PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 15, h 18:30  

HELLAS VERONA

 
NAPOLI 
Hellas Verona english presentation
Speciale 50 Anni di Bentegodi su Hellastory.net

50 Anni di Bentegodi

Che la data d'inaugurazione del Bentegodi fosse il 15 dicembre 1963 è più o meno noto a tutti i tifosi del Verona. In pochi però avranno fatto caso che la scadenza coincide quest'anno con il 50esimo anniversario.

E' un vero peccato che gli organi di stampa non si curino affatto di questa ricorrenza o lo facciano in maniera marginale perché il Bentegodi è uno dei luoghi di Verona più amati dai veronesi, una seconda casa dove la gente ci lascia la passione, la gioia, la paura, la tensione, la voce. Lo "viviamo" fisicamente solo due o tre ore ogni 10-15 giorni per poi lasciarlo desolatamente vuoto per giorni ma a livello "mentale" continua a risuonarci nella testa, tra ricordi di partite passate e speranze per quelle che devono ancora venire.

"Scrivo qualcosa o no?", pensavo quest'estate, contando anche sul fatto che non essendo a libro paga di nessuno posso decidere in autonomia di curarmi di una vicenda piuttosto di un'altra. Scrivere "qualcosa" però pareva abbastanza riduttivo: sono 50 anni dall'inaugurazione ma c'è un prima e c'è anche un dopo. Pensavo che avrebbe potuto essere un buon argomento e che avrebbe potuto interessare ad altri come interessa a me.

Questo "speciale" nasce principalmente dalla curiosità personale di saperne di più su quello che non è solo un impianto sportivo ma che è diventato a tutti gli effetti un monumento della città. Una seconda Arena, se vogliamo.

La voglia di conoscere, di capire, di approfondire mi ha portato a ricostruire la storia di questa struttura dividendola in quattro parti, la prima parla del progetto dall'ideazione alla messa in opera, la seconda si concentra sul giorno dell'inaugurazione, la terza ripercorre l'evoluzione dell'impianto e la quarta è un interessante insieme di statistiche seguite da Carlo e Andrea, assolutamente inedite, nel più classico stile di Hellastory.

Un viaggio lungo 60 anni, dalle ragioni politiche a quelle sportive, passando per la storia urbanistica della nostra città con alcune note di colore che ci fanno capire che Verona in fondo non è mai cambiata. Una città di provincia che vorrebbe diventare grande ma che proprio non ce la fa...a farcela.

Per fortuna, oserei dire.

Valeriano



» Prima parte: Il «vecio Bentegodi» non basta più
» Seconda parte: Il Nuovo Bentegodi è un Gioiello... Inarrivabile
» Terza parte: 1963-1985, gli anni d'oro del Bentegodi
» Quarta parte: 1986-2013, il Bentegodi si rimette a nuovo
» Quinta parte: 50 anni di numeri



UNA REGOLA SBAGLIATA CHE PUO' DANNEGGIARE IL VERONA


Lo spettacolare pareggio dell'Olimpico con la Lazio chiude adeguatamente una stagione strepitosa. Tudor, stupendo condottiero, ha migliorato la posizione di classifica dell'anno scorso, ha ottenuto il record di gol realizzati (65) e sigillato il saldo positivo reti fatte/subite (+ 6), risultato questo non riuscito né a Mandorlini (-6) né a Juric (- 2 e -4) prima di lui. Adesso però inizia una settimana decisiva per capire cosa farà, quando scioglierà la riserva circa la permanenza o meno in gialloblu. Perso D'Amico, la questione che tiene in sospeso tutti non è un problema di soldi, contano le sensazioni. Bisogna vedere se ci sono i presupposti. Da cosa scaturisce questo stato di incertezza? Tutto ci porta ad affrontare un periodo di incertezza societaria che non aiuterà certo a lavorare con la stessa serenità che ha trovato e che, infondo, ha agevolato il conseguimento di prestazioni di questo rilievo. Non c'è alcun dubbio che D'Amico, anche lui sotto contratto, abbia colto l'opportunità Atalanta anticipando in tal modo la conclusione di un ciclo. Un ciclo vincente, aggiungo, visti gli splendidi risultati ottenuti non solo sul campo (grande calcio, 1 promozione e 3 piazzamenti stabilmente tra il 9º e il 10º posto), ma anche e soprattutto dal punto di vista della rivalutazione della rosa e degli indici di bilancio. D'Amico, direttore sportivo silenzioso e scrupoloso, è stato anche in grado di porre rapido rimedio nei rari errori di valutazione (l'esonero veloce di Di Francesco e l'aver tolto dal mercato Tameze in agosto quando ci si è accorti che Hongla non avrebbe risposto subito alle aspettative). Ora però se ne sta aprendo un altro di difficile valutazione. Non tanto perché Marroccu, che è comunque un dirigente esperto, valga meno di D'Amico, quanto per il contesto in cui si troverà ad operare. E Tudor deve stabilire se valga la pena oppure no restare alle nuove condizioni.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7725 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-07-03 18:38:35'} - {ts '2022-07-04 01:38:35'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022