BOTTEGHINO: SI PUNTA AL RECORD ASSOLUTO DI INCASSI  IN B DEGLI ULTIMI 7 ANNI!

Si è chiusa la prima parte di campionato ed è tempo di primi bilanci, non solo sportivi ma anche di tipo economico. In attesa di avere a disposizione i dati dell'ultimo bilancio approvato dalla società Hellas Verona (al 30/06/2012), al quale dedicheremo nei prossimi giorni qualche riga per capire che aria tira in via Torricelli e quali possono essere le prospettive future della nostra società, aldilà delle capacità finanziarie, probabilmente limitate, del nostro ambizioso presidente Maurizio Setti, dedichiamo oggi uno spazio a quello che rimane - lo dicono i numeri, non solo i giocatori in campo - il più grande patrimonio della nostra società: la tifoseria.

Nonostante i mass media continuino a dipingerla come una dei grandi mali del calcio italiano, censurando (trasferta di massa a Milano) o ingigantendo di volta in volta i fatti con chirurgica precisione per metterne in luce difetti ed oscurarne i pregi, è chiaro che salvo una piccola ingombrante e ormai sopportabile minoranza, la tifoseria gialloblu rimane una delle più numerose, colorate ed appassionate del panorama calcistico nazionale. E, ne siamo convinti, non certo per merito di quella minoranza rumorosa che purtroppo da tempo danneggia l'immagine di società, città e tifoseria, quanto di quella maggioranza, mediaticamente ignorata, che va allo stadio solo per passione della maglia gialloblu, per rivedere quei colori che tante emozioni ci hanno regalato in passato, battersi per trionfare ancora una volta sul campo.

A livello di numero di spettatori, lo abbiamo più volte evidenziato negli scorsi mesi, il pubblico veronese non conosce concorrenti nella serie B di quest'anno. Sparite in un colpo solo tutte le grandi piazze, il Verona si è trovata a quasi doppiare la più immediata inseguitrice (il Cesena), sia come numero di paganti che di abbonati, e di fatto tutte le partite più viste della stagione sono state disputate dalla squadra gialloblu in casa ma anche in trasferta dove il seguito di veronesi è sempre foltissimo (in 6 delle 11 trasferte il Verona ha fatto segnare il record di presenze stagionali della squadra ospite: a Brescia, Cittadella, Crotone, Modena, Padova e Vicenza).
Di seguito pubblichiamo una tabella con i dati degli spettatori medi e degli abbonati per partita nella prima parte del torneo cadetto:

Classifica spettatori e abbonamenti serie B stagione 2012/2013:



N. Squadra Media sp. Partite Abbonati
1. Hellas Verona 14.665 11 11.564
2. Cesena 9.343 11 7.580
3. Vicenza 6.654 11 5.259
4. Bari 6.204 11 5.837
5. Padova 6.087 11 4.019
6. Spezia 5.948 10 4.150
7. Livorno 5.733 11 2.779
8. Ternana 5.677 11 2.594
9. Modena 5.068 10 2.448
10. Novara 4.686 11 3.410
11. Brescia 4.082 11 3.828
12. Crotone 3.781 10 2.547
13. Varese 3.624 10 2.599
14. Sassuolo 3.542 11 1.528
15. Reggina 3.337 12 2.795
16. Ascoli 2.831 11 1.365
17. Empoli 2.527 11 1.409
18. Juve Stabia 2.466 11 1.403
19. Cittadella 2.306 11 1.516
20. Lanciano 1.969 12 1.335
21. Pro Vercelli 1.863 11 1.041
22. Grosseto 1.730 10 1.003


Ma lo strapotere della tifoseria gialloblu è ancora più evidente a livello economico. I prezzi di abbonamenti e biglietti al Bentegodi sono infatti i più alti della cadetteria e così mentre Cesena, Ternana e Livorno, le società che hanno registrato maggiori incassi al botteghino in questa prima parte di stagione, a fine campionato si dovranno accontentare al massimo di un milione di euro di incassi lordi complessivi, l'Hellas ha tutte le carte in regola per più che triplicare quel dato e di migliorare i 3.271.762 incassati lo scorso anno, quando il Verona chiuse davanti a colossi come Torino (3.066.410), Sampdoria (3.053.876) e lo stesso Pescara di Zeman (2.442.492). Addirittura il Verona 2012/2013 potrebbe superare il record di incassi stagionali in serie B degli ultimi 7 anni, registrato dal Bologna 2007/08, con 3.555.584.

La campagna abbonamenti ha chiuso con un +9,6% di presenze (11.564 abbonati contro i 10.551 del 2011/12) ed un +11,9% di incassi (2.283.372 contro 2.039.992 del 2011/12). Il Verona ha perciò già maturato un vantaggio di quasi 250 mila euro rispetto allo scorso anno.

I biglietti venduti nelle singole partite hanno invece per il momento fatto registrare un calo: -16,7% nelle prime 11 partite rispetto alle prime 11 dello scorso anno (media di 3.025 biglietti contro 3.632).
Il calo è da imputarsi alla perdita di squadre dal grande richiamo (Torino, Sampdoria e Pescara di Zeman) che erano peraltro tutte state sfidate al Bentegodi nella prima parte di stagione.
Quest'anno invece il calendario è stato più avaro di big match nel girone di andata ed è pertanto facile preventivare una crescita dei biglietti venduti nelle partite casalinghe nel girone di ritorno, che prevede al Bentegodi i derby contro Vicenza e Padova, i big-match contro Varese, Livorno e Brescia e la volata finale di campionato, si spera in aperta lotta per la promozione, contro Cittadella, Pro Vercelli ed Empoli. E' perciò presumibile che l'attuale media di 3.025 biglietti a partita salga e si avvicini al dato di fine stagione 2011/12 (3.533). Sarebbe a quel punto possibile superare i 3,5 milioni di euro di incassi e segnare il record degli ultimi 7 anni della serie B (si veda sotto la Top 10).

Lo spera il presidente Setti. Ma in fondo lo sperano anche i tifosi, ben sapendo quanto anche oggi, nel calcio delle tv, la forza economica al botteghino e nel merchandising (altro ambito sulla quale si stanno concentrando gli sforzi della nuova proprietà), siano fondamentali per garantire un solido futuro alla nostra amata società.

Francesco


Top 10 incassi stagionali serie B dal 2006/07 al 2011/12:


N. Squadra Stagione Incassi Media spet.
1. Napoli 2006/07 7.855.423 35.176
2. Juventus 2006/07 6.111.539 18.085
3. Genoa 2006/07 4.766.475 19.934
4. Bologna 2007/08 3.555.584 13.036
5. Bari 2008/09 3.326.064 15.345
6. Hellas Verona 2011/12 3.271.762 14.084
7. Bologna 2006/07 3.242.055 10.949
8. Torino 2011/12 3.066.410 15.897
9. Sampdoria 2011/12 3.053.876 20.854
10. Torino 2009/10 3.020.974 13.584
11. Torino 2010/11 2.475.377 11.413
12. Pescara 2011/12 2.442.492 13.940

[Vai alla pagina su Hellastory]



Hellastory, 07/01/2013

CIOFFI ALLA RICERCA DEL VERONA PERDUTO


Ho l'impressione che, dopo la confusione generata dal mercato, si continui crearne di nuova anche nelle soluzioni tattiche partita dopo partita. Laddove Tudor aveva trovato la fortuna del Verona dando continuità al lavoro di Juric migliorandolo gradatamente con il suo stile personale, Cioffi invece, ha stravolto priorità e leadership cancellando di fatto ogni tipo di continuità. Quando in conferenza stampa parla dei singoli, traspare evidente il suo concetto di base secondo cui «tutti sono in discussione, nessuno è sicuro di giocare». Questo probabilmente dipende dal fatto che lui ritiene efficaci alcune teorie aziendali (peraltro, recentemente messe in discussione dalle prove dei fatti) che mettono in competizione tutti i collaboratori ponendoli gli uni contro gli altri al fine di migliorare la produttività. Giovani contro vecchi, arroganza contro esperienza. Ma così facendo, il mister ha di fatto eliminato tutti i riferimenti degli ultimi anni. Ogni partita scende in campo una formazione diversa e i 5 cambi a disposizione, anziché consolidare, sperano di ribaltare quello che non sono riusciti ad esprimere in campo i titolari. O sbaglia la formazione iniziale, o non trasmette la giusta concentrazione, fatto sta che il Verona sbaglia quasi sempre l'approccio (salvo forse solo il primo tempo con la Lazio). Quello che emerge è infatti un Hellas continuo cantiere aperto dove la paura di sbagliare (e quindi di perdere l'opportunità a disposizione) condiziona ogni singolo giocatore che non riesce poi ad esprimersi al meglio per due partite di seguito. E' una squadra che non costruisce gioco, che fatica a difendersi, che non ha un'identità. Gunter, Ilic, Tameze, lo stesso Lazovic costretto a cambiare più ruoli, non sono più gli stessi. D'altra parte, in questa confusione generale, purtroppo continuano a trovare spazio i modesti Lasagna, Depaoli, Dawidowicz e Djuric di cui non comprendo il valore.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7811 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-09-28 10:14:22'} - {ts '2022-09-28 17:14:22'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022