domenica 18, h 20:30  

HELLAS VERONA

1
CREMONESE2

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 25, h 20:45  

HELLAS VERONA

 
BOLOGNA 
Hellas Verona english presentation

1. "Suo figlio è intelligente ma non si applica"

 

La frase d'esordio tipica dei colloqui tra genitori di figli sfaticati e docenti indispettiti si addice bene all'anonima stagione gialloblù. Ho scritto anonima ma penso sia stata pessima, solo che mi sembra troppo duro come giudizio, considerando che comunque, anche se passando per gli esami di riparazione, siamo stati promossi. Il problema però è che il risultato non è tutto, e per goderselo davvero dipende molto anche da come ci si arriva. Per anni ho fatto la parte del figlio che studiava poco, che si barcamenava per quasi tutto l'anno scolastico e poi recuperava alla fine, sostenendo interrogazioni da ultima spiaggia su tutto il programma dopo notti insonni. Riuscivo in recuperi notevoli ma qualcosa da riparare a settembre restava sempre. E a settembre non sempre andava bene: sono stato promosso ma anche bocciato, perché a scuola, come nei play-off, nulla è scontato. Sarebbe sempre auspicabile guadagnarsi la promozione dando il massimo durante l'anno scolastico, se il massimo è sufficiente, sennò ci si gioca tutto lo stesso agli spareggi ma, quantomeno, i genitori non possono cazziarti e i tifosi non si sentono presi per il culo. Il Verona costruito da D'Amico era dotato di "buona intelligenza", non assortito benissimo (ma non si può essere bravissimi in tutte le materie) e non da primo della classe come per qualche tempo si era ventilato, ma assolutamente in grado di disputare un buon campionato e giocarsi la promozione diretta. Tuttavia, non è andata così. La stagione si è trascinata tra alti e bassi contraddistinta dalla noia, dal distacco, dallo "spleen" di uno studente svogliato che, anziché esaltare le proprie qualità, si lasciava cullare dall'onanismo sfrenato dei passaggi orizzontali, del possesso palla, del palleggio fine a sé stesso, coprendo i libri di sottolineature colorate per poi fare scena muta alle interrogazioni. Indisponente, inconsistente, strafottente nell'anteporre la forma alla sostanza, collezionatore compulsivo di tabellini degni del miglior Tafazzi con un possesso palla schiacciante a favore, ma con l'avversario di turno che riempiva le caselle "tiri in porta" e "gol fatti". Emblematiche in questo senso sconfitte come quella di Padova o come quelle casalinghe contro Lecce e Benevento. Ogni tanto un sussulto arrivava, a dimostrare che l'alunno non era uno stupido, ma poi subito si tornava alla noia dei ritmi blandi, tipici dei banchi in fondo all'aula, dove ci si specializza a sonnecchiare tenendo gli occhi aperti, facendo possesso palla con la palpebra alzata ma la pupilla svuotata di ogni legame con la realtà. Un Verona triste che ha giocato un calcio triste, senza sentimento, senza emozione, con l'animus pugnandi sostituito da una robotica esecuzione dello stesso copione in una lunga serie di repliche sempre ugualmente soporifere. Una squadra messa in campo alla stregua dello studente svogliato che si autoassolve nel mantra "ma io volevo fare un'altra scuola". Un Verona che doveva essere una corazzata e, in effetti, lo è stato: quella della "cagata pazzesca" di fantozziana memoria. Il riscatto all'esame di riparazione non è stato sufficiente, almeno per il sottoscritto, a dare un aspetto diverso ad una delle stagioni più scialbe che io ricordi da quando, e sono quasi 40 anni, seguo il Verona. Ho gioito per la promozione e con Aglietti ho visto l'intelligenza venire fuori, ma un mese di maggio a buoni livelli non può riscattarne otto incolori. Merito di Setti, il torneo scialbo e incolore intendo, non la promozione, quella è merito di Aglietti, dei giocatori e di una buona dose di fortuna. Affidare la squadra ad un allenatore "emergente" (termine che ormai è sinonimo di fighetti seguaci del tiki taka ad ogni costo, del torello e dell'orizzontalità come stile di vita) è già un azzardo se vuoi essere promosso, se poi di fronte a risultati scadenti, alla disaffezione dei tifosi per una squadra che non sa emozionare, non cambi in corsa al momento opportuno, diventa un atteggiamento ambiguo che può portare al "peccato" di pensar male: dirigenza incompetente (che è già grave) o addirittura connivente (che sarebbe gravissimo)? Non lo so, non credo che a restare in B ci si guadagni, quindi non me la sento di pensare così male, ma il comportamento masochistico di continuare con Grosso è davvero difficile da spiegare e, nella migliore delle ipotesi, tocca addirittura ringraziare il Livorno per aver tolto il salame dagli occhi del presidente, perché se quella partita disgraziatamente la vincevamo, ci giocavamo i play off con Grosso e con l'esito già scritto. Per me è andata di culo, perché se non c'è dubbio che Aglietti, con semplicità, pragmatismo e personalità nel gestire il gruppo, ha dato un senso al gioco del Verona, è anche vero che nel percorso verso la A abbiamo trovato le squadre più abbordabili (con la dipartita d'ufficio del Palermo a togliere di mezzo un avversario forse proibitivo) e anche qualche episodio favorevole. Per Setti non è la prima volta che il "fattore c" diventa determinante, buon per lui, e buon per noi che alla fine abbiamo festeggiato. Resta però la desolante sensazione di aver perso tempo a seguire partite talmente uguali e tristi che ad un certo punto, sono sincero, ho pure smesso di guardarle. Ammetto con amarezza che il feeling con il calcio si è rotto già da tempo e solo il Verona, per quello che mi rappresenta in termini personali più che sportivi, rappresenta l'ultimo legame con una roba che non so bene cosa sia diventata, ma di certo non è più il calcio di cui ero innamorato. Credetemi: non è questione di gioco bello o brutto, né tantomeno di risultati, altrimenti non sarei qui a dare un giudizio negativo alla stagione, la questione è più profonda ed è perfettamente rappresentata da gestioni societarie come quelle che sono diventate la norma anche a Verona, caratterizzate da un distacco sempre più marcato con la componente "popolare" del calcio che non consiste solo nei tifosi più accesi, ma comprende tutto l'ambiente di riferimento di una squadra di calcio. Quello che forse Setti non ha capito o fa finta di non capire, è che quando si acquista una società sportiva non basta far quadrare i conti per farsi rispettare dalla piazza e, in prospettiva dialettica, pensare solo a far quadrare i conti non significa avere rispetto della piazza. Il rispetto si guadagna condividendo la passione, coinvolgendo e lasciandosi coinvolgere. Una società sportiva è un patrimonio sensibile che va curato rispettandone la vocazione che, nel caso del Verona, è quella di essere una provinciale, di avere un bacino di interesse ristretto in termini di seguito, ma fortemente fidelizzato e profondamente legato a quell'ambiente, città e provincia, attraverso un'osmosi che dura da più di un secolo. Si possono comprare le società calcistiche (anche più di una contemporaneamente...) ma il loro vero patrimonio non è costituito dal titolo sportivo e non si compra con i soldi perché non è un cespite negoziabile. Qui mi fermo perché il ciglio del discorso è scosceso e la caduta nel retorico molto probabile, e anche perché, a forza di lamentarmi, sembra quasi che mi sia dimenticato che il Verona è tornato in serie A e che è giusto goderci questa promozione, sperando con tutto il cuore che non ce ne siano altre da festeggiare per molto tempo ancora. Tuttavia, sempre in linea con il parallelo tra scuola e campionato, l'anno prossimo ci sarà la maturità e non sono previsti esami di riparazione: ci sarà da studiare tanto, ma proprio tanto, per non essere bocciati. Un buon inizio potrebbe essere la riconferma di Aglietti che, come docente di ripetizione per rimandati, si è dimostrato all'altezza e piace allo studente e anche ai tifosi. Un segnale di apertura nei confronti di chi comunque ha sempre sostenuto la squadra, un segnale che non sarebbe una resa all'umore dei tifosi, ma solo una gradita dimostrazione di buon senso, il primo tassello per costruire qualcosa di solido senza affidarsi alle scommesse.



Davide




Hellastory, 10/06/2019

BRUSCO RISVEGLIO


Le prove generali del Verona contro la Cremonese hanno evidenziato un grave ritardo di preparazione fisica, una preoccupante fragilità mentale e una (facilmente ipotizzabile) inconcludenza offensiva. Se pensiamo di poterci salvare basandoci esclusivamente su presupposti caratteriali siamo veramente fuori strada. Del resto, lo stesso Juric è stato chiaro: per salvarsi occorre anche qualità. Sul banco degli imputati salgono un po' tutti: dal direttore sportivo che ha impiegato settimane per completare la rosa ritardando l'arrivo di Verre, Tutino e Lazovic (che era svincolato e poteva aggregarsi già ai primi di luglio); alla società che, come ha rilevato Francesco, si è vista costretta ad impegnare risorse pesanti per dover riscattare giocatori come Dawidowicz, Ragusa, Di Gaudio, Almici e Marrone tutti fuori dal progetto senza riuscire poi a piazzarli; e infine all'allenatore che non è riuscito a trasmettere la cattiveria agonistica che lui stesso aveva criticato alla squadra di Grosso ed è arrivato alla partita di Coppa Italia senza aver provato in precedenza certi giocatori: perché non è stata chiesta un'amichevole prima di Ferragosto? È dal 4 agosto (con la Spal) che i gialloblù non provano 90 minuti tirati contro un avversario serio. Parliamoci chiaro: l'obiettivo Coppa Italia contro la Cremonese avrebbe dovuto completare la preparazione in vista dell'esordio di campionato e non essere un presuntuoso salto nel vuoto nel quale verificare gli eventuali ritardi accumulati. Il Verona, che ha resistito fisicamente e mentalmente solo un tempo, in quali condizioni si troverà ad affrontare l'esordio stagionale? Basta una settimana per mettere minuti nelle gambe e testa a posto? Per non parlare dei gravi ritardi accumulati in attacco evidenziati con l'ovvia bocciatura di Tupta inadatto a ricoprire il ruolo di centravanti (cosa si pretende da questo ragazzo?) e il limitato contributo che può offrire capitan Pazzini che in B può fare la differenza, ma ormai non tiene più 90 minuti. Figuriamoci contro difensori di serie A. Tutte cose arcinote. Però si è perso un sacco di tempo per l'illusione Balotelli.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6678 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2019-08-22 06:12:52'} - {ts '2019-08-22 13:12:52'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019