lunedì 8, h 21:00  
PALERMO1

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 22, h 15:00  

HELLAS VERONA

 
BENEVENTO 
Hellas Verona english presentation


Introduzione | 1 | 2 | 3 | 4 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 16 | 17 | 18 | 15(REC) | Semifinale | Finale

Il Verona Primavera Campione d'Italia 1967/68

GLI EROI DIMENTICATI - SECONDA PARTE

Saverio Garonzi è stato il presidente che ha cambiato la storia del Verona. Non c'è alcun dubbio. Personaggio complesso, a volte scorbutico e autoritario, affascinato dal mito dell'uomo che si è fatto da sé, in grado di rappresentare il successo personale anche dal punto di vista mediatico sull'onda del boom economico che l'Italia sta vivendo. Mediatico è indubbiamente un termine poco appropriato nella metà degli anni sessanta, vista la scarsa diffusione dei canali televisivi e radiofonici, ma non c'è alcun dubbio sul fatto che proprio l'esiguità dei mezzi di comunicazione abbia favorito la creazione di alcuni stereotipi e modelli da raggiungere. L'Arena ha una pagina intera dedicata al Verona e l'accostamento dell'affermazione personale (la propria squadra di calcio) con quello professionale (la concessionaria d'auto) dava sicuramente lustro ad entrambe, creando il mito. Ma Garonzi, oltre all'ambizione, aveva molto di più. Fiuto, caparbietà, intraprendenza. Un predatore commerciale assolutamente motivato a sedere nel banchetto dei grandi. Assapora il significato della presidenza gialloblu nel 64, solo per pochi mesi, e si prende in mano la società verso la fine del 67. Un'annata fasulla quella, piena di ambizioni rimaste solo sulla carta, in piena coerenza con il passato.

Occorre una visione, ma anche trovare un leader a suo fianco disposto a mettere in pratica le ambizioni. Garonzi chiama un grande del calcio nazionale ed internazionale, Nils Liedholm vincitore di ben 4 scudetti col Milan e 2 in Svezia con l'IFK Norrköping, desideroso di intraprendere la carriera di allenatore e di insegnare a giocare e a vincere. Per uscire dalla mediocrità occorre cambiare mentalità e uscire dal contesto provinciale calcistico che ha caratterizzato la storia gialloblu fino a quel momento. Lo affianca in panchina Ugo Pozzan, in possesso del cartellino di allenatore. Il Verona chiude la stagione con una risicata salvezza. Per fortuna i giovani della Primavera, inaspettatamente, arrivano fino a Salsomaggiore e conquistano il titolo nazionale. Qualcosa sta cambiando in riva all'Adige, si respira un'aria diversa.

Liedholm e Garonzi
Liedholm e Garonzi.

Per vincere però occorrono giocatori di qualità. In estate arrivano il portiere De Min, i difensori Battistoni e Maggioni, i centrocampisti Maddè e Mascetti, il bomber Bui e il giovane talento Bonafè voluto fortemente dal Barone e dirottato nel settore giovanile per crescere gradualmente. Uno squadrone. La sfida al campionato è dunque iniziata.

La Primavera invece cambia poco, si arrocca intorno ai ragazzi del 49 con qualche integrazione di 50. Ritorna in panchina mister Caceffo.

Garonzi vuole vincere il campionato per portare il Verona in serie A e cambiare in maniera definitiva il corso della storia. Ma sono probabilmente questi ragazzi ad ispirarlo, a fargli credere che lavorando con entusiasmo la casacca gialloblu può confrontarsi a qualunque livello. Naturalmente l'attenzione e le risorse sono tutte destinate alla prima squadra cui spetta l'obiettivo più difficile, ma la positività che proviene da quei visi puliti e sinceri è coinvolgente. Il progetto è avviato. Bisogna chiuderlo assolutamente.

Una formazione della Primavera pronta a difendere il titolo.
Una formazione della Primavera pronta a difendere il titolo.

Il girone è sulla carta più facile dell'anno precedente, visto che i gialloblu si devono confrontare con Padova e Venezia, uniche avversarie di B, per passare il turno. Ma sulla strada ci sono le due milanesi e avversari storici in grado di motivare da soli ogni sfida come Vicenza, Brescia, Mantova ed Atalanta. In più, uno scudetto sul petto da onorare.

La Primavera ha essenzialmente l'obiettivo di confermarsi, dimostrare che il successo dell'anno precedente non è stato casuale. Sperare di chiudere il biennio a disposizione nel migliore dei modi per esaltare la forza del gruppo e sperare in qualche occasione futura dal punto di vista individuale. I colpi in canna non sono molti, è difficile in quel periodo emergere per un giovane visto che ci sono rose numericamente ridotte e con un solo cambio a partita a disposizione. Tanto vale allora dare tutto, un'ultima volta, mettendo subito da parte le insidie che derivano dall'appagamento e la paura di non farcela.

Sotto la guida precisa di Paolo seguiremo settimanalmente la storia di questi ragazzi, partite e avversari; avremo ovviamente anche un occhio dedicato alle vicende della prima squadra e all'evolversi di una stagione che si rivelerà indimenticabile. Il campionato 1967/68 sarà realmente l'anno di svolta per i nostri colori. Di sudore, di botte prese e date, di urla feroci, di braccia alzate in cielo, di oblio.

Massimo



« LA STORIA DEL CAMPIONATO 1966/67 Giornata 1 »

Hellastory, 06/04/2017

LE IMPERFEZIONI


E' ufficiale: ci giochiamo tutto nei playoff. A cinque giornate dal termine del campionato non abbiamo più nulla da scoprire. E nemmeno più nulla da dire. Del resto, non vinciamo da un mese esatto. Questo perché il Verona è una squadra imperfetta. Accreditato di un rosa di vertice non ha mai espresso realmente il suo potenziale, propone un gioco insulso, fastidioso, subisce continue amnesie difensive e incassa reti assurde pur avendo il migliore portiere del campionato. Non tira mai in porta. In ogni partita hai sempre l'impressione che gli assenti abbiano ragione: ieri si sentiva la mancanza di Matos e Crescenzi, oggi quella di Zaccagni, domani quella di Pazzini e così via. Ma anche questo non è poi sempre vero: a Perugia, senza 6 titolari (titolare? concetto oscuro e non appartenente a Grosso) ha sfoderato la più bella prestazione dell'anno. Manca di continuità questa squadra, è immatura, confusa dentro perché ha l'ossessione di recitare un unico copione. Non necessariamente quello che porta poi al risultato. Quante occasioni abbiamo sprecato? Un'infinità. Il problema di fondo è che Grosso è un allenatore imperfetto. Complicato, contorto, incapace di trovare una strada da seguire. Avrà pure vinto il Mondiale e tanti scudetti da calciatore, ma da allenatore è rimasto prigioniero della logica dei pupazzetti della Playstation. Per noi, che abbiamo visto campioni veri in panchina come Bagnoli, Prandelli e Mandorlini che vincevano campionati con 15 o 16 giocatori al massimo (e come loro anche Cadè e Valcareggi) il socialismo tattico di Grosso appare non solo incomprensibile, ma anche una mortificazione nei riguardi del talento vero. Avesse a disposizione 50 giocatori, tutti troverebbero posto. Magari scoprendosi impiegati in due o tre ruoli diversi. Non importa. Il caos viene esaltato ad espressione di qualità e valore. Pazzesco. E i risultati sono davanti agli occhi.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6554 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-04-20 16:02:40'} - {ts '2019-04-20 23:02:40'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019