domenica 21, h 15:00  
VENEZIA1

HELLAS VERONA

1

PROSSIMO IMPEGNO
  sabato 27, h 18:00  

HELLAS VERONA

 
PERUGIA 
Hellas Verona english presentation


Introduzione | 1 | 2 | 3 | 4 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 16 | 17 | 18 | 15(REC) | Semifinale | Finale

Giornata 11: Milan-Verona

IL MILAN FALLISCE DUE RIGORI

Domenica 28 gennaio 1968, per la seconda gara del girone di ritorno, il Verona Primavera è atteso dal Milan che, a differenza della stagione precedente, gioca le gare interne sul terreno di Milanello. I ragazzi rossoneri sono ad un punto di distanza dal Verona, ma soprattutto accusano 3 punti di ritardo in classifica dai cugini dell'Inter, con i quali si contendono l'accesso alle fasi finali per formazioni di serie A. Non possono quindi permettersi passi falsi, in vista del derby di ritorno previsto per la terza giornata. Nonostante il ritardo in classifica, i Primavera del Milan hanno numeri di tutto rispetto, avendo segnato 16 gol contro i soli 3 subiti. C'è però da dire che 10 delle reti segnate il Milan le ha realizzate nelle 2 sfide contro il malcapitato Padova: 7 all'andata e 3 al ritorno.

Caceffo può schierare la migliore formazione in cerca di un risultato di prestigio. Dopo il passo falso con il Mantova, i Primavera del Verona hanno bisogno di voltare immediatamente pagina e di ritornare sulle prestazioni del girone di andata.

Mario Giacomi
Mario Giacomi

La gara è equilibrata e interessante, anche se giocata prevalentemente a centrocampo. Dopo soli 7 minuti dall'inizio della gara l'ala milanista Marchesi viene atterrata in area e l'arbitro concede il rigore, che però viene parato da un ottimo Mario Giacomi.

Nella ripresa si infortuna Migliorini, che in uno scontro di gioco riporta una ferita al mento ed è costretto ad uscire dal campo. Ma le emozioni non sono finite, e l'arbitro decreta un secondo rigore in favore del Milan, che fortunatamente viene calciato a lato. Finisce 0-0 e per il Verona è un piccolo passo verso la conquista dell'accesso alle fasi finali.

Nelle altre gare, si disputa il derby fra le altre squadre venete di B e il Venezia rispetta il pronostico imponendosi per 1-0 sul Padova. L'altra veneta, quella di serie A, ovvero il Vicenza, dopo le pesanti sconfitte con Verona e Inter, torna al successo battendo di misura l'Atalanta grazie ad un'autorete di Manenti su tiro di Scalchi. Infine, a Mantova è di scena l'Inter, ma non ci è stato possibile rintracciare il risultato sulle varie fonti disponibili. Sulla base di successive informazioni riguardanti il distacco in classifica fra Inter e Verona, è stato possibile solo desumere che l'incontro fra Mantova e Inter è finito in parità, ma rimane sconosciuto il punteggio, e non è dato sapere se la gara sia stata disputata effettivamente il 28 gennaio.

Undicesima giornata, 28 gennaio 1968

Lanerossi Vicenza - Atalanta 1-0
Mantova – Inter RNP
Milan – Verona 0-0
Venezia – Padova 1-0

Riposa il Brescia

MILAN – VERONA 0-0

MILAN: Mora, Baldan, Brambilla, Maldera, Saporiti, Anelli, Marchesi, Bagnaschi, Sartori, Rosa, Sigarini.

VERONA: Giacomi, Migliorini, Negri, Fusaro, Gobbi, Marcolongo, Pangrazio, Fratton, Pasetto, Stoppa, Pastorello.

NOTE: il Milan fallisce due calci di rigore.


« Giornata 10: Verona-Mantova Giornata 12: Verona-Venezia »

Hellastory, Online dal 28/1/2018

LA SERIE B E' UN'ALTRA COSA


Salernitana e Lecce ci portano sulla terra. Il Verona si schianta fragorosamente a causa della sua presunzione e narcisismo. Questa è una squadra che si crede forte e per questo si affida ad un calcio estetico, ad irritanti mezzi falli furbetti subiti in aera per sperare in un calcio di rigore, protesta molto, si irretisce in fretta, le prende e non le dà. Ma ancora deve dimostrare tutto il suo valore. D'altra parte, tira in porta solo con Laribi e ha subito gol in tutte le gare ufficiali (Coppa e Campionato, tranne Cosenza ovviamente). Il tutto è espressione di un possesso palla sterile e prevedibile, frutto di accademiche triangolazioni a cercare il povero Pazzini, sempre marcatissimo, che non portano da nessuna parte. Grosso si affida a giocatori che credono forse di essere dei fenomeni (Colombatto, Lee, Dawidowicz, Marrone e Silvestri) e altri che sono così ruvidi che farebbero panchina anche in Lega Pro (Eguelfi e Cissè). Zaccagni invece, che gioca e combatte come serve in serie B, parte sempre dalla panchina. Perché?

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6376 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2018-10-23 18:16:00'} - {ts '2018-10-24 01:16:00'}


191119121913191419151919192019211922192319241925192619271928192919301931193219331934193519361937193819391940194119421943194419451946194719481949195019511952195319541955195619571958195919601961196219631964196519661967196819691970197119721973197419751976197719781979198019811982198319841985198619871988198919901991199219931994199519961997199819992000200120022003200420052006200720082009201020112012201320142015201620172018