Hellas Verona 1984/85

clicca per ingrandire
TUTTO VERO, TUTTO DA GIOCARE?

Piccolo viaggio nei dubbi del calcio giocato, fino ad oggi segnato dalla fuga del Verona

Le poche certezze del campionato

(g.m.) - Due settimane di sosta sono tante, tra una fetta di panettone e una classifica sull' atleta dell' anno. C' è una forte voglia di calcio giocato. Dal Brasile, forse mal tradotto, Hidalgo comunica che il calcio italiano gli fa pena. Dal Brasile, cosa più importante, Telè Santana avvisa che vuole tutti i suoi «italiani» per la preparazione al mundial.


Evidentemente, senza Falcao e Cerezo, Zico e Socrates, Edinho e Junior, Batista, Dirceu e Pedrinho (e Juary, Telè?), Bolivia e Paraguay incutono suggezione ai più forti del mondo, che nulla vincono dal ' 70 in qua. I club italiani risponsono picche: che finale di campionato sarebbe mai, debrasilianizzato? E, intanto, che campionato è? Si può dire, che, dopo aver regalato certezze, regala dubbi. Juve e Roma già fuori giro? Verdetto prematuro. Verona in fuga irresistibile? Mica tanto: con Torino e Inter a due punti, il Verona non può permettersi distrazioni. Sempre imbattuto è, in campionato, ma i 5 gol subìti nell' amichevole di Padova, anche a prenderli con le molle, dicono che basta un calo di concentrazione a renderlo vulnerabile. Cinque gol incassati da una squadra di B e solo quattro da 13 squadre di A, il calcio è cosa strana. Ma il Verona ha la panchina corta ed è certamente penalizzato negli schemi dalle assenze di Ferroni e del danese Elkjaer. Ci sono in cartellone cinque partite da fascia medio-alta, con Inter-Roma su tutte. L' Inter appare la squadra più in salute, col tandem d' attacco più pericoloso e una difesa che, come l' attacco, è la seconda del campionato. Recchi ha sostituito bene Zenga. Per lo scudetto, l' Inter è la più votata e la partita di San Siro per lei vale doppio, se riesce a mettere sott' acqua la testa della Roma. E vale doppio anche per la Roma, che la domenica dopo riceverà il Torino. Le prime quattro giocano in casa: il Verona contro la meglio piazzata delle provinciali, l' Atalanta, il Torino contro la grande delusa, la Fiorentina, cui Valcareggi assicura un tran-tran di pareggi, non esaltante ma utile, e poi c' è Sampdoria-Juve, anche questa è un' occasione di verifica. La Juve è così importante (nell' amore, nell' odio, negli annali) che chi la dà per spacciata poi si morde la lingua. Ma, se proprio qualcuno non vuole credere al Verona, avanti di 7 punti, come fa a non credere a Inter e Torino, avanti di 5 rispetto ai campioni d' Italia? Sono domande un po' interessate, un po' oziose. A voler ragionare solo sui numeri, se la Juve può vincere lo scudetto, perchè mai a Cremona dovrebbero esser sicuri della B? C' è Cremonese-Ascoli che può consentire di accorciare le distanze, c' è Napoli-Udinese che può decidere il futuro di Marchesi, c' è Avellino-Como, che interessa sempre la zona di coda, ma le due squadre sono molto realiste, psicologicamente, direi, non solo tatticamente, attrezzate per cavarsi dagli impicci, mentre per Napoli e Udinese è come ritrovarsi in un altro film. Relativamente tranquilla, solo Lazio-Milan, duello fra vecchie volpi della panchina. Da qualunque parte lo si guardi, un programmino niente male. DALLE SEDI ALCUNE squadre hanno ripreso ieri gli allenamenti. Oggi, comunque, saranno tutte in campo. Ecco le principali novità dalle sedi. VERONA - Stasera arriva Elkjaer. Il danese non giocherà nemmeno contro l' Atalanta e forse rientrerà col Napoli il 20 gennaio. UDINESE - Oggi partenza per il ritiro di Formia. Cattaneo e Selvaggi, infortunati, probabilmente resteranno a casa. Zico rimarrà in Brasile fino all' 8 gennaio. INTER - Domani amichevole a Legnano. Zenga è guarito. Ferri e Mandorlini sono leggermente infortunati. ROMA - San Silvestro lavorativo per Conti, Cerezo e Graziani, rientrati dal Brasile. Si sono allenati anche Antonelli e Bonetti. ASCOLI - Perplessità sull' utilizzazione di Cantarutti. In caso di una sua defezione toccherebbe ad Alesi. COMO - L' unico dubbio riguarda Todesco infortunato. ATALANTA - Larsson finalmente sembra a posto, ma difficilmente debutterà in campionato prima di un paio di settimane. JUVENTUS - L' amichevole di Alessandria ha dato esiti confortanti su Pioli che domenica rientrerà. In compenso, Trapattoni non potrà contare su Favero (distorsione). SAMPDORIA - Contro la Juventus, Bersellini potrà recuperare Vierchowod e Renica assenti a San Siro. FIORENTINA - Oggi amichevole a Certaldo. Valcareggi utilizzerà soprattutto le riserve. TORINO - Schachner è guarito, non ha più febbre e ieri si è allenato. Nessun dubbio sulla sua presenza contro la Fiorentina.


Da la Repubblica - Mercoledì, 2 gennaio 1985

Andrea Perazzani 2003- 2022 Hellastory è ottimizzato per una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel. Per una corretta visione si consiglia l'uso del browser Microsoft Internet Explorer versione 5 o successiva con Javascript, Popup e Cookies abilitati. Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte. Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy. []