domenica 17, h 12:30  

HELLAS VERONA

3
MILAN0

PROSSIMO IMPEGNO
  sabato 23, h 15:00  
UDINESE 

HELLAS VERONA

 
hi!hi!hi!hi!hi!hi!hi!
Hellas Verona english presentation

5. Il Campionato in numeri

 

ED E’ SUBITO...SERIE A!

Va in archivio il 52mo campionato del Verona in Serie B. Ne dettagliamo la storia, a partire dal 1929/30, in base alle varie formule in cui si è disputato:

1 partecipazione a 13 squadre, 2 a 16, 1 a 17, 14 a 18, 22 a 20, 3 a 21, 8 a 22 e 1 a 24.

E’ questo quindi, l’ campionato giocato a 22 squadre, i precedenti sono quelli del 1948/49, 1949/50, 2004/05, 2005/06, 2006/07, 2011/12 e 2012/13 ed ogni statistica riportata in seguito riguarderà questi otto tornei.

C’è da dire, a questo proposito, che in un’annata piuttosto schizofrenica come questa (partenza a razzo, imbarcate improvvise e assestamenti precari) non si sono battuti tanti record anche perchè le due ultime stagioni di B (2011/12 e 2012/13), col vate ravennate in panchina, sono state così piene di risultati significativi che riuscire a migliorarsi era impresa improba. A proposito di schizofrenie, Pecchia è andato in Serie A facendo 4 punti in meno del Mandorlini, bocciato nel 2011/12, quello, per intenderci, delle 8 vittorie consecutive e dei 12 successi di fila fra le mura amiche.

Ad ogni buon conto abbiamo eguagliato la 2^ posizione nella classifica finale come nel 2012/13 e il minor numero di sconfitte casalinghe (2) come nel 1948/49, nel 2004/05, nel 2011/12 e nel 2012/13.

Come contraltare ci sono l’unico record assoluto “migliorato” in negativo, la sconfitta in casa più rilevante: 13/11/2016 Verona-Novara 0 a 4 e la conferma di un’altra prestazione negativa, la sconfitta in trasferta più netta: 18/11/2016 Cittadella–Verona 5 a 1.

Sono stati schierati 25 giocatori che rappresentano il numero più basso, come nel 2011/12.

La buona partenza del Verona è confermata anche dai punti raccolti nel girone di andata, ben 41, che eguagliano il primato assoluto del 2011/12.

Appunto, il girone di andata. A metà campionato l’Hellas era in un’altra dimensione. Mi sembra significativo evidenziare qualche dato riferito a quel momento, confrontato coi dati finali, per ribadire come sia stata una stagione di difficile lettura, ma, fortunatamente vincente.

I punti in classifica, come detto, erano 41, perfettamente in media per arrivare agli 82 finali dell’anno della promozione (2012/13) che rappresentano il massimo punteggio mai raggiunto. Nel ritorno i punti sono stati 33.

Le vittorie totali erano 12 a fronte delle 20 a fine torneo.

40 le reti attive, eravamo di gran lunga l’attacco più forte e in proiezione ottimale per polverizzare il record di 68 reti finali del torneo 1949/50. C’è da dire che c’è stato un altro Verona più bravo, quello di Adailton e Bogdani, che nel 2004/05 a metà campionato ne aveva segnate 42. “Solo” 24 le reti nel ritorno per complessive 64 finali. E’ d’obbligo segnalare, a questo proposito, che il Verona è la squadra che ha segnato più di tutte in trasferta in questo torneo (28).

Le reti fatte e subite nelle 21 partite dell’andata hanno prodotto 63 gol (40+23), lo stesso numero di gare, nel ritorno, hanno fruttato 41 gol (24+17).

Il nostro Pazzini alla 21^ giornata era primo nella classifica marcatori con 16 reti (5 rigori) in 17 partite giocate. Era riuscito a segnare 4 doppiette in altrettante gare e ad insaccare in 6 giornate consecutive. Nel ritorno 7 reti (0 rigori) in 18 gare, con un’altra doppietta. Il tutto non è bastato a scalzare Cacia dal trono di miglior cannoniere: 24 reti nel 2012/13.

Numeri in contrasto anche per quanto riguarda i rigori. Quelli a favore: 5 all’andata e 2 al ritorno. Quelli contro: 1 all’andata e 5 al ritorno.

Sempre nella prima parte del campionato (1^, 9^ e 13^ giornata) i gialloblu hanno rifilato 3 quaterne alle malcapitate Latina, Ascoli e Spezia e dalla 4^ alla 7^ giornata hanno inanellato 4 vittorie consecutive con Avellino, Spal, Frosinone e Ternana.

La maggior sequenza di partite utili senza sconfitte si è verificata dalla 4^ alla 13^ giornata: 10 turni con 2 pareggi.

Nelle prime 9 gare si erano già registrate 3 vittorie consecutive in casa (1^, 4^ e 6^ giornata) e 3 vittorie consecutive in trasferta (5^, 7^ e 9^ giornata).

Ma nell’autunno gialloblu abbiamo dovuto ingoiare anche qualche rospo: soprattutto la più larga sconfitta interna, lo 0 a 4 col Novara alla 14^ giornata. Cadevano in questo modo vecchie disfatte, vale a dire lo 0 a 3 di Verona–Reggiana del 1948/49 e lo 0 a 3 di Verona–Mantova del 2006/07.

Si è eguagliata, invece, la sconfitta più netta fuori casa: 5 a 1 col Cittadella alla 15^ giornata che è anche la partita con il maggior numero di gol stagionali (6). Resistono il 4 a 0 di Spal–Verona del 1948/49 e il 4 a 0 di Udinese–Verona del 1949/50.

Nonostante queste due scoppole consecutive, il numero di reti subite nel girone di andata era di 23, che al netto dei 9 gol subiti in due gare, dava il senso di una ritrovata compattezza difensiva. La media finale di reti subite per partita, 0,952, sta a dimostrarlo.

Detto del nostro miglior realizzatore, Pazzini con 23 reti, il gialloblu più presente è stato Nicolas con 42 partite giocate, non ha saltato una gara e il nostro contatore gli assegna un minutaggio finale pari a 3.994. La sua inviolabilità si è fermata a 387 minuti, al netto dei recuperi, dal rigore di Ciofani D. in Frosinone-Verona, al gol di Bianchi in Pro Vercelli-Verona.

Una parola per Juanito, a questo punto, le sue 17 apparizioni stagionali (16 più 1 in Coppa Italia) lo portano a complessive 225 presenze che significano il 13° posto all-time.

Nell’angolo dei cattivi finiscono gli espulsi che sono 8: Caracciolo, Maresca, Bianchetti, Fares, Pazzini, Zaccagni, Ferrari e Valoti. Anche Pecchia in Bari-Verona è stato allontanato dal campo.

Tra i vari ammoniti spicca la performance di Fossati che si è visto sventolare il cartellino giallo sotto il naso ben 13 volte.

19 sono le giornate di squalifica comminate a Bianchetti (2), Fossati (2), Pazzini (2), Zaccagni (2), Bessa (1), Caracciolo (1), Fares (1), Ferrari (1), Maresca (1), Pisano (1), Romulo (1), Siligardi (1), Souprayen (1), Valoti (1) e Zuculini (II) (1). Un turno di riposo anche per Pecchia.

I rigori sono stati 7 a favore con 6 realizzazioni (Pazzini 5, Romulo 1) e 1 parato (Romulo) e 6 contro con 5 realizzazioni (Granoche (2), Paghera (1), Ciofani D. (1), Caputo (1) e 1 tirato a lato (Avenatti).

20 gli arbitri che hanno diretto le 42 partite. Abbattista di Molfetta e La Penna di Roma i più presenti con 4 gare.

Il numero degli abbonati si è fermato a 10.198 tessere, resiste il record di 11.546 del campionato 2012/13.

Completano la stagione 3 insignificanti gare di Coppa Italia, compresa la batosta autunnale (vedi Novara e Cittadella) contro il Bologna (0 a 4) nel 4° Turno Eliminatorio.

Eccoci di nuovo in Serie A, quindi, frutto della 9^ promozione dalla serie cadetta. Siamo appaiati al Palermo in 4^ posizione, nella speciale graduatoria che vede l’Atalanta al primo posto con 12 risalite.

La prossima sarà la partecipazione n. 28 che ci conferma al 18° posto assoluto come numero di campionati disputati.

Incontreremo un nuovo compagno di viaggio, il Benevento, matricola assoluta, che porterà a 48 le squadre incontrate dal Verona nella massima serie.

Sperando sia di buon auspicio per le prossime fortune dell’Hellas, salutiamo la convocazione di Alex Ferrari nell’organico dell’Under 21 impegnata in questi giorni nei Campionati Europei di categoria in svolgimento in Polonia. Ideale passaggio di consegne con Bianchetti che con 13 presenze è quello che ha indossato più volte la maglia della Nazionale Giovanile da giocatore del Verona.

Il buon auspicio è d’obbligo stante la prospettiva di disputare due turni del prossimo campionato con il settore Curva Sud privo di spettatori in seguito ai fatti accaduti nell’ultimo derby col Vicenza.

Supereremo anche questa.

Buone vacanze.



CARLO


STAGIONE SPORTIVA 2016/17

SERIE BCOPPA ITALIATOTALITOTALI NEL VERONA
PRESENZERETIPRESENZERETIPRESENZERETIPRESENZERETI
1NICOLAS Andrade David Nicolas42-402-244-4248-50
2SOUPRAYEN Samuel41-1-4264-
3BESSA Daniel4181-428428
4ROMULO Souza Orestes Caldeira3942-4148410
5FOSSATI Marco Ezio37221393393
6LUPPI Davide35631387387
7BIANCHETTI Matteo34-3-37721
8PAZZINI Giampaolo35232-37236829
9CARACCIOLO Antonio331-34-34-
10SILIGARDI Luca3151-325627
11PISANO Eros2532-273798
12ZACCAGNI Mattia2621-272312
13GANZ Simone Andrea21431245245
14VALOTI Mattia2232-243374
15FARES Mohamed Salim14-3-1731-
16GOMEZ TALEB Juan Ignacio1611-17122546
17ZUCULINI ( I ) Franco1421161161
18ZUCULINI (II ) Bruno161-161161
19TROIANIELLO Gennaro14-1-15-15-
20FERRARI Alex14--14-14-
21CAPPELLUZZO Pierluigi13--13-14-
22BOLDOR Deian911-101101
23MARESCA Enzo8-1-9-9-
24CHERUBIN Nicolò5---5-5-
25GRECO Leandro1-2-3-944
26HELANDER Filip--2-2-282
27VIVIANI Federico--1-1-213
28WSZOLEK Pawel--1-1-28-
29COPPOLA Ferdinando--1-41-43-8



Hellastory, 21/06/2017

UNA SQUADRA INAFFIDABILE


Ma cosa diavolo è successo a partire dal 70'? come si fa a non tenere 2 gol di vantaggio dopo aver dominato completamente l'avversario? Due pali (già lì...) e due gol in soli 20 minuti. Durava un altro paio di minuti e perdevamo, tanto non eravamo più in campo. Questione di fisico o testa? Cosa è successo? Cosa continua a succedere al Verona? Di questo deve rispondere il signor Pecchia perché aveva la partita in mano e, per l'ennesima volta dopo Bergamo, Chievo e soprattutto con il Bologna non siamo riusciti a tenere il risultato sul binario di controllo. E il secondo tempo contro il Genoa? Dovevamo rimontare, abbiamo fatto un solo tiro in porta con Cerci. Crolliamo sempre nella ripresa, ci imbamboliamo. A Ferrara i nostri difensori hanno finito in continuo affanno (Ferrari e soprattutto Caracciolo), sconcertante Bessa sempre avulso dal gioco, infruttuosi i cambi mai entrati in partita. Il finale ha calato l'ennesima ipnosi collettiva ingiustificabile. Del resto, signori miei, questi siamo. Peccato perché era l'occasione perfetta per vincere uno scontro diretto e mettere fieno in cascina prima del terribile finale di stagione (Milan, Udinese e Juventus). Invece restiamo penultimi in classifica, con 32 gol incassati e la certezza che questa squadra va rifondata. Se ha intenzione di salvarsi, perché comincio a dubitare anche di questo.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6066 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2017-12-17 23:13:22'} - {ts '2017-12-18 05:13:22'}


19111912191319141915191919201921192219231924192519261927192819291930193119321933193419351936193719381939194019411942194319441945194619471948194919501951195219531954195519561957195819591960196119621963196419651966196719681969197019711972197319741975197619771978197919801981198219831984198519861987198819891990199119921993199419951996199719981999200020012002200320042005200620072008200920102011201220132014201520162017