lunedì 20, h 20:45  

HELLAS VERONA

2
BOLOGNA3

PROSSIMO IMPEGNO
  sabato 25, h 18:00  
SASSUOLO 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation


Introduzione | 1 | 2 | 3 | 4 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 16 | 17 | 18 | 15(REC) | Semifinale | Finale

Giornata 4: Verona-Padova

Giornata 4: SUCCESSO CONVINCENTE COL PADOVA

Alla quarta giornata, in programma il 5 novembre 1967, il Verona ospita il Padova sul terreno del vecchio Bentegodi.

È un Padova decisamente in disarmo, che alla prima di campionato ha incassato un pesantissimo 7-0 dal Milan, e alla seconda giornata ha perso al Monti per 2-0 contro il Venezia; nella terza giornata ha riposato. I giovani biancoscudati arrivano quindi a Verona con un passivo di 9 reti subite in 2 gare, e nessun gol all'attivo. E dire che, solamente due anni prima, la società biancoscudata si era fregiata del titolo Primavera per squadre di serie B. Il calcio giovanile non vive solo di organizzazione, ma ha bisogno anche di annate di giovani di talento, e il Padova evidentemente sconta l'inevitabile ricambio generazionale.

Alberto Cinquetti
Alberto Cinquetti

Caceffo dà spazio dal primo minuto a Alberto Cinquetti, che fino a quel momento era stato impiegato soltanto partendo dalla panchina. Come abbiamo visto in precedenza, l'utilizzo di Bonafè aveva creato qualche "scompiglio" nell'organizzatissimo collettivo gialloblu. Complice anche un infortunio subito da Bonafè, arriva quindi il momento di Cinquetti.

Il giovane proveniente dal Castelnuovo non si lascia scappare l'occasione e già dopo soli 3' di gioco porta in vantaggio il Verona. Al termine di una veloce azione Pangrazio – Fratton, Cinquetti conclude al volo centrando il "sette". Quale che fosse il piano tattico del Padova, dopo 3' minuti è già saltato. Cinquetti continua ad imperversare e poco dopo sfiora nuovamente il gol. Come racconta L'Arena, il numero 10 gialloblu è "molto insidioso se fatto partire da lontano come predilige". Nonostante una discreta supremazia veronese, il Padova riesce a finire il primo tempo con il passivo minimo di 1-0.

Nella ripresa il Padova prova a recuperare il risultato e si butta in avanti con coraggio, ma la retroguardia gialloblu si difende con ordine senza che Giacomi debba correre troppi rischi. I padovani lasciano troppo spazio al contropiede ed è inevitabile che, con ragazzi veloci e tecnici come quelli dell'attacco gialloblu, rischino la goleada.

Al 18' Marcolongo lancia Pastorello che viene atterrato in piena area e l'arbitro concede il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta nuovamente Giancarlo Fusaro, come già contro il Milan quindici giorni prima, e trasforma con freddezza insaccando alla sinistra di Milani. Il Padova subisce il contraccolpo psicologico e 7 minuti più tardi subisce anche la rete del 3-0 da Pastorello, direttamente su calcio di punizione ad aggirare la barriera.

Nelle altre partite del girone, si segnala un'altra rotonda vittoria dell'Inter che batte il Venezia ad Appiano Gentile con il punteggio di 3-0. Il portiere nerazzurro Fontana, dopo 4 giornate, non ha subito nemmeno una rete.

Quarta giornata, 5 novembre 1967

Atalanta – Milan 0-0
Brescia – Mantova 1-1
Inter – Venezia 3-0
Venezia – Verona 1-2

Riposa il Lanerossi Vicenza

VERONA – PADOVA 3-0

VERONA: Giacomi, Migliorini, Negri, Fusaro, Gobbi (Marradi), Marcolongo, Pangrazio, Fratton, Pasetto, Cinquetti, Pastorello.

PADOVA: Milani, Meneghini, Rimbano, Parisotto, Zanca, Brunello, Bedin, Dolci, Girotto, Bonello, Gatto.

RETI: Cinquetti al 3' pt; Fusaro (rig.) al 18', Pastorello al 25' st.

Poco dopo il termine della gara dei Primavera, al nuovo stadio di Piazzale Olimpia, si gioca la gara fra Verona e Foggia per la nona giornata del campionato di serie B. La squadra di Liedholm e Pozzan si impone per 2-0 grazie alle reti di Sega e Bonatti. La capolista Padova perde 4-2 a Potenza e, complice la serie di pareggi delle inseguitrici, il Verona agguanta la vetta della classifica. A quota 12 ci sono 5 squadre: Verona, Padova, Livorno, Palermo e Pisa. Siamo ancora agli inizi ma, dopo le difficoltà della passata stagione, il primato, seppur in ampia coabitazione, è finalmente un premio per la società di Garonzi.

Sul fronte Primavera, anche la stampa locale rende merito alla squadra di mister Caceffo dopo la prestazione contro il Padova. "I gialloblu guidano ora la classifica insieme all'Inter ma sono nettamente al comando fra le squadre di serie B. Il test patavino non è stato in realtà molto difficile da superare, ma il Verona lo ha fatto molto bene offrendo, specie nella ripresa, alcuni brani di buon calcio" scrive L'Arena in fase di commento della situazione di classifica.

Domenica 12 novembre 1967 va in scena la quinta giornata di campionato, nella quale il Verona osserva il turno di riposo. Spicca la netta affermazione del Milan (4-1 al Brescia), mentre l'Inter viene bloccata sullo 0-0 a Padova. Un risultato decisamente a sorpresa, visto che i patavini erano ancora al palo in classifica. Il pareggio permette alla formazione nerazzurra di issarsi da sola in testa alla classifica, ma con una gara in più rispetto al Verona. Subito dietro, in classifica, avanza il Milan che ha la miglior differenza reti del girone ma ha fatto fruttare male i suoi 11 gol all'attivo, che gli sono valsi solamente 2 vittorie, 2 pareggi, e una sconfitta nella gara del vecchio Bentegodi.

Il Venezia invece viene bloccato sul risultato di 0-0 al Sant'Elena dall'Atalanta e, pur interrompendo la striscia negativa di due sconfitte consecutive subite da Verona e Inter, rimane decisamente lontano dal Verona. Dopo sole 5 giornate di campionato, la squadra di Caceffo ha 4 punti sulla diretta avversaria di serie B più vicina: il verdetto della qualificazione sembrerebbe già una cosa scontata.

Chiude il quadro degli incontri la prima vittoria stagionale del Mantova che piega la resistenza del Vicenza grazie ad una rete di Frigeri al 30' della ripresa. La cronaca de La Gazzetta di Mantova racconta che la squadra mantovana, per dovere di ospitalità, ha giocato con la maglia biancoceleste. Dopo 4 partite, il Vicenza non ha ancora segnato una rete, magro record che divide con il Padova il quale, oltretutto, ha già incassato 12 reti.

Quinta giornata, 12 novembre 1967

Mantova – Vicenza 1-0
Milan – Brescia 4-1
Padova – Inter 0-0
Venezia – Atalanta 0-0

Riposa il Verona

CLASSIFICA ALLA 5a GIORNATA

Squadra   G  V  N  P  GF  GS  P.ti
Inter     5  3  2  0   7   0    8
VERONA    4  3  1  0   7   2    7
Milan     5  2  2  1  11   2    6
Mantova   5  1  3  1   4   5    5
Brescia   4  1  2  1   5   6    4
Atalanta  5  0  4  1   2   4    4
Venezia   4  1  1  2   3   5    3
Vicenza   4  0  2  2   0   3    2
Padova    4  0  1  3   0  12    1

Paolo


« Giornata 3: Venezia-Verona Giornata 6: Inter-Verona »

Hellastory, Online dal 5/11/2017

ALLA DISPERATA RICERCA DI UN MAGO (DI OZ)


Totò, ho l'impressione che non siamo più nel Kansas (Dorothy). Due anni fa, di questi tempi, il Verona navigava miseramente all'ultimo posto in classifica con 6 punti in compagnia del Carpi. Davanti a loro, 5 sopra, il Frosinone faceva da coda a un lungo filotto di possibili contendenti alla retrocessione. Solo possibili, visto l'esito finale del campionato. In pratica, tutto era già stato scritto e deciso quindi a partire dalla dodicesima giornata. Era una squadra strana quella, teoricamente attrezzata per disputare un buon campionato, sufficientemente ambiziosa al punto tale da dare filo da torcere a Roma e Inter e guidata da un tecnico che aveva la massima considerazione della piazza (due promozioni e due buone stagioni in A alle spalle) e della società. Il Verona aveva però sbagliato la preparazione, faticava a tenere i 90 minuti e mister Mandorlini, per porre rimedio a campionato in corso, era stato costretto a forzare i carichi atletici esponendo molti giocatori ad una serie incredibile di infortuni muscolari. Nessun successo fino a quel momento, 6 pareggi tra cui quello nel derby e a Carpi, un'avversaria diretta. Per la verità, i sintomi di un certo scollamento c'erano stati a Genova con la Sampdoria e nello scontro diretto interno con il Bologna che aveva frustrato la speranza di aggancio, ma tutti noi pensavamo che, in qualche modo, la partenza disastrosa poteva essere recuperata da un momento all'altro. Possibile che, oltre Mandorlini, gente come Rafa Marquez, Moras, Hallfredsson, Romulo, i giovani Viviani e Helander, Pazzini, capitan Toni e Juanito non contasse più nulla?

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6040 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2017-11-21 19:45:48'} - {ts '2017-11-22 01:45:48'}


19111912191319141915191919201921192219231924192519261927192819291930193119321933193419351936193719381939194019411942194319441945194619471948194919501951195219531954195519561957195819591960196119621963196419651966196719681969197019711972197319741975197619771978197919801981198219831984198519861987198819891990199119921993199419951996199719981999200020012002200320042005200620072008200920102011201220132014201520162017