lunedì 8, h 21:00  
PALERMO1

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 22, h 15:00  

HELLAS VERONA

 
BENEVENTO 
Hellas Verona english presentation

Pagina   2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 PIU' RECENTI    

HELLAS VERONA / Canone Inverso

FINALMENTE ... POCHE CERTEZZE


FINALMENTE ... POCHE CERTEZZE

L'anno scorso, di questi tempi, godevo della serenità dell'ignorante. Toni aveva appena vinto la classifica dei cannonieri e venduto l'anima al diavolo per conservare all'infinito una freschezza fisica che raramente si accompagna all'esperienza; era appena arrivato un certo Pazzini, suo erede naturale; con lui, il capitano della Svezia campione d'Europa Under 21 (Helander); due nazionali Under 21 (Bianchetti e Viviani); il redivivo Romulo in fase di (completo) recupero (i tempi, come al solito, un optional). Mandorlini, pur nella sua primitiva concezione calcistica (1 modulo e 1 schema), aveva dato dimostrazione di tenere insieme il gruppo e di non sentirsi a disagio con la categoria. Infine, c'erano tre pilastri internazionali (Rafa Mar ... [continua]

Hellastory, 11/07/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

E ADESSO PRESIDENTE?


E ADESSO PRESIDENTE?

Visto che passerà qualche settimana tra l'ultimo canone della stagione (questo) e lo spazio riservato all'interno del Dossier di fine campionato, pongo ora qualche interrogativo che spero possa trovare nel frattempo risposta. Il Verona di Setti ci ha lasciato due precise sensazioni. La prima è di frustrazione per non aver mai lottato veramente per non retrocedere. Ho persino invidiato i tifosi di Frosinone, Carpi e Palermo che, tra mille ansie e preoccupazioni, qualche speranza di salvezza l'hanno avuta e che hanno comunque visto la propria squadra lottare fino a che ha potuto. Noi no. Noi non ci siamo mai scrollati di dosso l'ultimo posto in classifica da ottobre in avanti impotenti di fronte al mondo intero. Soprattutto, di fron ... [continua]

Hellastory, 16/05/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

IL PIU' GRANDE


IL PIU' GRANDE

Quando arrivò a Verona ci siamo chiesti tutti se il suo passaggio sarebbe stato incolore come quello di altri grandi a fine carriera (Rossi, Boninsegna, Domenghini, ma anche i vari Saviola, Rafa Marquez, Pazzini...) giunti con addosso il peso dell’età, degli acciacchi fisici, della mancanza di stimoli. Spremuti da una carriera troppo ricca di emozioni per aver ancora qualcosa da dare. Non ancora eccessivamente vecchi per lasciare il calcio, forse alla ricerca di un ultimo tramonto rosso intenso che però sfociava inevitabilmente in un grigio malinconico partita dopo partita. Dalle sfide internazionali, agli scudetti, alla lotta per non retrocedere o per fare un buon campionato di B. Per una neopromossa un giocatore del genere avrebbe potu ... [continua]

Hellastory, 09/05/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

AGGRAPPATI AL... PARACADUTE


AGGRAPPATI AL... PARACADUTE

E' stato detto e scritto di tutto sulle cause del crollo del Verona e continuerà ancora per molto tempo perché una debacle del genere non solo era impossibile da ipotizzare, ma nemmeno si riesce a giustificare. Anche chi vedeva un lento e inesorabile impoverimento della rosa è rimasto sorpreso dalla velocità della crisi. Il peso delle responsabilità coinvolge un po' tutti, dai vertici assenti ai giocatori senza personalità, e pertanto ognuno di noi ha finito con il porre l'accento su ciò che a suo avviso è mancato di più. Una guerra tra poveri. Un fatto però è certo: l'Hellas quest'anno non ha mai lottato per non retrocedere, di fatto non è mai riuscito a schiodarsi dall'ultimo posto in classifica. Ogni volta che sembrava s ... [continua]

Hellastory, 20/04/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

RESA INCONDIZIONATA


RESA INCONDIZIONATA

Cominciamo dalla fine. Anche perché siamo arrivati alla fine. Bigon, nel dopo gara, raccolto nella sua mestizia (era lui che ad ottobre parlava solo di sfortuna?) ammette che “la serie B è un dramma economico per il club, il paracadute permetterà solo di fare un buon campionato cadetto”. Bella prospettiva. In un colpo solo ci svela il futuro prossimo che ci attenderà e smonta la teoria complottistica di un Verona che ha scelto scientemente di retrocedere. Magari per mettere a posto i conti, fare lo stadio nuovo e liberarsi di contratti e giocatori fardello (Romulo e Pazzini su tutti). Questo è un colpo basso per noi che, non riuscendo a spiegare razionalmente tutto il casino che Setti ha combinato, ci eravamo illusi che ci fosse s ... [continua]

Hellastory, 07/03/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

L'HELLAS DI DELNERI


L'HELLAS DI DELNERI

È venuto giù il Bentegodi. Quello giusto però. Derby stravinto, dominato nel primo tempo e mai in discussione nella ripresa. Anche nei minuti nei quali gli ospiti (estranei in tutti i sensi) hanno accorciato le distanze. Quanti pericoli ha corso Gollini? L'Hellas di Delneri – è bene sottolinearlo, merito esclusivamente suo tutto ciò che sta accadendo – ha concesso solo uno sterile possesso palla. Tutti gli spazi erano chiusi, non è facile giocare contro di noi in questo momento. Velocità, determinazione, cattiveria agonistica ce le siamo prese noi. La differenza in campo - perché sugli spalti, in città e provincia non esiste un termine di paragone - l'ha fatta la nostra voglia di vincere. La corrente più forte a cui continuare ad aggrapp ... [continua]

Hellastory, 22/02/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

LASCIAMOLI ANDARE!


LASCIAMOLI ANDARE!

«Maestro, riusciremo ad uscire? Non senza difficoltà Adso!» (Il nome della rosa). Torniamo al presente. E restiamoci il più possibile, sperando che non finisca mai. Cosa c'è di più bello?

Più mi lamento di quello che poteva essere (società distante, gestione tecnica precedente, errori vari, infortuni a ripetizione) e più vengo smentito dalla tenacia di Delneri e dei gialloblu. Come dice Guglielmo da Baskerville: la sola prova dell'esistenza del diavolo, è il nostro desiderio di vederlo all'opera. Fintanto che il Verona continua a giocare in questo modo, senza timore reverenziale né complessi di inferiorità dettati dalla classifica, fintanto che in campo vedo questa rabbia e determinazione, non ho alcun ... [continua]

Hellastory, 08/02/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

GENNAIO TRA IL BUIO DI IERI E LE INCERTEZZE DI DOMANI


GENNAIO TRA  IL BUIO DI IERI E LE INCERTEZZE DI DOMANI

Gennaio è sempre stato un mese di svolta, quello del cambiamento, perché da qui tutto comincia. E' dedicato al dio romano Giano Bifronte, custode delle porte e dei ponti, che guarda al passato da una parte e al futuro dall'altra. Gennaio è dunque un mese carico di aspettative e promesse. Ma parte esattamente da dove ha lasciato Dicembre. Non è mai un salto. Dopo il recupero degli infortunati durante la pausa natalizia, per il Verona c'è stato il mercato invernale, gli scontri diretti casalinghi con Palermo e Genoa e le trasferte impossibili con Juventus e Roma. Cosa porta e cosa lascia?

Il volto che guarda alle spalle vede una situazione compromessa. L'arrivo di Delneri non ha portato i risultati attesi, probabilm ... [continua]

Hellastory, 02/02/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

FINALMENTE... SETTI


FINALMENTE... SETTI

La storia, con la sua analisi non emotiva, un giorno ci dirà se Setti verrà ricordato dai tifosi per essere riuscito a portare il Verona in serie A e averci fatto conoscere Luca Toni, il più grande attaccante gialloblu di sempre, oppure per aver allestito – e mal difeso - la peggiore squadra di sempre. Capace di battere tutti i record negativi ed entrare in competizione con le più scarse meteore del calcio. Personalmente ritengo che questa macchia sia destinata ad allargarsi in relazione al tempo necessario per riprendere la corsa e riportare l'Hellas in serie A. Una statistica recente ha stabilito che, per il 70% delle volte, una tra le formazioni appena retrocessa festeggia il pronto ritorno in A. Al Verona l'impresa è riuscita solo du ... [continua]

Hellastory, 14/01/2016

HELLAS VERONA / Canone Inverso

UNA STAGIONE PREDESTINATA


UNA STAGIONE PREDESTINATA

Cosa poteva fare di più oggi l'Hellas? Niente. Le ha provate tutte, pressando 80 minuti su 95 nella trequarti offensiva, tirando da tutte le parti (anche alle stelle), sbattendo contro le gambe dei difensori avversari, contro la grande prestazione di Sorrentino (la ribattuta di suola su Pazzini è però emblematica e va oltre la sua bravura) e la pessima giornata dell'arbitro che non ha visto niente di anomalo nelle trattenute in area di Pazzini, Toni e Ionita. Nemmeno il beneficio del dubbio. Persino il rimpallo dei più improbabili è sbattuto sul palo, non avrebbe mai segnato da lì Souprayen, sia ben chiaro, ma è di per sé significativo. Anche perchè alla fine, inevitabilmente, noi il nostro golletto insulso e decisivo lo prendiamo sempre ... [continua]

Hellastory, 11/01/2016

Pagina   2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 PIU' RECENTI    

LE IMPERFEZIONI


E' ufficiale: ci giochiamo tutto nei playoff. A cinque giornate dal termine del campionato non abbiamo più nulla da scoprire. E nemmeno più nulla da dire. Del resto, non vinciamo da un mese esatto. Questo perché il Verona è una squadra imperfetta. Accreditato di un rosa di vertice non ha mai espresso realmente il suo potenziale, propone un gioco insulso, fastidioso, subisce continue amnesie difensive e incassa reti assurde pur avendo il migliore portiere del campionato. Non tira mai in porta. In ogni partita hai sempre l'impressione che gli assenti abbiano ragione: ieri si sentiva la mancanza di Matos e Crescenzi, oggi quella di Zaccagni, domani quella di Pazzini e così via. Ma anche questo non è poi sempre vero: a Perugia, senza 6 titolari (titolare? concetto oscuro e non appartenente a Grosso) ha sfoderato la più bella prestazione dell'anno. Manca di continuità questa squadra, è immatura, confusa dentro perché ha l'ossessione di recitare un unico copione. Non necessariamente quello che porta poi al risultato. Quante occasioni abbiamo sprecato? Un'infinità. Il problema di fondo è che Grosso è un allenatore imperfetto. Complicato, contorto, incapace di trovare una strada da seguire. Avrà pure vinto il Mondiale e tanti scudetti da calciatore, ma da allenatore è rimasto prigioniero della logica dei pupazzetti della Playstation. Per noi, che abbiamo visto campioni veri in panchina come Bagnoli, Prandelli e Mandorlini che vincevano campionati con 15 o 16 giocatori al massimo (e come loro anche Cadè e Valcareggi) il socialismo tattico di Grosso appare non solo incomprensibile, ma anche una mortificazione nei riguardi del talento vero. Avesse a disposizione 50 giocatori, tutti troverebbero posto. Magari scoprendosi impiegati in due o tre ruoli diversi. Non importa. Il caos viene esaltato ad espressione di qualità e valore. Pazzesco. E i risultati sono davanti agli occhi.

[continua]
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 6553 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
App Scommesse Verona
[www.hellastory.net] - {ts '2019-04-18 20:28:16'} - {ts '2019-04-19 03:28:16'}


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019