Verona, 21.09.2012 ore 21:00 - Serie B - Giornata 5
                     
HELLAS VERONA - NOVARA

HELLASTORY Match
COMMENTO

FOR
MAZIONI- Mandorlini sceglie il collaudato 4-3-3, affidandosi alla classe di Hallfreddsson e alla ritrovata vena realizzativa del bomber Cacia. Tesser punta invece sul rombo a centrocampo, sarà infatti Lazzari ad agire alle spalle delle due punte, Piovaccari e Gonzalez.
PRIMO TEMPO- La gara parte subito forte, il Verona trova il goal del vantaggio dopo soli quattro minuti, quando Hallfreddsson premia l'inserimento in area da sinistra del brasiliano Martinho, che con un tiro mancino sul secondo palo supera Bardi.
I piemontesi, colpiti a freddo, stentano a riorganizzarsi, e sono i padroni di casa a sfiorare il raddoppio in almeno un altro paio di occasioni. Al 45' il Novara ha però la sua clamorosa occasione in contropiede con Lazzarri che, tutto solo a centro area, di testa, spara addosso a Rafael, che poi salva anche su Piovaccari. Il primo tempo si chiude così sull'1-0 per il Verona.
SECONDO TEMPO- Nella ripresa la partita sembra spegnersi, il Novara prova a spingere ma senza mai rendersi davvero pericolosa dalle parti di Rafael. All'84' però ecco la svolta, Le Piller prova una conclusione dal limite, ribattuta dalla retroguardia veneta, la palla arriva a Alhassan che senza pensarci scarica una botta potentissima che si insacca alle spalle di Rafael. E' 1-1.
Quattro minuti dopo il Novara sfiora addirittura l'incredibile vantaggio, con l'argentino Gonzalez che si incunea alla grande in area da sinistra e deposita però la rete sull'esterno della rete. Inutile l'arrembaggio finale dei padroni di casa, la gara si chiude in parità.
CHIAVE- Il Novara mostra di soffrire maledettamente il binario sinistro dei padroni di casa, dove l'accoppiata composta da Cacciatore e Hallfreddsson prende in mezzo spesso, specie nel primo tempo, il diretto avversario.
MOVIOLA- Nel complesso buona la prova dei direttori di gara. (commento tratto da www.goal.com)


I BUTEI

Lo stadio nei primi dieci minuti è da brividi, uno spettacolo autentico. Poi mano a mano che l'Hellas si perde nel campo l'entusiasmo nelle tribune si raffredda tanto da concludersi a fine gara con qualche sporadico e timido fischio. Per fortuna che cè la curva, che invece mantiene viva la fiamma del tifo e dell'entusiasmo per tutti i novanta minuti ed oltre. Come al solito protagonista.


INTERVISTE

-
 
   
 

5,5 Rafael D.
Nel primo tempo si rende protagonista di un doppio intervento miracoloso ma rovina tutto a 5 minuti dalla fine quando si fa sorprendere dal fendente da 30 metri di Alhassan. L''errore non è così clamoroso come potrebbe sembrare a prima vista (traiettoria insidiosa e imprevedibile), ma gli costa comunque la sufficenza.
5 Abbate M.
Ci dispiace essere così duri con un giocatore che lo scorso anno si è sempre distinto per la generosità e la forza atletica. Però il campo sia a Vicenza che con il Novara ha dato un responso impietoso: ora che la condizione fisica di non è al top, il giocatore sta soffrendo moltissimo. Tanti errori nei passaggi, tanto affanno nel rincorrere gli avversari, zero propensione offensiva. Da recuperare.
6 Moras E.
Gioca in maniera pulita ed ordinata però anche lui macchia la prestazione con la dormita su Gonzales che rischia di costare all''Hellas una clamorosa sconfitta allo scadere.
6 Maietta D.
Mimmo riscatta gli errori difensivi di Vicenza rendendosi protagonista di una partita grintosa contro gli attaccanti del Novara. In progresso ma non ancora al top. Come il compagno Moras in più di un''occasione non è andato per il sottile «sparacchiando via» la palla per liberare la difesa dalla pressione costante degli avversari. Peccato per la generosa azione finale sfumata per mancanza di assistenza da parte dei compagni
6 Cacciatore F.
Generosissimo, corre su e giù per la fascia per tutta la partita e, soprattutto nel primo tempo, insieme a Martinho e Halfredsson mette in ambascie la fascia destra del Novara. Tutti i pericoli creati dal Verona partono da lì. Peccato che con il passare del tempo le offensive diventino sempre più innocue e Cacciatore, anche per problemi di piede, non riesca mai a servire in mezzo un cross per le teste di Cacia (prima) e Bojinov (poi)
5,5 Jorginho J.
Passo indietro per Jorginho. Di fronte al pressing asfissiante del Novara, che raddoppia sempre sui portatori di palla, anche Jorginho finisce per andare in apnea. Così arrivano i primi palloni persi e, soprattutto, una grossa difficoltà nel produrre gioco. Sfigura nel confronto con l'altra mezzala, Martinho.
5 Bacinovic A.
Gli diamo 5 perchè siamo generosi. Praticamente nullo in fase di interdizione, è sempre in apnea anche quando ha la palla tra i piedi e da suo clamoroso errore nasce il contropiede che potrebbe costare già a fine primo tempo la capitolazione. Un errore che ha fatto imbestialire Mandorlini che a fine partita non le ha mandate a dire. Pazienza in via di esaurimento.
7 Martinho A.
Martinho migliore in campo e non solo per il gol. La sua è anche una prova generosissima, fatta di umiltà, corsa e precisione. Da inizio anno è sempre lui una delle (poche) note positive.
7 Hallfredsson E.
Criticato forse eccessivamente per il calo sul finire della scorsa stagione e lo stentato avvio in questa, con il Novara Halfredsson è tornato a macinare gioco e kilometri. Metabolizza al meglio la mossa a sorpresa di Mandorlini che lo schiera ala e lungo tutto il primo tempo, insieme a Martinho, fa impazzire gli avversari. Peccato non possa giocare contemporaneamente anche in mezzo al campo. La sua assenza nella zona nevralgica si sente eccome.
5 Gomez Taleb J.
Un fantasama. Cammina per il campo, sempre fuori dal gioco, non pressa sugli avversari, l'ombra del giocatore talentuoso e grintoso del finale della scorsa stagione. Mandorlini sicuramente non mancherà di farsi sentire.
5,5 Cacia D.
In 70' minuti di gioco gli arrivano tre palloni di numero; difficile per lui poter combinare qualcosa di buono. Lo vorremmo però un pò più presente sui rinvii di Rafael e della difesa: da lui ci si aspetta, oltre che i gol, anche la capacità di far salire e respirare la squadra soprattutto in partite tirate come quella contro il Novara.
5,5 Laner S.
Entra al posto di un impacciatissimo Bacinovic e, sinceramente, i miglioramenti non si vedono. Anche lui finisce vittima del pressing asfissiante degli avversari.
sv Božinov V.
Troppi pochi minuti e, soprattutto, troppe poche palle giocabili, per poterlo giudicare.
sv Ceccarelli L.
Mandorlini con una mossa discutibile lo inserisce negli ultimi 5 minuti portando la difesa a 5. Fa in tempo a vedere il gol del pareggio e a perdersi Gonzales in quella che potrebbe essere la capitolaione. Gli regaliamo un senza voto.

Serie B - 5a giornata
Verona, 21/9/2012  

HELLAS VERONA FC
D.Rafael ; M.Abbate , F.Cacciatore , D.Maietta , E.Moras ; A.Bacinovic (54' S.Laner) , E.Hallfredsson , J.Jorginho , A.Martinho (83' L.Ceccarelli) ; D.Cacia (73' V.Božinov) , J.Gomez Taleb .
1
marcatori  4' A.Martinho
ammoniti S.Laner
Bardi; Del Prete (73' M.Lepiller), Lisuzzo, Ludi, Parravicini (54' Buzzegoli); Marianini, Ghiringhelli, Alhassan; Lazzari; Gonzalez, Piovaccari (61' Baclet).
All. Tesser
1
marcatori  85' Alhassan
ammoniti Lisuzzo, Ghiringhelli
Arbitro Ciampi Maurizio (Roma 1 - RM)
Recupero -
Andrea Perazzani 2003-2017 Hellastory è ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel. Per una corretta visione si consiglia l'uso del browser Microsoft Internet Explorer versione 5 o successiva con Javascript, Popup e Cookies abilitati. Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte. Per qualunque informazione contattateci. []