hi!hi!hi!hi!hi!hi!hi!
Hellas Verona english presentation


Introduzione | 1 | 2 | 3 | 4 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 16 | 17 | 18 | 15(REC) | Semifinale | Finale

Giornata 2: Verona-Milan

PRIMA VITTORIA, ANCORA CON IL MILAN

Per chi ha voglia di lanciarsi in scaramantici esami dei corsi e ricorsi, la seconda giornata di campionato fornisce materiale a sufficienza. Al vecchio Bentegodi arriva il Milan, avversario contro cui la formazione gialloblu l'anno prima si era confrontata in un appassionante testa a testa per la conquista del primo posto nel girone A.

Nel 1966-67 il Verona, dopo due pareggi consecutivi con Varese e Atalanta, aveva colto contro il Milan la prima vittoria in campionato, sul terreno del vecchio Bentegodi. Quest'anno il calendario mette le due squadre di fronte già alla seconda giornata, e ancora una volta il Verona è alla ricerca del primo successo, avendo colto solo un pari all'esordio contro i pari età del Mantova. Il Milan invece ha fatto il classico esordio "col botto", rifilando un eloquente 7-0 al malcapitato Padova. Si annuncia quindi un Milan in gran forma.

Giancarlo Fusaro
Capitan Giancarlo Fusaro

Mister Caceffo opera un cambio rispetto alla squadra che aveva affrontato il Mantova, inserendo Pangrazio sull'ala al posto di Mario Stoppa; terminale d'attacco è Pasetto, già in gol alla prima giornata, che l'anno prima aveva segnato il gol partita contro il Milan.

Questa volta è l'arbitro a togliere a Pasetto la soddisfazione del gol, ma poco importa. Al 18' del primo tempo, un lancio di Pastorello viene intercettato con la mano dal terzino milanista Bernocchi; Pasetto raccoglie palla e la scarica alle spalle del portiere rossonero Mora. L'arbitro tuttavia, dopo un momento di esitazione, anziché convalidare la rete applicando la norma del vantaggio, indica il dischetto del rigore. Dagli undici metri si presenta Giancarlo Fusaro che con freddezza mette a segno la rete decisiva.

Va segnalato che, nella stagione 1966-67, il Verona aveva usufruito di due calci di rigore, entrambi falliti. La scelta di Fusaro come rigorista si rivela pertanto finalmente azzeccata. La cronaca de L'Arena riferisce di una "partita tirata dall'inizio alla fine senza un attimo di respiro tra due squadre che si sono in gran parte bilanciate sul piano tecnico ed agonistico".

Il Verona legittima il successo con una supremazia territoriale confermata dal computo dei calci d'angolo: 7 contro i 2 battuti dal Milan. Il risultato però non cambia più fino alla fine: termina 1-0. Per la seconda volta consecutiva i Primavera gialloblu possono festeggiare un successo di prestigio contro il Milan. Fra i migliori in campo, secondo il cronista del quotidiano veronese, c'è lo stopper Dino Gobbi, uno dei punti di forza della formazione gialloblu sin dalla scorsa stagione. Elemento inamovibile per Conti nel 1966-67, con 18 presenze nel girone e le due gare di Salsomaggiore, Gobbi ha cominciato alla grande anche il campionato 67-68.

In testa alla classifica del girone A, dopo 2 giornate, c'è l'Inter, unica formazione a punteggio pieno. I giovani nerazzurri, dopo la vittoria 2-0 a Vicenza all'esordio, si sono ripetuti con lo stesso punteggio contro il Mantova.

Fra le altre gare, spicca il successo del Venezia sul terreno del Padova, che ha avuto un avvio di campionato da incubo. La squadra padovana regge fino alla mezzora del secondo tempo, quando una deviazione della barriera su calcio di punizione premia infine gli attacchi del Venezia, che raddoppia subito dopo con Gobbo. Finisce a reti inviolate la partita di Bergamo fra Atalanta e Lanerossi Vicenza.

Seconda giornata, 22 ottobre 1967

Atalanta - Lanerossi Vicenza 0-0
Inter - Mantova 2-0
Padova - Venezia 0-2
Verona - Milan 1-0

Riposa il Brescia

VERONA - MILAN 1-0

VERONA: Giacomi, Migliorini, Negri, Fusaro, Gobbi, Marcolongo, Pangrazio, Bonafè (Cinquetti dal 30' pt), Pasetto, Fratton, Pastorello.

MILAN: Mora, Bernocchi, Brambilla, Bagnaschi, Saporiti, Maldera, Sigarini, Avelli, Sirtori, Rosa, Macchi.

RETE: Fusaro su rigore al 18' pt

Paolo


« Giornata 1: Mantova-Verona Giornata 3: Venezia-Verona »

Hellastory, Online dal 22/10/2017

GRAZIE HELLAS!!!!


Di nuovo in A, passando per il via dopo i lunghi mesi di purgatorio grossiano, incapaci di esprimere il cuore e il coraggio che questi giocatori dovevano avere cacciato da qualche parte. È bastato l'arrivo di un tecnico normale, che non aveva mai vinto niente di importante in panchina prima ma che è uomo vero in grado di ricomporre i cocci frantumati dal calcio da xbox del suo predecessore per restituire quel briciolo di speranza e di fiducia in se stessi che era andato completamente perso. Setti, per fortuna, non ha ripetuto l'errore dell'anno precedente e pochi giorni dopo aver sbandierato la sua Coerenza (con la C maiuscola) si è fatto sopraffare dal Buonsenso (con la B maiuscola) per l'Arrembaggio (con la A maiuscola) finale. Strada tutta in salita dunque, ma una dopo l'altra il Perugia di Nesta, l'ostico Pescara e infine lo sfrontato Cittadella (che aveva abbattuto lo Spezia e soprattutto il Benevento) sono stati ostacoli che hanno esaltato la solidità e la forza di carattere del gruppo. Come tutti i grandi serial televisivi, quelli che ti inchiodano davanti allo schermo fino all'ultima puntata, non potevamo che legittimare l'impresa al Bentegodi con 2 reti da recuperare. Il palo di Laribi, la traversa di Pazzini con le parate di Paleari a Cittadella avevano mascherato un risultato bugiardo per come era scaturito, con i soli primi 20 minuti realmente concessi agli avversari. E rinviato tutto ad oggi, 2 giugno, festa della Repubblica e della Promozione in A. Di fronte ad un pubblico eccezionale, la squadra ha dominato per 90 minuti non concedendo neppure un tiro in porta. Il Cittadella ha corso e picchiato tutta la partita non riuscendo ad opporre altro che un agonismo strenuo. Sono felice per Zaccagni, Di Carmine (ma che gol ha fatto?) e Laribi. Sono felice per Aglietti unico a conquistare la promozione in A sia da giocatore che da allenatore. Sono felice per tutti i gialloblù. Sono felice e basta. Grazie Hellas, grazie di avermi scelto.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6621 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-06-26 02:47:05'} - {ts '2019-06-26 09:47:05'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019