Dossier 2007/08 parte 1 parte 2 parte 3 parte 4 parte 5

parte 1 - QUALCOSA DA SALVARE?
di Davide

QUALCOSA DA SALVARE?

Un campionato di serie C, il primo della storia “moderna” del Verona, è di per sé una brutta esperienza. Quando poi è condotto sempre in fondo alla classifica e la salvezza arriva all’ultimo minuto di uno spareggio, si rischia di dover coniare nuovi aggettivi per definire la situazione, oppure è il caso di affidarsi al dialetto e la definizione “l’è ‘na val che se brusa”, mi sembra la più adatta al caso. Difficile trovare qualcosa di positivo nella stagione appena conclusa, difficile salvare qualcosa o qualcuno, ma è uno sforzo che in qualche modo dobbiamo fare, da una parte perchè obiettivamente, qualcosa da salvare c’è, dall’altra perchè pensare di aver toccato il fondo a volte serve ad esorcizzare le paure, a contenerle nella frase fatta “si può solo risalire”. Di questa stagione mi resterà il profondo disagio provato quando ho letto per la prima volta il calendario: Legnano, Paganese, Pro Sesto, Foligno... ma quando mai? Il caso ha voluto che il calendario, stampato su una pagina de L’Arena, mi sia capitato in mano proprio un pomeriggio in cui mi dedicavo allo svuotamento dell’armadio causa trasloco. E il caso, bastardissimo, ha voluto che mentre mi rigiravano in testa i nomi delle squadre semisconosciute della C, mi capitasse tra le mani una sciarpa del PAOK Salonicco che risale alla “prima” di Coppa Campioni, una sciarpetta avuta in dono da una tifoso ospite, un ricordo che conservo come una reliquia. Povero Hellas! Che brutta fine. Purtroppo, sono stato anche buon profeta, e prima ancora che iniziasse questo campionato disastroso, ho avuto modo di esprimere il mio dissenso (e non sono stato il solo) per la scelta di Colomba e per una campagna acquisti condotta senza cognizione di causa. Non capivo tanto entusiasmo e tanta sicurezza, ma non avrei mai pensato, onestamente, che avremmo rischiato la C2. Di questa stagione mi resterà il senso di impotenza che provavo mentre guardavo squadre dai nomi e dai colori improbabili (non me ne vogliano i legnanesi ma io non riuscirei a tifare per una squadra “lilla”) che spadroneggiavano al Bentegodi, su quello stesso campo che tante volte aveva trasformato i miei sogni in realtà, dove avevo visto uscire umiliati giocatori come Platini, Maradona, Zico, Van Basten... Mi resterà anche lo spavento provato la prima volta che ho visto Orfei, se non fosse impossibile per evidenti ragioni anagrafiche, direi che potrebbe essere stato il modello per “L’urlo” di Munch. L'Urlo di Munch Infine, mi resterà la gioia del gol di Zeitu all’89 della gara di ritorno dei play-out, ultimo atto della stagione. A Busto Arsizio non c’ero, impegni familiari mi hanno tenuto lontano da un epilogo al quale non avrei mai voluto mancare. La partita l’ho sentita in tv, facendo zapping tra Telearena e Telenuovo, in pratica alternando i due canali nel momento in cui si sintonizzavano con Grosseto, dove il Chievo si giocava la promozione in serie A. Ad un certo punto, quando la gara stava ormai volgendo al termine, sono stato preso da una muta rassegnazione, la serie C2 era lì, ad un passo, e il prossimo calendario ci avrebbe riservato altre sorprese: Cuneo, Nuorese, Ivrea... e già pensavo al possibile titolo per un Pro Vercelli – Verona “8 scudetti in campo nel derby delle nobili decadute”. E intanto il Chievo... Lo ammetto senza vergogna: ho cambiato canale e ho guardato Mister Bean su Italia Uno! Però ci speravo ancora e mi dicevo che alla prima pubblicità avrei rimesso su una tv veronese e là sopra, nel rettangolino con il risultato, avrei visto il fatidico 1-1. E così è stato signori miei! Ho cambiato canale e ho visto la tribuna di Busto in festa, Zeitu aveva appena segnato e la Pro Patria non ci credeva più. Era fatta. Sul divano, da solo, in quel grigio pomeriggio di mezza primavera, il Verona mi ha regalato l’ennesima emozione e nel preciso momento in cui l’arbitro ha fischiato tre volte, ho capito che qualcosa da salvare in questa stagione drammatica e vergognosa, c’era: i tifosi gialloblu! L’unica vera nota positiva siamo stati noi, i tifosi, sempre tanti, non solo sulle tribune del Bentegodi, ma in ogni parte della città e delle provincia, sempre tanti e sempre lì, costretti a soffrire le pene di un contrappasso immeritato, costretti a gioire per una salvezza in serie C. Mi spiace per Davide Pellegrini, che merita un applauso sincero e un grazie di cuore, mi spiace per quei 3-4 giocatori che hanno onorato la maglia, giusto riconoscergli dei meriti, ma io, di questa stagione, salvo solo i tifosi, l’unico vero capitale dell’Hellas Verona. Il resto spero che diventi il prima possibile solo un brutto ricordo.

Andrea Perazzani 2003-2019 Hellastory è ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel. Per una corretta visione si consiglia l'uso del browser Microsoft Internet Explorer versione 5 o successiva con Javascript, Popup e Cookies abilitati. Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte. Per qualunque informazione contattateci. []