GOL CENTENARI - N. 1400 SUBITO - Hellas Verona: Le Ultimissime su HELLASTORY.net
  lunedì 3, h 20:45  

HELLAS VERONA

0
UDINESE0

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 9, h 15:00  
SALERNITANA 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Le Ultimissime

GOL CENTENARI - N. 1400 SUBITO

La presenza assidua del Verona nella massima serie, con una striscia di quattro campionati consecutivi che non accadeva più dagli anni Ottanta, comporta anche l'onere di aggiornare piuttosto di frequente l'albo delle reti centenarie al passivo. La rete segnata da Luis Alberto nel corso di Lazio-Verona 2-0 è stata la n. 1400 subita dal Verona nei campionati di serie A, e la registriamo a poco più di 19 mesi dalla rete n. 1300 che fu segnata da Hirving Lozano in Verona–Napoli 3-1 del 24 gennaio 2021.

GOL CENTENARI - N. 1400 SUBITO

La rapida sequenza delle reti centenarie al passivo è dovuta in buona parte alle 59 reti incassate dal Verona nello scorso campionato 2021-22, che però ha registrato un significativo dato: per la prima volta dopo molti anni, per l'esattezza dal 1986-87, il Verona ha concluso il campionato con una differenza reti attiva (+6).

Ad aprire le marcature nella partita dell'11 settembre 2022 con la Lazio è stato, manco a dirlo, Ciro Immobile, alla sua decima realizzazione contro il Verona. Immobile raggiunge Giuseppe Savoldi al secondo posto della graduatoria fra i bomber avversari, ad un solo gol da Gabriel Omar Batistuta, che ha infilato la porta gialloblu per ben 11 volte in carriera.

In quanto ai marcatori «centenari», ecco l'elenco aggiornato:


Rete subita Incontro Marcatore Portiere
Nº 1 08/09/1957
Juventus-Verona 3-2
BONIPERTI Giampiero Ghizzardi
Nº 100 13/04/1969
Verona-Sampdoria 0-3
VIERI Roberto De Min
Nº 200 06/02/1972
Juventus-Verona 4-0
CAPELLO Fabio Colombo
Nº 300 04/01/1976
Verona-Cagliari 2-1
RIVA Luigi Ginulfi
Nº 400 29 Otobre 1978
Verona-Ascoli 2-3
TREVISANELLO (II) Carlo Superchi
Nº 500 13/01/1985
Avellino-Verona 2-1
VOLPATI Domenico (AUT) Garella
Nº 600 20/03/1988
Verona-Torino 0-2
GRITTI Tullio Giuliani
Nº 700 12/01/1992
Verona-Milan 0-1
ICARDI Andrea (AUT) Gregori
Nº 800 01/06/1997
Verona-Parma 1-2
CRESPO Hernan Jorge Landucci
Nº 900 27/05/2001
Verona-Bologna 5-4
SIGNORI Giuseppe Ferron
Nº 1000 09/03/2014
Parma-Verona 2-0
BIABIANY Jonathan Ludovic Rafael
Nº 1100 03/10/2015
Chievo-Verona 1-1
CASTRO Lucas Rafael
Nº 1200 11/02/2018
Sampdoria-Verona 2-0
BARRETO Edgar Nicolas
Nº 1300 24/01/2021
Verona-Napoli 3-1
LOZANO Hirving Silvestri
Nº 1400 11/09/2022
Lazio-Verona 2-0
LUIS ALBERTO Montipò

CURIOSITA'

Vediamo quali sono le più significative curiosità rispetto all'ultimo aggiornamento fatto in occasione della rete subita n. 1300. Le autoreti sono salite a 57 (erano 54): si sono aggiunti al poco ambìto registro Silvestri, Ilic e Gunter. L'autorete di Marco Silvestri che, in Udinese-Verona 2-0 del 7 febbraio 2021 ha deviato in rete un cross di Deulofeu, è appena la seconda autorete di un portiere gialloblu: la precedente risale addirittura ad oltre 50 anni fa, per la precisione al 30 gennaio 1972, e lo sfortunato autore fu Angelo Colombo.

Si giocava allora Verona – Cagliari e un tiro di Gigi Riva, deviato sul palo da Colombo, rimbalzò sulla schiena del portiere gialloblu e finì in rete. Così raccontò il Corriere dello Sport: «Negli spogliatoi Riva difenderà a denti stretti la paternità del gol dalle argomentazioni dei colleghi presenti, rifiutando la tesi dell'autogol. Ma in serata la moviola ha dimostrato che senza il fortuito rimbalzo sulla schiena del portiere la palla non sarebbe entrata in rete.» Ad ogni buon conto, Gigi Riva fece un altro gol del tutto «genuino» e la partita finì con la vittoria del Cagliari per 2-0.

I 100 gol subiti fra il n. 1300 e il n. 1400 assomigliano vagamente ad un giro del mondo a tappe. Siamo abituati al fatto che le formazioni delle squadre del campionato italiano siano imbottite di giocatori stranieri, ma nell'ultimo periodo hanno preso confidenza con la porta del Verona anche giocatori di nazionalità inaspettate.

GOL CENTENARI - N. 1400 SUBITO

Jovane Cabral, nato il 14 giugno 1998 ad Assomada nell'isola di Santiago, è stato il primo capoverdiano a giocare nel campionato italiano, arrivando in prestito dallo Sporting Lisbona alla Lazio nella stagione 2021-22. Nella capitale non ha trovato molto spazio, come era ovvio, chiuso da Ciro Immobile. Appena 3 le sue presenze, con una rete, la prima storica rete capoverdiana in serie A, realizzata proprio contro il Verona all'ultima giornata di campionato, nel 3-3 dell'Olimpico.

Grigoris Kastanos, nato a Nicosia il 30 gennaio 1998, è stato invece il primo giocatore cipriota ad esordire in serie A (con la maglia del Pescara) e ad andare in gol in serie A, con la maglia della Salernitana, in occasione della vittoria campana a Verona per 2-1 del 9 gennaio 2022. Probabilmente lui, a differenza di Cabral, avrà occasione di ripetere quest'impresa, dato che è ancora in forza alla Salernitana e gioca ancora in serie A. Speriamo solo che scelga una vittima diversa.

In questo periodo abbiamo subito gol anche da un calciatore statunitense (Mckennie della Juventus), uzbeko (Shomurodov del Genoa), georgiano (Kvaratskheila del Napoli). Mancava all'appello anche un calciatore sloveno, e con la maglia del Venezia ci ha segnato Domen Crnigoj.

Il 21 agosto 2022, portando in vantaggio i rossoblu in occasione dell'incontro Bologna - Verona 1-1, Marko Arnautovic è stato il primo austriaco a farci gol dopo un'attesa (si fa per dire, potevamo pure farne a meno) di quasi 35 anni dall'ultimo gol rifilatoci da Walter Schachner il 20 settembre 1987 con la maglia dell'Avellino.

GOL CENTENARI - N. 1400 SUBITO

Amir Rrahmani è l'ultimo di una lunga lista di ex-gialloblu che ci hanno fatto gol in serie A, in Napoli - Verona 1-1 del 23 maggio 2021. Curiosamente, anche il primo gol dell'ex in serie A ci fu segnato sempre da un giocatore del Napoli: si tratta di Cesare Franchini che andò a segno in Napoli – Verona 6-0 del 6 ottobre 1957. Nonostante un gol kosovaro non sia esattamente frequente, Rrahmani non è tuttavia il primo calciatore del suo Paese a segnare al Verona; appena due settimane prima, il 9 maggio 2021, era stato Mërgim Vojvoda del Torino a conquistarsi questo primato. Vojvoda è nato a Hof, in Germania, ma è nazionale kosovaro.

A proposito di gol connazionali ravvicinati, non si può non citare il fatto che abbiamo subito gol, in due partite casalinghe consecutive, da due nigeriani entrambi nati a Lagos. Si tratta di David Okereke, a segno in Verona – Venezia 3-1 del 27 febbraio 2022, e di Victor Osimhen, autore di una doppietta in Verona – Napoli 1-2 del 13 marzo 2022.

Negli ultimi mesi il Verona sembra specializzato nella valorizzazione dei giovani... altrui. Piuttosto significativo, infatti, l'elenco dei calciatori nati dopo il 2000, che hanno infilato la rete della porta veronese. Clamoroso a tal proposito il pareggio ottenuto a Roma il 19 febbraio 2022 quando, in vantaggio di 2 reti, ci siamo fatti rimontare dai gol del diciottenne Cristiano Volpato e del diciannovenne Edoardo Bove.

All'elenco si sono poi aggiunti Giorgio Scalvini, nato l'11 dicembre 2003, autore della rete atalantina nel successo esterno per 2-1 a Bergamo del 18 aprile 2022 e Tommaso Baldanzi, nato il 23 marzo 2003, che ha segnato in Empoli - Verona 1-1 dello scorso 31 agosto. Il giocatore più giovane ad aver segnato un gol al Verona in serie A rimane sempre Andrea Papetti, che aprì le marcature in Brescia – Verona 2-0 del 5 luglio 2020, quando aveva compiuto 18 anni da appena 2 giorni.

Sul secondo gradino del podio resiste sempre Alviero Chiorri mentre Marino Perani lascia il terzo posto proprio a Cristian Volpato. Perani rimane nell'elenco dei primi 5, scavalcato pure da Scalvini, mentre escono da questa top five Nicola Berti e Maurizio Iorio.

Qui sotto la classifica aggiornata dei 5 marcatori più giovani che hanno segnato al Verona in serie A:


Calciatore (squadra) Nato il Gol in data Partita Età in giorni
1 Andrea Papetti
(BRESCIA)
03/07/2002 05/07/2020 Brescia-Verona 2-0 6577
2 Alviero CHIORRI
(SAMPDORIA)
02/03/1959 03/04/1977 Verona-Sampdoria 2-2 6607
3 Cristiano VOLPATO
(ROMA)
15/11/2003 19/02/2022 Roma-Verona 2-2 6671
4 Giorgio SCALVINI
(ATALANTA)
11/12/2003 18/04/2022 Atalanta-Verona 1-2 6703
5 Marino Perani
(ATALANTA)
27/10/1939 06/04/1958 Atalanta-Verona 2-1 6736

La palma del calciatore più anziano ad andare in gol contro il Verona spetta sempre a Zlatan Ibrahimovic: ha segnato il gol del 2-2 in Milan – Verona dell'8 novembre 2020 all'età di 39 anni, 1 mese e 5 giorni. Il goffo autogol con cui Koray Gunter ha sigillato la rimonta per 3-2 del Milan in data 16 ottobre 2021 ha probabilmente precluso allo svedese la possibilità di limare ulteriormente il suo record. In agguato alle spalle del nostro difensore, Ibrahimovic pregustava il tocco vincente, ma Gunter ha pensato bene di togliergli ogni imbarazzo ciabattando alle spalle di Montipò.

Appuntamento fra altri 100 gol, il più tardi possibile.

Paolo

La foto di Cabral dopo il gol al Verona è di Marco Rossi per gettyimages



Hellastory, 13/09/2022

CIOFFI ALLA RICERCA DEL VERONA PERDUTO


Ho l'impressione che, dopo la confusione generata dal mercato, si continui crearne di nuova anche nelle soluzioni tattiche partita dopo partita. Laddove Tudor aveva trovato la fortuna del Verona dando continuità al lavoro di Juric migliorandolo gradatamente con il suo stile personale, Cioffi invece, ha stravolto priorità e leadership cancellando di fatto ogni tipo di continuità. Quando in conferenza stampa parla dei singoli, traspare evidente il suo concetto di base secondo cui «tutti sono in discussione, nessuno è sicuro di giocare». Questo probabilmente dipende dal fatto che lui ritiene efficaci alcune teorie aziendali (peraltro, recentemente messe in discussione dalle prove dei fatti) che mettono in competizione tutti i collaboratori ponendoli gli uni contro gli altri al fine di migliorare la produttività. Giovani contro vecchi, arroganza contro esperienza. Ma così facendo, il mister ha di fatto eliminato tutti i riferimenti degli ultimi anni. Ogni partita scende in campo una formazione diversa e i 5 cambi a disposizione, anziché consolidare, sperano di ribaltare quello che non sono riusciti ad esprimere in campo i titolari. O sbaglia la formazione iniziale, o non trasmette la giusta concentrazione, fatto sta che il Verona sbaglia quasi sempre l'approccio (salvo forse solo il primo tempo con la Lazio). Quello che emerge è infatti un Hellas continuo cantiere aperto dove la paura di sbagliare (e quindi di perdere l'opportunità a disposizione) condiziona ogni singolo giocatore che non riesce poi ad esprimersi al meglio per due partite di seguito. E' una squadra che non costruisce gioco, che fatica a difendersi, che non ha un'identità. Gunter, Ilic, Tameze, lo stesso Lazovic costretto a cambiare più ruoli, non sono più gli stessi. D'altra parte, in questa confusione generale, purtroppo continuano a trovare spazio i modesti Lasagna, Depaoli, Dawidowicz e Djuric di cui non comprendo il valore.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7816 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-10-03 15:21:45'} - {ts '2022-10-03 22:21:45'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022