sabato 16, h 18:00  

HELLAS VERONA

1
ASCOLI1

PROSSIMO IMPEGNO
  venerdì 29, h 21:00  
CREMONESE 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation


Introduzione | 1 | 2 | 3 | 4 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 16 | 17 | 18 | 15(REC) | Semifinale | Finale

Giornata 15 (Recupero): Verona-Inter

I RECUPERI

Il campionato ha già dato, con ampio anticipo, il suo primo verdetto, con il Verona qualificato per le fasi finali fra le società di B. Per la qualificazione fra squadre di serie A il discorso è ancora aperto, essendoci in programma, fra le altre gare di recupero, anche il derby di Milano rinviato a causa della neve il 3 febbraio.

Il 24 marzo 1968 il recupero Inter – Milan termina 0-0 e i ragazzi nerazzurri pongono una seria ipoteca alla qualificazione, mentre il Milan ormai non è più padrone del proprio destino ma deve sperare anche nei passi falsi dei cugini.

Domenica 31 marzo 1968 c'è una nuova tornata di recuperi: sono previste Inter – Padova e Brescia – Milan. L'Inter si impone di misura 1-0 sui patavini grazie ad un gol di Guidetti al 25' della ripresa, mentre Brescia – Milan viene ulteriormente rinviata.

Domenica 7 aprile 1968 è infine in programma Verona – Inter, sfida che deciderà le sorti del girone A. C'è molta curiosità per vedere come i ragazzi di Caceffo sapranno affrontare una gara determinante per il primato nel girone, seppure a qualificazione già acquisita. Anche la città di Verona sembra accorgersi della squadra Primavera, e l'occasione per vedere da vicino i futuri talenti gialloblu è concreta.

Nei giorni precedenti la gara, L'Arena dà la notizia che la partita dovrebbe giocarsi come "avanspettacolo" prima di Verona – Pisa di campionato di B, al nuovo stadio Bentegodi. Finalmente per i ragazzi di Caceffo c'è l'occasione per calcare il terreno del nuovo stadio, di fronte ai tifosi in attesa di una gara del campionato di serie B fondamentale per le sorti della promozione. Il Verona si trova al terzo posto in classifica, un punto dietro il Pisa, che arriva al Bentegodi forte di 2 vittorie consecutive negli ultimi turni, mentre gli uomini di Liedholm hanno raccolto un solo punto nelle trasferte di Monza e Foggia.

Si prospetta il pubblico delle grandi occasioni per una partita che è un vero e proprio spareggio promozione, e per i Primavera si concretizza finalmente la possibilità di avere un seguito adeguato e di farsi conoscere anche dai tifosi che normalmente non si interessano al calcio giovanile. Unica, e non trascurabile, incognita è il tempo: in caso di pioggia non sarà consentito ai ragazzi gialloblu di mettere a "repentaglio" la preziosa erba del Bentegodi.

È significativo rileggere, a distanza di tanti anni, ciò che scriveva il periodico Alè Verona del maggio 1968, parlando del fatto che i Primavera gialloblu sono costretti a giocare nel vecchio stadio:

"Diciamo la verità, sono pochini coloro che seguono i campionati e le smaglianti prestazioni delle giovani leve del massimo sodalizio scaligero. Come mai questo disinteresse? Sarebbe facile rispondere all'interrogativa ma alla risposta facile, gratuita, se vogliamo preferiamo qualcosa di più esauriente, preferiamo collegarci ad una situazione venutasi a creare per motivi che non conosciamo. Una volta, oh come passano gli anni!, tutte le partite del Verona erano precedute da un incontro tra squadre minori (…). E così, sul vecchio Bentegodi, nelle partite di "avanspettacolo" imparammo a conoscere i vari Pivatelli, Pozzan e tanti altri. Oggi invece il tecnico della prima squadra è costretto per ovvi motivi a lanciare il giovane? Ebbene gli sportivi si chiedono chi esso sia mai, quale sia li suo ruolo, se è grasso o magro, se è robusto o gracile."

Era proprio così, e ce lo conferma Dino Gobbi che, al termine della stagione 1970-71 sarà impiegato come titolare nelle gare della Coppa Alpi dopo aver passato la stagione nelle fila della De Martino. "Dopo una partita venni avvicinato da un giornalista che mi chiese da che squadra venissi, convinto che fossi un calciatore in prova per le gare di fine stagione. Non avevamo molta visibilità, e il fatto di giocare al vecchio stadio non aiutava molto".

Arriva infine domenica 7 aprile e, a quanto pare, anche Giove Pluvio si accanisce contro la voglia di visibilità dei giovani gialloblu. La mattina piove e i Primavera sono dirottati al vecchio stadio di Piazza Cittadella. La partita con l'Inter è l'unica del biennio di cui non è disponibile la cronaca sui giornali dell'epoca. Su L'Arena non compare il solito articolo sull'incontro, e nemmeno il risultato: probabilmente l'inviato rimase spiazzato dal cambio di programma, con la gara spostata lontano dal nuovo stadio. Il Gazzettino invece riporta solamente risultato e tabellino, ma non la cronaca.

L'Inter si impone nuovamente sul Verona, come già nella gara di andata. Questa volta la partita è incerta fino alla fine, anche se i nerazzurri vanno in vantaggio dopo appena 2 minuti di gioco con una rete del n. 11 Pinton.

I ricordi dei giovani gialloblu presenti alla partita ci raccontano di un'Inter sempre in controllo della gara, nonostante il generoso tentativo del Verona di recuperare lo svantaggio e di agguantare perlomeno un risultato di parità.

L'Inter però non corre troppi rischi, riuscendo a frustrare ogni tentativo di attacco dei ragazzi di Caceffo, e riesce a portare a casa una preziosa vittoria per 1-0. Per il Verona è invece la terza sconfitta in 16 gare di campionato, e la seconda in casa, dopo quella patita a gennaio contro il Mantova.

La qualificazione alle fasi finali è conquistata nuovamente, ma possiamo dire che è un traguardo minimo, dato che la concorrenza fra società di serie B era ristretta alle sole squadre di Venezia e Padova che, come abbiamo visto, non sono state certo avversarie irresistibili. Due sono i dati particolarmente negativi a cui deve guardare Gigi Caceffo: intanto una certa vulnerabilità difensiva, e poi il fatto che l'attacco gialloblu è a secco da ben 3 partite, quelle con Brescia, Vicenza e Inter.

La vittoria dell'Inter a Verona ha di fatto chiuso anche il discorso qualificazione per quanto riguarda le formazioni di serie A. La gara fra Brescia e Milan, rinviata nuovamente al 28 aprile 1968, diventa una pura formalità, anche se per i ragazzi delle due formazioni sarà una passerella notevole, visto che l'incontro viene programmato al Rigamonti, quale avanspettacolo alla partita di serie A fra Brescia e Roma. Partita che, per le rondinelle, è una vera e propria ultima spiaggia per la salvezza. Dopo un buon avvio di campionato, la squadra di Vicini ha chiuso il girone di andata con 3 punti di vantaggio sulla terzultima. A febbraio, il tracollo: le 3 sconfitte consecutive negli scontri diretti con Spal, Mantova e Sampdoria, hanno relegato i lombardi nei bassifondi della classifica. Con la Roma si attende il pubblico delle grandi occasioni per sostenere il Brescia, e per assistere anche all'antipasto con il recupero del campionato Primavera.

Il 28 aprile una nuova sorpresa: mentre le formazioni Primavera di Brescia e Milan sono pronte a scendere in campo, l'arbitro non arriva. Si disputa così una partitella di un tempo con la direzione di gara di un dirigente bresciano, che termina con il punteggio di 1-1. Non è stato possibile trovare notizie su un ulteriore rinvio della gara, ma è probabile che Brescia – Milan non si sia più disputata regolarmente a causa del calendario già fitto dei successivi tornei estivi giovanili, fra cui il Fumagalli a cui presero parte Milan e Inter.

Recupero 12ma giornata, 24 marzo 1968

Inter – Milan 0-0

Recupero 14ma giornata, 31 marzo 1968

Inter – Padova 1-0

Recupero 15ma giornata, 7 aprile 1968

Verona – Inter 0-1

Recupero 14ma giornata, 28 aprile 1968

Brescia – Milan 1-1 (disputato un solo tempo)

VERONA – INTER 0-1

VERONA: Giacomi, Migliorini, Negri, Fusaro (Rossignoli dal 20' st), Gobbi, Marcolongo, Stoppa, Fratton, Pasetto, Cinquetti, Pastorello.

INTER: Fontana, Firpi, Monico, Novati, Tancredi (Bellugi), Valmassoi, Spadetto, Fabian, Tresoldi, Del Chiaro, Pinton.

RETE: Pinton al 2' pt.

Paolo


« Giornata 18: Lanerossi Vicenza-Verona Semifinale »

Hellastory, Online dal 7/4/2018

LE VOCI DENTRO


Alcune settimane fa, Vitale uscì con un'affermazione che non ebbe molto risalto mediatico anche perché fornita da un giocatore arrivato da poco. Disse che se avessero esonerato il mister sarebbe stata una sconfitta per tutti loro. Quella frase, buttata lì tra l'indifferenza e lontana dall'eccitazione dei risultati che si andavano sviluppando, si è accantonata in una parte secondaria del mio stato d'animo ma ha avuto però il privilegio di non farmi partecipare troppo allo sconforto collettivo di Lecce. Ricollocando in maniera differente quel prezioso contributo (e raro, visto che sono sempre scarse le voci che vengono dallo spogliatoio) persino alcuni momenti drammatici di questa stagione vengono ripensati. Come l'inopportuna crisi isterica di D'Amico dopo la gara interna col Crotone, che rimane inopportuna nei modi e nei contenuti, ma che è anche figlia di una sana frustrazione interiore. Sana perché testimone di un disappunto reale, inopportuna perché uscita come quando ce la prendiamo con moglie, figli o capo ufficio per i problemi che invece abbiamo con noi stessi. Dietro lo sproloquio c'era però una rabbia per chi non riusciva a venire a capo della situazione come avrebbe voluto e si incazza per questo. Così come pure certi sconsolati messaggi di Zaccagni e compagni che, dopo Lecce e Padova, hanno ammesso con la stessa limpidezza che i tifosi hanno ragione ad arrabbiarsi e che comunque noi vogliamo venire in A. Sdoganare le parole serie A dopo una brutta sconfitta non è cosa da poco. Oppure, certi silenzi autunnali di Pazzini per la sua esclusione, allora per me inspiegabili, ma che forse celavano un tatto e una lungimiranza del nostro campione con l'intento di non alimentare polemica a polemica in una situazione già complicata di suo, imbrogliata da Grosso con le sue elucubrazioni e i suoi esperimenti scientifici, e dalla quale si sperava di uscire prima possibile. Pazzini è un campione vero, dentro e fuori dal campo. Per rendersi conto del suo spessore basta vedere come vengono gestite nel mondo del calcio situazioni analoghe all'Inter con Icardi o al Milan autunnale con Higuain. E, se permettete, Pazzini per il Verona vale esattamente quanto Icardi per l'Inter e Higuain per quel Milan. Se non di più.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6523 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-03-19 17:47:19'} - {ts '2019-03-20 00:47:19'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019