lunedì 16, h 20:45  

HELLAS VERONA

1
BENEVENTO0

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 22, h 12:30  
CHIEVOVERONA 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation


Introduzione | Giornate 1-2 | 3-4 | L'Alluvione di Firenze | 6-7 | 8-9 | Rec.5 | Rit.1-2-3 | 4-5-6 | 7-8 | 9 | Semifinale | Finale

Finale

LA FINALE COL PALERMO

A distanza di tre giorni dalla vittoriosa gara con la Sampdoria, il Verona torna di nuovo in campo per la finale del torneo Primavera. Avversario di turno il Palermo che, nell'altra semifinale, ha avuto ragione dell'Arezzo.

È un momento positivo per il calcio veronese, dopo che la domenica 28 maggio 1967 ha regalato due grandi soddisfazioni alla società gialloblu. Mentre i ragazzi di Conti si imponevano sui pari età della Sampdoria, il Verona di Liedholm e Pozzan espugnava il campo del Savona per 1-0, guadagnando una posizione di centro-classifica e allontanandosi dalle zone calde. Un risultato pressoché insperato dopo un campionato condotto quasi sempre con l'acqua alla gola.

La salvezza sembra cosa fatta. Mancano 3 giornate alla fine e i gialloblu, reduci da 5 vittorie e 1 pareggio in 8 gare, salgono addirittura all'ottavo posto, a quota 34, in una classifica cortissima. Il quartultimo posto è a quota 31, occupato da Pisa e Savona.

"Il Verona è a un passo dalla salvezza" titola il quotidiano L'Arena, che non lesina complimenti al bel gioco offerto dalla formazione di Pozzan e Liedholm, applaudita anche dallo sportivo pubblico di Savona.

Addirittura più categorico Il Gazzettino che titola "Il Verona ha concluso la marcia della salvezza".

Il Verona ha concluso la marcia della salvezza

Destino opposto per il Palermo che, ad un certo punto della stagione, si era ritrovato al quinto posto in classifica e sembrava destinato ad un campionato di vertice. Invece, con una striscia negativa di ben 5 sconfitte consecutive fra la 30ma e la 34ma giornata, il Palermo è scivolato addirittura un punto dietro al Verona. Nel turno di campionato del 28 maggio l'emorragia di sconfitte consecutive dei siciliani viene interrotta da una corroborante vittoria per 3-1 contro il Genoa. A 3 giornate dalla fine del campionato di serie B il Verona è pressoché salvo, occupando l'ottava piazza a 34 punti. Il Palermo, a 33 punti, è comunque 2 punti sopra la quota salvezza, in abbondante compagnia di altre 3 squadre.

Una stagione avara di soddisfazioni, quella delle prime squadre di Verona e Palermo. Le rispettive squadre Primavera hanno pertanto la possibilità di regalare un sorriso alla propria dirigenza con la conquista del titolo nazionale.

Nella formazione rosanero l'elemento di spicco è Ignazio Arcoleo, centrocampista nato il 15 febbraio 1948 a Palermo, e che in stagione ha già esordito in serie B, disputando 4 gare. A centrocampo si fronteggerà con Luigi Marcolongo, che ha avuto l'identica soddisfazione di poter esordire in serie B con la maglia gialloblu.

Rispetto alla formazione che in semifinale ha battuto la Sampdoria, mister Conti presenta Fratton al posto di Stoppa, a completare il centrocampo con Fusaro e con Marcolongo. Negri viene confermato in difesa. Dall'altra parte, anche il Palermo opera un solo cambio nella formazione, dove Vegna prende il posto di Giuffrè.

Arbitra il Sig. Antonio Trono di Torino, destinato a fare una discreta carriera nelle serie professionistiche: negli anni successivi arbitrerà difatti oltre 100 gare fra serie A e B, dirigendo pure per 8 volte il Verona.

Di fronte ad un pubblico che la cronaca de L'Arena definisce "numeroso", il Verona approccia ottimamente la partita e dopo appena 5' trova il gol del vantaggio con il centravanti Gaetano Pasetto. Al termine di una manovra corale, la palla giunge a Marcolongo che scarica una violenta conclusione: il portiere Bertolotti riesce a sventare a mani aperte, ma il più lesto ad avventarsi sulla palla è Pasetto che tiene fede alla sua fama di uomo d'area e insacca la rete del vantaggio.

Un calcio di punizione per il Palermo
Un calcio di punizione per il Palermo. In barriera Gobbi, Migliorini, Pastorello e Righetti. Sulla sinistra, Negri, e sulla destra Fusaro (foto per gentile concessione di Fusaro).

La partita è ancora lunga, e la posta in palio prestigiosa: i gialloblu sanno che non possono limitarsi ad una gara di contenimento, e che devono continuare a fare il loro gioco d'attacco. Sfruttando le dimensioni e le buone condizioni del terreno di gioco, le ali Pangrazio e Pastorello svolgono il loro solito gioco arioso, mettendo in seria difficoltà la retroguardia siciliana. Proprio Pangrazio e Pastorello hanno l'opportunità di raddoppiare, ma è il Palermo a trovare invece la rete del pareggio al 33', quando un centro di Arbitrio coglie impreparata la difesa e Alario batte l'incolpevole Bertucco da pochi passi. Le due squadre vanno al riposo sul punteggio di 1-1.

Un'azione d'angolo del Palermo
Un'azione d'angolo del Palermo. Sotto lo sguardo dell'arbitro Trono, mischia in area gialloblu. Si riconoscono Fusaro col n. 6 sul palo e il portiere Bertucco sulla sinistra, e Gobbi con la maglia n. 5 sulla destra (foto per gentile concessione di Fusaro).

Nella ripresa il Verona fa sua la gara con la rete decisiva al 17' del numero 7 Franco Pangrazio, che conclude alle spalle di Bertolotti un'azione iniziata da Gobbi che recupera palla e innesca una rapida azione di rimessa corale. Mancano ancora più di 20 minuti alla fine, ma la difesa veronese si dimostra insuperabile, e anzi sono proprio i ragazzi di Conti ad andare più vicini alla terza marcatura. Finisce 2-1, quanto basta per festeggiare il meritato titolo nazionale per squadre di serie B. Al triplice fischio finale di Trono, i gialloblu liberano la loro gioia insieme con il tecnico Conti e gli accompagnatori della "spedizione". Vale la pena leggere la prosa vagamente celebrativa ma incisiva de L'Arena: "È stata una partita giocata allo spasimo, nella quale i ragazzi di Conti, consci dell'importanza della posta in palio, hanno profuso ogni loro risorsa tecnica ed agonistica, per poter fregiarsi dell'ambito titolo, che lo scorso anno era stato appannaggio della squadra allievi".

Foto di gruppo per i vincitori sul campo di Salsomaggiore
Foto di gruppo per i vincitori sul campo di Salsomaggiore (foto per gentile concessione di Fusaro).

31 maggio 1967, Finale

VERONA – PALERMO 2-1

VERONA: Bertucco, Righetti, Migliorini, Negri, Gobbi, Fusaro, Pangrazio, Fratton, Pasetto, Marcolongo, Pastorello.

PALERMO: Bertolotti, Schiavo, Lonero, Vegna, Varisco, Di Matteo, Alario, Casisa, Arbitrio, Arcoleo, Grazioli.

RETI: Pasetto al 5', Alario al 33' del pt; Pangrazio al 17' del st.

La medaglia della Federazione
La medaglia omaggiata dalla Federazione ai gialloblu campioni (grazie a Dino Gobbi)

I CAMPIONI SFILANO AL BENTEGODI

C'è da giurarci, sul pulmann che riporta la squadra gialloblu da Salsomaggiore a Verona tiene banco il "Tano" Pasetto con il suo repertorio di canzoni di Gianni Morandi. Il Verona è campione d'Italia Primavera per squadre di serie B. Un titolo che fa onore a questo gruppo di ragazzi, ma che lascia addirittura un po' di amaro in bocca per un giustamente orgoglioso Giacomo Conti, convinto che i suoi ragazzi avrebbero potuto giocarsela anche contro le squadre di serie A.

Intervistato da Tuttosport qualche giorno dopo la vittoria, mister Conti non nasconde il proprio desiderio di vedere unificate le finali di campionato Primavera: "Lo scudetto ci onora, ma non esprime compiutamente il valore dei ragazzi. Passeremo alla storia come i più bravi della B, pur avendo superato nel nostro girone complessi di serie A come Milan, Inter (sic), Atalanta, Mantova e Lanerossi Vicenza. Il regolamento quindi non mi convince". In realtà l'Inter nel girone non c'era, e che l'errore l'abbia fatto il giornale o Conti poco importa: il concetto è chiarissimo, il Verona Primavera non si sente inferiore a nessuno.

L'Arena del primo giugno 1967
Il titolo dell'articolo pubblicato su L'Arena del primo giugno 1967.

Il successo non passa inosservato fra gli addetti ai lavori, e anche la società del Verona decide di dare un giusto tributo ai ragazzi di Conti. Se in occasione della vittoria nel campionato nazionale Allievi era stato concesso ai ragazzi gialloblu un giro d'onore in occasione dell'amichevole in notturna con la Fiorentina, disputata a settembre, in questa occasione le celebrazioni si svolgono la domenica immediatamente successiva al trionfo, nell'intervallo della partita Verona – Messina di serie B.

La gara del Bentegodi può sancire con 2 turni d'anticipo la salvezza del Verona che, dopo la vittoria di Savona, può giocarsi un match point fra le mura casalinghe, affrontando i siciliani, appaiati in classifica a quota 34 punti. Al termine del primo tempo, quando i Primavera entrano sul terreno di gioco per il giro d'onore, le due squadre sono sul punteggio di 0-0.

I gialloblu scudettati schierati al Bentegodi
I gialloblu scudettati schierati al Bentegodi (foto per gentile concessione di Fusaro).

Capitan Righetti riceve da Bonazzi la coppa e i ragazzi gialloblu sfilano per un giro di campo sul terreno del Bentegodi passandosi di mano il trofeo, e ricevendo i meritati applausi per l'impresa compiuta al termine di una stagione straordinaria. Venti partite giocate, tredici successi, cinque pareggi e due sole sconfitte, 25 reti fatte e 8 subite. Questi, in sintesi, i numeri del successo. Ma i numeri, come sempre, non possono dire tutto. Pozzan prima e Conti poi hanno saputo plasmare una squadra vincente sul campo ma prima di tutto unita e capace di affrontare con carattere ogni momento difficile.

Un gruppo vincente e soprattutto giovane, dato che l'ossatura della squadra è composta per gran parte dai ragazzi nati nel 1949, che l'anno prossimo saranno ancora in età per giocare nella formazione Primavera. Quello dei gialloblu è stato un crescendo continuo, dopo qualche incertezza iniziale che è peraltro giustificata dal "salto di qualità" del passaggio dal campionato Allievi al campionato Primavera.

Il capitano Gualtiero Righetti riceve la Coppa dalle mani di Bonazzi
Il capitano Gualtiero Righetti riceve la Coppa dalle mani di Bonazzi. Dietro di lui, da sinistra, si riconoscono Negri, Stoppa, Migliorini, Bertucco, Fusaro, Fratton, Pastorello e Pangrazio (foto per gentile concessione di Fusaro).

Per Carlo Bonazzi è praticamente uno degli ultimi atti ufficiali da Commissario del Verona. Nonostante una cordialità di facciata, le differenze di vedute con Saverio Garonzi sono apparse evidenti sin dal principio. A luglio Bonazzi dà le dimissioni e lascia il Verona.

L'Arena commenta così la notizia: "Le dimissioni di Bonazzi non hanno colto di sorpresa gli sportivi. Già da qualche tempo era corsa voce che il Commissario avrebbe lasciato quanto prima la società. I recenti avvenimenti, l'ingaggio del centravanti Bui e della mezz'ala Mascetti, condotto direttamente da Garonzi senza nemmeno consultare il suo collega, avrebbero fatto traboccare il vaso. Da qui la definitiva rottura".

L'era di Garonzi è ufficialmente cominciata.


« Semifinale LA STORIA DEL CAMPIONATO 1967/68 »

Hellastory, 31/05/2017

IL VERONA? TROPPE SCOMMESSE INSIEME


Manca Bessa e il Verona sparisce. In pratica, è sceso in campo il suo ologramma. Possibile che un giocatore, da solo, valga il 50% della squadra? C'è stata una sola ipotesi di organizzazione di gioco? Di profondità? Visto il vuoto sconcertante messo in atto contro Roma e Lazio non rimane che aggrapparci alla prestazione contro la Sampdoria, unica vera prova decente dall'inizio del campionato. E' chiaro quindi che la questione scivola inevitabilmente su un significato di natura esistenziale: può salvarsi il Verona visto con la Sampdoria? Se sì, sarà in grado di ripetere altre prove analoghe o si è trattato di un episodio del tutto eccezionale? Ad esempio, una Lazio senza difesa non implicava la necessità di impegnarla di più, e sin dall'inizio, in fase di contenimento? Niente da fare. Senza Bessa meglio proteggersi il più possibile evitando di concedere spazio a Immobile, Marusic, Lukaku, Lulic ed Alberto. Missione completamente fallita: siamo stati inesistenti davanti e gracili dietro. In pratica, paralizzati dalle paure del tecnico e dalla sconcertante povertà tecnica della rosa.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6006 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
[www.hellastory.net] - {ts '2017-10-19 09:18:49'} - {ts '2017-10-19 16:18:49'}


19111912191319141915191919201921192219231924192519261927192819291930193119321933193419351936193719381939194019411942194319441945194619471948194919501951195219531954195519561957195819591960196119621963196419651966196719681969197019711972197319741975197619771978197919801981198219831984198519861987198819891990199119921993199419951996199719981999200020012002200320042005200620072008200920102011201220132014201520162017