Belgrado (JUG), 28/09/1983 ore 18:00 - Coppa Uefa - Trentaduesimi di finale - Ritorno
STELLA ROSSA

Ivkovic, B.Durovski, Jovin, Bankovic espulso, Sugar ammonito, Elsner ammonito, Sestic, Durovic (sostituzione70'Milojevic), M.Durovski espulso, Janianin, Mrkela (sostituzione46'Nikolic)
  2   
HELLAS VERONA

Garella, Ferroni, Marangon, Volpati, Fontolan, Tricella, Fanna, Sacchetti ammonito, Storgato, Di Gennaro, Galderisi. All. Bagnoli
  3   
Marcatori: H.Verona: 34' Sacchetti, 65' Galderisi, 82' Galderisi
Stella Rossa: 17' rig. B.Durovski, 59' M.Durovski
Arbitro: Courtney (ENG)
Note: Spettatori 85.000, oltre 500 i sostenitori gialloblu giunti a Belgrado con 7 pullman e numerose auto private.

28/09/1983: Stella Rossa-Hellas Verona 2-3


Un secolo d'amore con una scala al posto del cuore Stella Rossa- Verona 2-3: una match indimenticabile che vi raccontiamo attraverso le appassionate parole di Roberto Puliero, da più di vent'anni "voce" dell'Hellas, tratte dal libro "Alè Alè alè bum bum".
clicca per ingrandire
"La grande attesa dei tifosi era rivolta soprattutto allo storico debutto i Europa: lo stato d'animo, misto di trepidazione e di orgoglio, era quello del contadino invitato a corte dal re. Dopo l'incontro d'andata, terminato uno a zero per i nostri grazie alla rete di Pierino Fanna, l'entusiasmo salì alle stelle, ma la gara di ritorno appariva paurosamente difficile. Migliaia di veronesi, con i mezzi più disparati, accompagnarono la squadra Belgrado, scoprendo una città che pareva uscita da un film italiano degli anni cinquanta, con i quarti di bue appesi fuori dalle macellerie vuote, e i giocattolini di latta nelle vetrine dei minuscoli negozi. Lo stadio della Stella Rossa, ribattezzato "Maracanà" per il tifo infernale dei suoi sostenitori, era infossato in una buca tra le colline, dove gli avversari dei padroni di casa, accerchiati da tanto clamore, finivano i genere sopraffatti. Dopo solo un quarto d'ora gli slavi annullarono lo svantaggio dell'andata andando a segno su rigore. Il boato dello stadio si fece spaventoso. Non tremarono i ragazzi di Bagnoli, che ripresero a ordire con precisione le loro ben congegnate controffensive. Poco dopo la mezz'or, Gigi Sacchetti esplose dal limite una staffilata improvvisa, che andò a infilarsi imprendibile sotto l'incrocio:1-1. I padroni di casa si rituffarono all'assalto schiumanti di rabbia. All'inizio della ripresa riagguantarono il vantaggio, e subito s'avventarono con veemenza alla ricerca del gol della qualificazione. Fu allora che, come il puffetto buono delle favole, fece capolino nella bolgia Nanu Galderisi, inventando d'incanto due magici guizzi che nuovamente ribaltarono il punteggio: 3-2!

Proprio come nelle favole, giocatori e tifosi vissero felici e contenti lo storico momento di ineffabile gioia: al suo primo tentativo, il Verona aveva trionfato in Europa. L'esultanza si mescolava all'incredulità e alla commozione. Fuori dagli spogliatoi, decine di tifosi aspettarono i giocatori. Nanu Galderisi si tuffò festante i mezzo a loro, che più volte lo lanciarono verso il cielo, donde forse era venuto. Io salii sul pulmann della squadra che ci riportava in albergo. Tricella, Volpati, Di Gennaro, capi carismatici dello spogliatoio, si guardavano in faccia gioiosamente stupiti e si dicevano: "Ma allora siamo proprio forti. Impercettibili pieghe ai lati della bocca, forse significante un sorriso, furono individuate persino sul volto di Bagnoli. In albergo ci aspettava fumante il risotto al tastasal confezionato da Billy Pattaro, cuoco della bassa appositamente aggregato alla trasferta per stemperare la tensione col calore dei profumi di casa".

Andrea Perazzani 2003-2021 Hellastory è ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel. Per una corretta visione si consiglia l'uso del browser Microsoft Internet Explorer versione 5 o successiva con Javascript, Popup e Cookies abilitati. Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte. Per qualunque informazione contattateci. []