Coppa Italia 1970/71

Il Verona in Coppa Italia LA MANIFESTAZIONE E IL CONTESTO STORICO

L'edizione 1970-71 della Coppa Italia è caratterizzata da un grande equilibrio. Basti pensare che nemmeno il girone finale con gare di andata e ritorno e i tempi regolamentari e supplementari dello spareggio tra le prime classificate serve a decretare un vincitore. Milan e Torino, le due protagoniste dell'edizione, si trovano così a doversi giocare la Coppa alla lotteria dei rigori.

Il Torino è arrivato al girone finale vincendo la fase eliminatoria con Sampdoria, Ternana e Genoa e facendo fuori poi la Roma ai Quarti (1-0 all'andata e al ritorno); il Milan, dal canto suo, ha superato la prima fase con Mantova, Brescia e Varese a punteggio pieno, e ha battuto il Livorno ai Quarti (4-0 e 2-0). Nel girone finale, poi, le due squadre hanno concluso con il primo posto a pari punti (9), davanti a Fiorentina e Napoli; e siccome anche negli scontri diretti tra le due squadre c'è una situazione di perfetta parità (all'andata è finita 1-0 per il Torino, mentre al ritorno hanno vinto 3-2 i rossoneri) si arriva a giocarsi tutto allo spareggio.

La gara decisiva viene disputata a fine giugno a Genova. In campionato il Milan è arrivato secondo facendosi rimontare dai cugini dell'Inter dopo essere stato campione d'inverno, mentre il Torino non è andato oltre a un deludente 8•° posto. I granata sono ricchi di giovani di grande talento (Sala, Pulici e Petrini su tutti) ma decisamente poco incisivi in attacco (l'ex-gialloblu Bui ha ormai iniziato la sua parabola discendente e le altre punte sono ancora acerbe) e si presentano così sfavoriti allo spareggio. La loro maggior freschezza si rivela però decisiva e il Torino, con una gara difensiva, riesce a contenere abbastanza agevolmente la classe di Rivera e le avanzate di Prati. Ne esce un brutto 0-0, che alla fine premia proprio i granata, capaci di imporsi per 5 a 3 ai rigori. Il Torino festeggia così la sua 4•° Coppa Italia.

Numeri dell'edizione. Squadre partecipanti: 36. Marcatori: Gianni Rivera (Milan) con 7 gol.

Accadeva quell'anno. 1971:
- Viene realizzato il primo microprocessore.

Nella foto sotto il bomber brasiliano Sergio Clerici. Al secondo anno in gialloblu, disputa un'ottima stagione e si conferma il miglior realizzatore del Verona.
clicca per ingrandire IL VERONA

Il Verona in quella stagione. Garonzi conferma Lucchi e confonde il suo modulo eccessivamente prudente come virtuoso: la salvezza prima di tutto. Seguendo l'esempio delle grandi squadre, inaugura in questa stagione l'impianto sportivo Veronello, centro all'avanguardia per l'allenamento e il ritiro. Durante l' estate si libera di un'altra fetta importante del Verona spettacolare di Liedholm e Cadè cedendo Bui e Maddè al Torino e Savoia all'Atalanta in cambio di Mazzanti, ritornato a difendere i nostri colori dopo una buona stagione a Bergamo.

Mezza serie A si è rinforzata con i giovani talenti gialloblu. In questa stagione, il Verona non gioca solo il tradizionale derby geografico con il LR Vicenza, ma anche quello simbolico con la Roma di Scaratti, Petrelli e De Min; con il Torino di Cadè, Bui e Maddè; e infine con il neopromosso Varese di Liedholm, Traspedini, Bonatti e Nuti. Tutte queste squadre offriranno un calcio più spettacolare dei gialloblu e lo precederanno in classifica. A proposito di Bonatti, proprio nel corso della gara con il Verona, la forte mezzala si infortuna gravemente compromettendo così l'intera stagione e purtroppo anche la carriera.

Il Verona parte male, la squadra non gira e Clerici in avanti è troppo isolato. All'8•° giornata, dopo la bruciante sconfitta di Foggia per 3 a 0 (con reti dell'ex gialloblu Maioli, Bigon e Saltutti) Lucchi viene esonerato. Garonzi vuole il ritorno del bel calcio e si riconcilia in questo modo con i tifosi molto preoccupati. Chiama in panchina Ugo Pozzan, vice di Liedholm ai tempi della serie B, ottimo centrocampista degli anni '50 e scopritore di talenti. Lui ricambia la sua scommessa ricompattando l'ambiente, puntando sul gioco, e lanciando in prima squadra qualche giovane interessante, tra cui Bergamaschi, promettente mezzala proveniente dal vivaio. Ottimo l'esordio del nuovo mister gialloblu, 1 a 1 a San Siro con il fortissimo Milan (a segno Combin e Clerici). La squadra, rinfrancata, segue il suo nuovo tecnico e reagisce bene in campo: Garonzi è certo di ottenere la salvezza con la rosa a sua disposizione. Purtroppo, dopo poche partite si infortuna gravemente ad una spalla Pizzaballa compromettendo la stagione; la porta viene difesa dall'esperto - ma più modesto - Colombo detto «Penna bianca» per la capigliatura canuta. Anche questa difficoltà viene però superata: alla fine la salvezza viene conquistata addirittura con qualche domenica di anticipo: 11•° posto finale, con 7 vittorie,12 pareggi e 11 sconfitte. Un risultato molto importante e ottenuto meritatamente.

Batistoni è, per il terzo campionato consecutivo, il giocatore che totalizza l'en plain delle presenze (30) e Clerici, soprannominato «El Gringo» è nuovamente il capocannoniere dei gialloblu realizzando ben 10 delle 23 reti totali.

Il cammino dei gialloblu in Coppa Italia. Partecipazione decisamente deludente quella del Verona alla Coppa Italia 1970-71.
L'Hellas, che si trova in girone la Juventus e le modeste Arezzo e Novara, sembra poter avere le carte in regola per qualificarsi al turno successivo. Infatti la sfida più difficile, quella con la Juve, è prevista alla prima giornata al Bentegodi e in caso di vittoria la strada sarebbe poi spianata. La gara, molto attesa, va in scena il 30 agosto e ad andare in vantaggio, con Mascetti, è proprio il Verona, che sembra così consolidare le proprie speranze iniziali. Una sfortunata autorete di Moschino però vale l'1-1 finale.

Le due partite che rimangono, in trasferta contro Arezzo e Novara, sembrano decisamente alla portata dei gialloblu: invece, complice anche la sterilità offensiva cronica di quell'Hellas, entrambe si chiudono con una sconfitta per 1-0.
Alla fine a qualificarsi, a sorpresa, è il Novara, squadra cadetta in grado di superare in classifica la Juventus in virtù proprio del punto perso dai bianconeri a Verona.

Numeri dei gialloblu in Coppa Italia. Score: 3 partite, 0 vinte, 1 nulla, 2 perse, 1 gol fatti, 3 gol subiti, 1 punto. Marcatori: Mascetti con 1 gol.

Curiosità. Sono due le curiosità da segnalare per l'edizione 1970-71. La prima riguarda l'utilizzo del girone finale unico per eleggere la squadra vincitrice della Coppa Italia. Questa formula, adottata nella stagione 1967-68, viene utilizzata per l'ultima volta proprio nell'edizione 1970-71. Ebbene nelle 4 stagioni in cui è rimasta in vigore il Torino è stata l'unica squadra ad essersi sempre qualificata al girone finale, collezionando 2 primi (1967-68, 1970-71), 1 secondo (1969-70) e 1 quarto posto (1968-69).
La seconda curiosità consiste poi nel fatto che, per la prima volta nella storia, la Coppa 1970-71 viene assegnata ai rigori, con la vittoria del Torino sul Milan. Da allora i rigori decideranno la Coppa in altre 4 occasioni (con le vittorie di: Milan sulla Juventus nel 1972-73, Bologna sul Palermo nel 1973-74, Roma sul Torino nel 1979-80, Roma sul Torino nel 1980-81).


clicca per ingrandire RISULTATI

ELIMINATORIE: GIRONE 5

1•° PARTITA - 30 Agosto 1970

VERONA - Juventus 1-1 Mascetti (V), Meschino aut.(V).

2•° PARTITA - 05 Settembre 1970

Arezzo - VERONA 1-0 Quadalti (A).

3•° PARTITA - 13 Settembre 1970

Novara - VERONA 1-0 Gabetto (N).

CLASSIFICA FINALE

1. NOVARA 5 p; 2. Juventus 4 p; 3. Arezzo 2 p; 4. H. Verona 1 p.

In alto a destra, foto di gruppo per il Verona 1970-71. In piedi: Sirena, Nanni, Bergamaschi, Clerici, Batistoni, Mascetti; accosciati: Colombo, Mascalaito, Ferrari, Landini, D'Amato.
PRESENZE E GOL DEI GIALLOBLU
Giocatore Ruolo Presenze Reti
BATISTONI Stopper n.5 3 0
CLERICI Centravanti n.9 3 0
FERRARI S. Mediano di spinta n.4 3 0
MASCALAITO Libero n.6 3 0
MASCETTI Regista n.10 3 1
MAZZANTI Centrocampista n.8 3 0
MOSCHINO Centrocampista n.8/10 3 0
MUJESAN Attaccante n.9/11 3 0
Giocatore Ruolo Presenze Reti
NANNI Terzino destro n.2 3 0
ORAZI Ala destra n.7 3 0
PIZZABALLA Portiere n.1 3 -3
SIRENA Terzino sinistro n.3 3 0
D'AMATO Ala destra n.7 1 0
LANDINI D. Jolly difensivo n.2/3/5 1 0
STENTI Libero n.6 1 0

clicca per ingrandire GIRONE FINALE - 30 Maggio/2/13/16/20/23 Giugno 1971

Napoli - Fiorentina And. 2-2 Rit. 2-2

Torino - Milan And. 1-1 Rit. 2-1

Fiorentina - Torino And. 1-1 Rit. 3-2

Milan - Napoli And. 2-2 Rit. 0-0

Fiorentina - Milan And. 3-0 Rit. 3-1

Napoli - Torino And. 2-0 Rit. 2-1

CLASSIFICA FINALE

1. MILAN* 7 p; 2. TORINO* 7 p; 3. Fiorentina 6 p; 4. Napoli 4 p.

*Per determinare la vincitrice della Coppa Italia 1970-71 si rende necessario uno spareggio tra Milan e Torino.

SPAREGGIO - Genova - 27 Giugno 1971

TORINO - Milan 0-0 dts (5-3 ai rigori)

Nella foto in alto, il presidente del Torino, Orfeo Pianelli, festeggia la Coppa Italia assieme ai giocatori e ai dirigenti granata.

Torino: Castellini; Poletti, Fossati; Puia, Cereser, Agroppi; Rampanti, Ferrini, Petrini (77' Maddè), C. Sala, Luppi. All.: C. Cadè.
Milan: Belli; Anquilletti, Zignoli; Rosato, Schnellinger, Trapattoni; Zazzaro, Biasiolo, Combin, Rivera, Rognoni (79' Paina). All.: Rocco.
Arbitro: Francescon di Padova.
Andrea Perazzani 2003-2019 Hellastory è ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel. Per una corretta visione si consiglia l'uso del browser Microsoft Internet Explorer versione 5 o successiva con Javascript, Popup e Cookies abilitati. Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte. Per qualunque informazione contattateci. []