domenica 18, h 20:30  

HELLAS VERONA

1
CREMONESE2

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 25, h 20:45  

HELLAS VERONA

 
BOLOGNA 
Hellas Verona english presentation


Introduzione | 1 | 2 | 3 | 4 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 16 | 17 | 18 | 15(REC) | Semifinale | Finale

Giornata 9: Verona-Vicenza

VITTORIA SONANTE NEL DERBY

Come già nella passata stagione, il calendario si è divertito a piazzare il classico derby veneto fra Verona e Lanerossi Vicenza nell'ultima giornata. Così, la chiusura del girone di andata mette di fronte i Primavera di Verona e Vicenza al vecchio Bentegodi, lo stadio dove circa 10 anni prima, era il 15 settembre 1957, il Verona colse la sua prima vittoria in serie A proprio contro il Vicenza, grazie ad una rete del norvegese Gundersen.

Il Vicenza è penultimo in classifica con appena 5 punti, frutto di 3 pareggi e di una vittoria, ottenuta nel turno precedente, contro il Padova. La squadra berica ha evidenti problemi ad andare a rete, e ha segnato solo 3 gol, tutti nella gara vittoriosa con il Padova, finita 3-2. Il Vicenza è quindi rimasto senza segnare per le prime 6 gare di campionato, nonostante possa schierare fra le sue fila il promettente attaccante Sperotto, che esordirà in serie A con la prima squadra biancorossa nel dicembre del 1969. Sperotto poi giocherà in serie A anche con le maglie di Varese, Napoli, Catanzaro e Roma.

Se l'attacco del Vicenza è piuttosto asfittico, per contro il Verona, con 6 gol subiti, è fra le migliori difese del campionato, anche se non sta ripetendo le stesse prestazioni difensive dello scorso campionato, quando per lunghi tratti Bertucco aveva fatto da spettatore non pagante. Sulla carta la sfida sembra già segnata, ma già nel precedente campionato il Vicenza aveva sgambettato il Verona contro ogni pronostico. Sul campo i biancorossi onorano il clima da derby e tengono testa al Verona per tutto il primo tempo lottando su ogni pallone. Il gol che sblocca la gara arriva ad un minuto dal termine della prima frazione grazie a Fratton che risolve una mischia in area vicentina battendo imparabilmente il portiere Balbi.

Sbloccato il risultato, il Verona può dilagare nella ripresa, sfruttando la difficoltà del Vicenza di costruire gioco una volta crollato il castello difensivo. Giacomi non corre mai pericoli, mentre dall'altra parte Balbi è in continua apprensione. Al 30' del secondo tempo Cinquetti segna il gol del raddoppio su assist di Pasetto.

Dino Gobbi
Dino Gobbi

Poi è lo stopper Dino Gobbi a chiudere l'incontro con una bellissima rete, al termine di una discesa personale che viene definita “inarrestabile” anche da Il Giornale di Vicenza. Lo stopper gialloblu fa tutto da solo: recupera palla a centrocampo, scambia con un compagno, e si presenta al limite dell'area dove l'abile gioco ad allargarsi degli attaccanti gli consente di andare al tiro e di infilare palla nell'angolino per il 3-0. Nel vano tentativo di parare la conclusione di Gobbi il portiere vicentino Balbi si infortuna e deve lasciare il posto a Muraro. Finisce 3-0 per il Verona che, dopo la sconfitta di Appiano Gentile, ha immediatamente risollevato la testa e conquistato 3 vittorie consecutive importantissime. Per il morale e per la classifica.

Il Verona può affrontare la sosta natalizia dalla testa della classifica, che divide con l'Inter, vittoriosa sul Brescia per 1-0. Alla fine del girone di andata i gialloblu hanno 13 punti, e già 7 punti di vantaggio sulla seconda meglio piazzata di serie B, il Venezia che ha fermato il Milan sul risultato di 0-0 al Sant'Elena. Nel frattempo si registra la prima vittoria del Padova che, al termine di un girone di andata a dir poco balbettante, si toglie la soddisfazione di battere il Mantova per 1-0.

Dopo il girone di andata, la qualificazione dei gialloblu alla fase finale, quale miglior formazione di serie B, sembra non essere minimamente in discussione.

Nona giornata, 10 dicembre 1967

Inter – Brescia 1-0
Padova – Mantova 1-0
Venezia – Milan 0-0
Verona – Lanerossi Vicenza 3-0

Riposa l'Atalanta

VERONA – LANEROSSI VICENZA 3-0

VERONA: Giacomi, Migliorini, Negri, Fusaro, Gobbi, Marcolongo, Pangrazio, Fratton, Pasetto, Cinquetti, Pastorello.

LANEROSSI VICENZA: Balbi (Muraro dal 32' st), Polo, Negretto, Marchiori, Curtarello, Filippi, Ardizzon, Scalchi, Savio, Sperotto.

RETI: Fratton al 29' pt, Cinquetti al 30' e Gobbi al 31' st.

Questa la classifica del campionato Primavera al termine del girone di andata:


G V N P GF GS P.ti
Verona861116613
Inter853011113
Milan834113310
Brescia8323988
Atalanta8152587
Venezia8233587
Mantova8143476
Vicenza8134395
Padova81163193


Paolo


« Giornata 8: Brescia-Verona Giornata 10: Verona-Mantova »

Hellastory, Online dal 10/12/2017

BRUSCO RISVEGLIO


Le prove generali del Verona contro la Cremonese hanno evidenziato un grave ritardo di preparazione fisica, una preoccupante fragilità mentale e una (facilmente ipotizzabile) inconcludenza offensiva. Se pensiamo di poterci salvare basandoci esclusivamente su presupposti caratteriali siamo veramente fuori strada. Del resto, lo stesso Juric è stato chiaro: per salvarsi occorre anche qualità. Sul banco degli imputati salgono un po' tutti: dal direttore sportivo che ha impiegato settimane per completare la rosa ritardando l'arrivo di Verre, Tutino e Lazovic (che era svincolato e poteva aggregarsi già ai primi di luglio); alla società che, come ha rilevato Francesco, si è vista costretta ad impegnare risorse pesanti per dover riscattare giocatori come Dawidowicz, Ragusa, Di Gaudio, Almici e Marrone tutti fuori dal progetto senza riuscire poi a piazzarli; e infine all'allenatore che non è riuscito a trasmettere la cattiveria agonistica che lui stesso aveva criticato alla squadra di Grosso ed è arrivato alla partita di Coppa Italia senza aver provato in precedenza certi giocatori: perché non è stata chiesta un'amichevole prima di Ferragosto? È dal 4 agosto (con la Spal) che i gialloblù non provano 90 minuti tirati contro un avversario serio. Parliamoci chiaro: l'obiettivo Coppa Italia contro la Cremonese avrebbe dovuto completare la preparazione in vista dell'esordio di campionato e non essere un presuntuoso salto nel vuoto nel quale verificare gli eventuali ritardi accumulati. Il Verona, che ha resistito fisicamente e mentalmente solo un tempo, in quali condizioni si troverà ad affrontare l'esordio stagionale? Basta una settimana per mettere minuti nelle gambe e testa a posto? Per non parlare dei gravi ritardi accumulati in attacco evidenziati con l'ovvia bocciatura di Tupta inadatto a ricoprire il ruolo di centravanti (cosa si pretende da questo ragazzo?) e il limitato contributo che può offrire capitan Pazzini che in B può fare la differenza, ma ormai non tiene più 90 minuti. Figuriamoci contro difensori di serie A. Tutte cose arcinote. Però si è perso un sacco di tempo per l'illusione Balotelli.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6678 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2019-08-22 06:48:01'} - {ts '2019-08-22 13:48:01'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019