domenica 27, h 15:00  

HELLAS VERONA

1
UDINESE0

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 4, h 15:00  
PARMA 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Flashback

11 Novembre 1984: CREMONESE - VERONA 0 a 2

Hellastory: Flashback

11 Novembre 1984: CREMONESE - VERONA 0 a 2
11 Novembre 1984: CREMONESE - VERONA 0 a 2


dal nostro inviato Massimo

La ripresa del Campionato è piena di partite interessanti: cominciano con il clamoroso 4 a 0 con il quale l'Inter liquida la Juventus, Campione d'Italia (2 volte Rumenigge, Ferri e Collovati); proseguiamo con il derby campano tra Napoli e Avellino e quello capitolino tra Roma e Lazio entrambi conclusi in perfetta parità 0 a 0; concludiamo con il big match della giornata, quello che mette di fronte le due inseguitrici del Verona capolista, Torino e Milan. Partita bellissima e molto equilibrata per 80 minuti, fino a quando i due stranieri granata Schachner prima e Junior poi non decidono di piazzare due mazzate micidiali e di abbattere così il diavolo rossonero. Il Verona, dal canto, suo va in trasferta a Cremona, squadra che milita nei bassifondi della classifica, per un impegno che si preannuncia piuttosto facile. Almeno sulla carta.


LE ALCHIMIE DELLA GARA. Cremona, in questo periodo dell'anno ha un fascino tutto particolare. Sarà per merito dei suoi colori autunnali, il rosso ruggine delle foglie e il verde muschio dei giardini, sarà per la prima nebbia che emerge dalla campagna e che rende misterioso tutto quello che avvolge, sarà per il gusto un tantino snob che individua da sempre questa città. Isolata dalla via Emilia, conserva quel fascino unico e aristocratico che hanno tutti i centri che vivono esclusivamente della loro storia, cultura, tradizione. Ci sono splendide cittadine nella pianura Padana, trascurate dalle vie primarie di collegamento, che conservano una seduzione particolare nobilitata proprio al loro presunto isolamento. Mi riferisco a Vigevano, Pavia, Mantova e Treviso. E Cremona appunto. Città dominata dal bellissimo Torrione, alto 111 metri, un simbolo e un faro che richiama da tutte le posizioni geografiche la vicinanza del centro abitato; il suo cuore rigorosamente medioevale; le infinite bottegucce di artigiani. Sono liutai e dolciari in particolare. Eh sì, perché Cremona è terra di grandi musicisti (Monteverdi e Ponchielli) e di grandi maestri d'arte capaci di trarre sonorità ineguagliate da preziosi legni: al di là di tutto, nomi come i fratelli Amati, Stradivari e Guarnieri sono noti anche ai più profani. La medesima maestria, la troviamo anche nel gusto gastronomico: il famoso torrone, la mostarda, i tortelli con la zucca e il salame sono altrettanto celebrati a livello internazionale. Cremona dunque, vale sicuramente una visita.

Dal punto di vista sportivo, questa squadra non è altrettanto interessante. Alle prime esperienze in serie A, non riesce proprio a decollare. Quest'anno ha perduto anche quel Gianluca Vialli – finito alla Sampdoria - che sarà in assoluto il suo più grande talento di sempre. Il tecnico è uno tosto, Emiliano Mondonico, abilissimo a contenere le squadre avversarie e a non farle giocare, ma gli uomini a sua disposizione sono piuttosto modesti. Tra questi spicca l'ex gialloblu Bencina, 29 ottime presenze in B con noi nel 1979/80, e i discreti attaccanti Chiorri, ex doriano e bolognese e Nicoletti, ex comasco e veronese di nascita. Il giocatore più rappresentativo è però il furetto brasiliano Juary, reduce da buone esperienze ad Avellino e all'Inter, ma anche da un brutto infortunio. Per il resto, solo ragazzi molto giovani emersi dallo stesso fortunato vivaio che ha prodotto Vialli e curato con attenzione da Favalli e Cesini.

La Cremonese ha oggi solo 3 punti in classifica, ma alla prima giornata di campionato ha battuto in questo campo niente meno che il Torino. Adesso però viene da 3 sconfitte consecutive e la panchina del Mondo è in bilico. Occorre quindi assolutamente fare risultato contro il Verona capolista, altrimenti si rischia di compromettere l'intera stagione già nel girone di andata.

Anche il Verona deve assolutamente vincere per sfruttare l'impegno meno gravoso delle avversarie dirette. Per questo i gialloblu vanno a Cremona con la medesima formazione di sempre: tetragona dietro e temibile davanti. Non possono permettersi distrazioni: Fontolan segue il lunghissimo Nicoletti e Ferroni ripetere un duello molto particolare contro il suo ex compagno di squadra Chiorri, un giocatore un po' discontinuo, ma in possesso di buoni numeri. Ci saranno molte battaglie soprattutto a centrocampo, perché i grigiorossi confidano molto sull'agonismo. Vediamo che partita sarà.

MINUTO PER MINUTO. Gialloblu in completo giallo e stadio Zini, piccolino e antico come la sua città, stracolmo di gente.

Dopo soli 6' il Verona prova a passare con un'azione in velocità: da Tricella a Volpati, discesa sulla destra e cross perfetto per la testa di Elkjaer: parata in tuffo di Borin. Si combatte acremente a centrocampo e nessuno vuole mollare un metro di campo.

Al 22' brivido per Garella: Mazzoni, servito da Chiorri, si infila in area di rigore ma centra in pieno il palo! Bello spavento: la Cremonese gioca bene e non merita davvero l'ultimo posto di classifica.

Al 30' risponde il Verona con Briegel che serve Galderisi il quale mette in movimento Di Gennaro: botta ma pallone alto di poco.

Al 32' replica la Cremonese ancora con l'indemoniato Mazzoni che impegna Garella di pugno.

Finisce a reti inviolate il primo tempo. Adesso il Verona ha capito che non sarà così facile espugnare questo campo: l'orgoglio e la determinazione dei padroni di casa stanno producendo risultati davvero lodevoli.

Bagnoli quindi chiede ai suoi di chiudere presto la partita e i gialloblu partono subito all'assalto: dopo 5' buona occasione scaligera con una combinazione Tricella – Di Gennaro, ma Borin vola e devia in angolo.

Al 65' traversa del Verona, che pareggia il precedente palo cremonese, con Volpati di testa su centro di Di Gennaro.

L'assedio scaligero produce il suo effetto al 74'. Lancio lungo in area e ingenuo fallo di mano di Viganò: l'arbitro Redini di Pisa decreta il calcio di rigore che Galderisi trasforma con freddezza. Così come fece con l'Udinese. 0 a 1 per il Verona.

Immediatamente Mondonico corre ai ripari: dentro il terzo attaccante Juary, al posto di Mazzoni e 4' minuti dopo, la Cremonese ha una grossa opportunità per pareggiare: il brasiliano mette scompiglio nella retroguardia gialloblu e Ferroni lo sgambetta da tergo, rigore sacrosanto per i padroni di casa. Sulla battuta c'è Chiorri, Ferroni fa un cenno a Garella e il portierone veronese si tuffa sulla sua sinistra sventando in angolo. Stupendo!

Per la Cremonese, questa è davvero una mazzata incredibile. Infatti al 84' il Verona, feroce, raddoppia: Briegel salta un paio di avversari, entra in area di rigore e fulmina Borin di sinistro. Tutto da solo, bellissimo. Ma dov'è finita la difesa Cremonese?

Entra il mastino Donà per Fanna e all'ultimo minuto di gioco Bruni sostituisce Galderisi. Nel frattempo i grigiorossi, orgogliosamente, colpiscono un'altra traversa con il veronese Nicoletti. Davvero sfortunati in questa partita e risultato un po' troppo severo!

IL SIGNIFICATO DELLA PARTITA. A parte qualche bella giocata individuale, abbiamo assistito a una partita piuttosto strana. La Cremonese ha colpito due volte il legno e ha sbagliato un calcio di rigore; il Verona, dal canto suo, ha colpito una traversa e ha segnato due gol di cui uno su rigore. La differenza tra i primi in classifica e gli ultimi sta nella tutta nella gestione degli episodi: i gialloblu non sbagliano niente e i grigiorossi tutto. Per questo il risultato finale che ha penalizzato i padroni di casa, premia invece la determinazione e la concentrazione gialloblu.

Senza entrare troppo nel sottile, da questa trasferta il Verona doveva tornare a casa con una vittoria e così è stato. Anche perché il mese di novembre sarà difficilissimo per i nostri impegnati, in rapida successione, a giocare al Bentegodi contro la Sampdoria, poi a Torino contro i granata e quindi ricevere il Milan prima della nuova sosta del Campionato. Non so se mi spiego. Saranno queste gare a stabilire concretamente la consistenza della squadra di Bagnoli e il valore del primato in classifica.

Per il momento, i gialloblu stanno imparando a giocare e a pensare come una grande. E lo stanno facendo bene. Servirà questo processo di maturazione. Eccome se servirà.

[Il tabellino dell'incontro]



Hellastory, 10/11/2004
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7082 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2020-09-29 01:33:37'} - {ts '2020-09-29 08:33:37'}


19111912191319141915191919201921192219231924192519261927192819291930193119321933193419351936193719381939194019411942194319441945194619471948194919501951195219531954195519561957195819591960196119621963196419651966196719681969197019711972197319741975197619771978197919801981198219831984198519861987198819891990199119921993199419951996199719981999200020012002200320042005200620072008200920102011201220132014201520162017201820192020