sabato 19, h 18:00  
NAPOLI2

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  venerdì 25, h 20:45  

HELLAS VERONA

 
SASSUOLO 
Hellas Verona english presentation


Introduzione | 1 | 2 | 3 | 4 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 16 | 17 | 18 | 15(REC) | Semifinale | Finale

Giornata 6: Inter-Verona

SECCA SCONFITTA AD APPIANO GENTILE

"L'Inter ha ragione dei gialloblu": questo il titolo con cui il quotidiano L'Arena racconta la sconfitta del Verona Primavera ad Appiano Gentile, nella sesta giornata del girone A, disputata domenica 19 novembre 1968. Una sfida che si annunciava difficile per i ragazzi di Caceffo, al cospetto di una squadra che, dopo 5 giornate, non ha ancora subito una rete, e comanda la graduatoria grazie a 3 successi e 2 pareggi (entrambi per 0-0) contro Milan e Padova.

Aldo Bet
Aldo Bet ai tempi della primavera nerazzurra

Mister Caceffo deve rinunciare a Marcolongo, l'uomo di maggiore esperienza del centrocampo, dato che Omero Tognon lo aveva già fatto esordire in prima squadra nella precedente stagione. Lo rimpiazza con Pierluigi Marradi, un ragazzo nato nel 1950 in forza alla juniores, che però non ha le stesse caratteristiche, giocando solitamente come centromediano. L'Inter può schierare fra le sue fila una manciata di giovani di grandi prospettiva, alcuni dei quali destinati ad una buona carriera. Fra tutti, una futura conoscenza dei tifosi gialloblu: Aldo Bet, che disputerà una stagione in serie A con il Verona nel 1973-74. Curioso notare che Bet, pur essendo cresciuto nella società nerazzurra, passerà poi buona parte della sua carriera professionistica nelle fila del Milan, con cui vincerà lo scudetto della "stella" nel 1978-79. Con la maglia numero 11 l'Inter schiera inoltre Dino Spadetto, che nell'ottobre del 1968 esordirà in serie A con la maglia nerazzurra andando subito in gol nella vittoria 4-0 contro il Cagliari di Scopigno.

Sul campo, la squadra interista fa valere la sua supremazia tecnica mettendo al sicuro il risultato già nel primo tempo, con una doppietta di Tresoldi. Nella ripresa arrotonda il risultato Poletto, prima che Pangrazio realizzi il gol del definitivo 3-1, rendendo meno amara la sconfitta veronese e mettendo fine all'imbattibilità del portiere nerazzurro Fontana. Una battuta d'arresto senza attenuanti per il Verona, nel quale solo Fratton e Pasetto, per alcuni tratti, sono sembrati all'altezza. L'Inter ha dimostrato tutto il suo valore, e ha fatto capire che non è in testa al girone per caso.

Sesta giornata, 19 novembre 1967

Atalanta – Padova 2-0
Brescia – Venezia 2-0
Inter – Verona 3-1
Lanerossi Vicenza – Milan 0-1

Riposa il Mantova

INTER – VERONA 3-1

INTER: Fontana, Firpi, Monico, Bet, Prapangeli, Velmassi, Pesatori, Poletto, Tresoldi, Del Chiaro, Spadetto.

VERONA: Giacomi, Migliorini, Negri, Fusaro, Gobbi, Marradi, Pangrazio, Fratton, Pasetto, Cinquetti (Stoppa), Pastorello.

RETI: Tresoldi al 21' e al 38' del pt, Poletto al 12', Pangrazio al 15' del st.

È una giornata infausta per i colori gialloblu: nel campionato di serie B il Verona di Liedholm e Pozzan viene sconfitto in casa dal Venezia di Segato. Decide l'incontro una rete di Bellinazzi al 44' del primo tempo. Il Verona, dopo aver assaporato il gusto della vetta della classifica, è scivolato ora al sesto posto della graduatoria. Manca ancora tanto alla fine, ma c'è aria di crisi dopo 2 sconfitte consecutive.

Paolo


« Giornata 4: Verona-Padova Giornata 7: Verona-Atalanta »

Hellastory, Online dal 19/11/2017

IMPRESSIONI DI SETTEMBRE


Il Verona di Juric sa soffrire. Ed è un ottimo punto di partenza. Nel frattempo, essendo arrivati a fine mese, prendiamo in prestito le parole di Rowland Robinson per il quale «i giorni di settembre hanno il calore dell'estate nelle loro ore più centrali, ma nelle sere che si allungano c'è il soffio profetico dell'autunno». E' proprio così. Dopo il vuoto ansiogeno di agosto, nel quale comandano i titoli del calciomercato e le salve sparate nel corso di amichevoli accomodanti, settembre ci consegna una quantità incredibile di informazioni. Il problema è che occorre provare a distinguere quelle utili che potrebbero farci scoprire segnali attendibili da quelle poco affidabili. È certo che settembre favorisce le neopromosse che puntano a colmare il gap tecnico con la condizione fisica e le rose che hanno cambiato poco durante l'estate sfruttando meccanismi rodati. Incontrare poi la Juventus a settembre, dopo il primo turno infrasettimanale di Champions League a Madrid, è sicuramente più agevole di metà novembre quando tutte le classifiche chiedono una risposta concreta. Questa situazione caotica, nella quale prevale un equilibrio così esasperato da consentire al Lecce di vincere a Torino e alla Spal di rimontare in casa la Lazio, è destinato a durare ancora poco. Ottobre è infatti il mese nel quale si paga pegno ed emergono i valori reali. Ma qualche spunto settembrino lo tratteniamo, anche per addolcire i momenti difficili che potremo incontrare.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6738 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2019-10-21 01:33:31'} - {ts '2019-10-21 08:33:31'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019