sabato 16, h 18:00  

HELLAS VERONA

1
ASCOLI1

PROSSIMO IMPEGNO
  venerdì 29, h 21:00  
CREMONESE 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation


INTRODUZIONE  
DALL'AZZURRA ALL'INTER  
PALERMO, UNA SECONDA CASA  
GENOVA, PIAZZA DIFFICILE  
A RAVENNA, DI NUOVO IN GIOCO  
SUL CAMPO COI RAGAZZI, ANCHE A VERONA «
IL CALCIO DI OGGI  
LE PARTITE CONTRO IL VERONA  
 

Sul campo coi ragazzi, anche a Verona

Poi, dopo il ritiro dai campi, cominci ad allenare i ragazzi.
Nonostante ne abbia avuto l’opportunità, e mi siano stati offerti anche dei contratti molto vantaggiosi, non ho mai voluto allenare i portieri delle prime squadre. Molti dei miei ex compagni di squadra ai tempi della A hanno fatto una buona carriera da allenatore, basti pensare a Reja, ma anche Arcoleo che ogni tanto mi chiamava per cercare di convincermi ad allenare. Ho scelto di lavorare sempre e solo con i ragazzi perché mi piace l’idea di insegnare qualcosa a chi ha davvero bisogno di imparare. I ragazzi sono delle spugne e assorbono tutto quello che gli insegni con entusiasmo. Io insegno ai ragazzi la tecnica, il modo di coordinare il corpo, come devono posizionarsi e muoversi per andare a prendere il pallone, ma soprattutto cerco di tirarne fuori il meglio.

Che valori cerchi di dar loro?
Spiego a loro che l’obiettivo è giocare al massimo delle loro possibilità, non quello di farne portieri di serie A. La selezione la fa tutta una serie di fattori, fra cui le capacità, le doti fisiche, caratteriali e la forte personalità e la “fortuna” nel cogliere le occasioni giuste quando si presentano. Con i ragazzi cerco di condividere le “votazioni” che gli faccio periodicamente, analizzando con loro se fanno progressi durante gli allenamenti. I ragazzi sono sempre degli ottimi valutatori, si accorgono subito se giocano bene o male, se fanno progressi allenandosi, o se i compagni sono più bravi. Condividendo con loro le valutazioni si sentono più responsabilizzati e restano meno delusi se capiscono che non faranno strada nel calcio. Il problema, casomai, è farlo capire a certe famiglie che ripongono troppe aspettative nei ragazzi e sperano di avere in casa il campione del secolo. Io sono contento quando riesco ad insegnare a un ragazzo a giocare al meglio delle sue possibilità.

Capisci subito se uno può sfondare?
Allenando i ragazzi per anni ho sviluppato la capacità di intuire subito se uno ha la stoffa per fare il portiere. Io gli butto la palla o gli faccio un tiro nell’allenamento, ma non guardo il pallone: osservo come si muove il ragazzo, i suoi tempi di reazione. Quello che cerco di insegnare da un punto di vista tecnico è il coordinamento del corpo, la posizione che si deve assumere per andare a fare una parata. Il piede, ad esempio, deve essere rivolto nella direzione in cui ci si muove, per aiutare lo slancio muscolare. Da questo punto di vista, l’eccezione che conferma la regola fu proprio il grande Garella due volte campione d’Italia: aveva un’impostazione tutta sua, non coordinandosi per lo slancio verso il pallone, divaricava le gambe parando di piedi ed era portato più a “volare” non avendo il passo pronto per la spinta.

Hai alle spalle davvero diversi anni come allenatore dei ragazzi…
Quando ho chiuso con il calcio giocato, ho iniziato ad allenare i ragazzi: la mia prima esperienza è stata a Parma nel 1990. Sono rimasto a Parma per 6 anni, facendo anche l’osservatore e istruttore per le scuole calcio Parma, per l’Italia e l’estero. Poi ho fatto l’allenatore dei portieri del settore giovanile del Verona, per un anno, due anni al Mantova come responsabile settore giovanile e per vari anni al Brescia, fino al 2012, allenando i portieri. Poi ho smesso perché l’allenamento era diventato troppo impegnativo per il mio fisico: a 66 anni allenare 12-13 ragazzini contemporaneamente diventa stancante. Mediamente in una seduta di allenamento il preparatore di un portiere deve calciare in porta o fare cross per 70 volte; moltiplica per 13 ragazzini e puoi capire che alla sera rientravo a casa con la schiena a pezzi.


« A Ravenna, di nuovo in gioco Il calcio di oggi »

LE VOCI DENTRO


Alcune settimane fa, Vitale uscì con un'affermazione che non ebbe molto risalto mediatico anche perché fornita da un giocatore arrivato da poco. Disse che se avessero esonerato il mister sarebbe stata una sconfitta per tutti loro. Quella frase, buttata lì tra l'indifferenza e lontana dall'eccitazione dei risultati che si andavano sviluppando, si è accantonata in una parte secondaria del mio stato d'animo ma ha avuto però il privilegio di non farmi partecipare troppo allo sconforto collettivo di Lecce. Ricollocando in maniera differente quel prezioso contributo (e raro, visto che sono sempre scarse le voci che vengono dallo spogliatoio) persino alcuni momenti drammatici di questa stagione vengono ripensati. Come l'inopportuna crisi isterica di D'Amico dopo la gara interna col Crotone, che rimane inopportuna nei modi e nei contenuti, ma che è anche figlia di una sana frustrazione interiore. Sana perché testimone di un disappunto reale, inopportuna perché uscita come quando ce la prendiamo con moglie, figli o capo ufficio per i problemi che invece abbiamo con noi stessi. Dietro lo sproloquio c'era però una rabbia per chi non riusciva a venire a capo della situazione come avrebbe voluto e si incazza per questo. Così come pure certi sconsolati messaggi di Zaccagni e compagni che, dopo Lecce e Padova, hanno ammesso con la stessa limpidezza che i tifosi hanno ragione ad arrabbiarsi e che comunque noi vogliamo venire in A. Sdoganare le parole serie A dopo una brutta sconfitta non è cosa da poco. Oppure, certi silenzi autunnali di Pazzini per la sua esclusione, allora per me inspiegabili, ma che forse celavano un tatto e una lungimiranza del nostro campione con l'intento di non alimentare polemica a polemica in una situazione già complicata di suo, imbrogliata da Grosso con le sue elucubrazioni e i suoi esperimenti scientifici, e dalla quale si sperava di uscire prima possibile. Pazzini è un campione vero, dentro e fuori dal campo. Per rendersi conto del suo spessore basta vedere come vengono gestite nel mondo del calcio situazioni analoghe all'Inter con Icardi o al Milan autunnale con Higuain. E, se permettete, Pazzini per il Verona vale esattamente quanto Icardi per l'Inter e Higuain per quel Milan. Se non di più.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6524 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-03-20 20:22:38'} - {ts '2019-03-21 03:22:38'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019