CRONACHE NIGERIANE - Hellas Verona: Le Ultimissime su HELLASTORY.net
  lunedì 3, h 20:45  

HELLAS VERONA

1
UDINESE2

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 9, h 15:00  
SALERNITANA 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Le Ultimissime

CRONACHE NIGERIANE


CRONACHE NIGERIANE

All'ombra dei camini del Power Plant di Okpai, piccolo villaggio nel Delta State della Nigeria, la ferita della retrocessione è più pulita. Non è infettata dalle inutile dichiarazioni di allenatore, dirigenti e giocatori. Qui non arrivano le interviste di Telenuovo e Telearena, ma solo le immagini di Rai Italia. Quanto basta per vedere le partite del Verona nei turni di anticipi e posticipi, oppure in occasione delle partite domenicali con le «grandi». Quanto basta, insomma, per vedere le sconfitte di Genova e San Siro, mentre pietosamente non mi è stato concesso di vedere la Spal vincere al Bentegodi, a quasi 60 anni esatti dal primo e ultimo successo, nella stagione di esordio del Verona nella massima serie.

Il calcio, a Okpai, è soprattutto la partitella della domenica pomeriggio, quando il cantiere si concede l'unica mezza giornata di riposo settimanale, e chi non ha troppo timore di sfidare la calura e soprattutto l'umidità oltre il 90%, si raduna sul piazzale per due calci al pallone. La foto racconta di fisici improbabili e decisamente fuori forma, di fiato corto, ma anche di sorrisi e voglia di divertirsi dietro a un pallone. Ovvero il calcio come gioco, così come è nato e così come sarebbe ancora, a volerci credere.

Capita sempre più di rado di sentire i calciatori che dichiarano di essere fortunati perché fanno di lavoro quello che per gli altri è solo una passione: il gioco del calcio. Attenzione: so bene che fare il calciatore professionista non è questione di fortuna, ma soprattutto di abnegazione, sacrifici e volontà. Detto questo, dopo una stagione in cui il Verona ha segnato pochissimo, e quelle poche volte ci è pure toccato di vedere esultanze rabbiose e polemiche anzichè un sorriso, il pensiero che corre spesso alla mente è quello della dignità. Quella che ad esempio nella gara di Benevento non è minimamente pervenuta.

Cosa abbiamo ancora da chiedere a questo indegno campionato? Abbiamo demolito anche i record negativi di 2 stagioni orsono. I numeri parlano da sè: 25 sconfitte su 36 gare, e 25 punti all'attivo. Due anni fa alla fine i punti furono 28. Per non fare di peggio ci restano solo le gare con la derelitta Udinese, reduce da 1 punto in 13 gare, e con la Juventus a Torino. Difficile non credere che saremo in grado di resuscitare pure l'Udinese in cerca di punti salvezza.

Cosa abbiamo ancora da chiedere? Dignità? Secondo me è concetto troppo elevato al termine di una stagione come questa, vissuta per mesi sulla pura illusione che «tanto la salvezza è solo a 4-5 punti».

Cosa chiedere? Attaccamento alla maglia? Questi giocatori non ne conoscono il significato. E non è nemmeno tutta colpa loro. Arriviamo da decenni di oblio dei nostri simboli, della nostra storia, persino dei nostri colori sacrificati alle logiche degli sponsor tecnici. Il nostro presidente crede che ci chiamiamo Hellas perché nel 1903 c'era l'Erasmus. Non sorprendiamoci se questi giocatori dopo aver incassato il 75mo gol stagionale hanno ancora l'ardire di giocare di fino con il tacco.

A questo punto non oso chiedere nulla. Tuttavia resto convinto che i calciatori sì, un poco fortunati lo siano a fare questo mestiere, e quindi non chiedo ma pretendo che almeno rispettino il lavoro che fanno. Né più né meno come tanta altra gente che fa un lavoro molto più anonimo e poi alla domenica si ritrova al Bentegodi a tifare o, in mancanza del Bentegodi sito a 6.000 km di distanza, si raduna all'ombra di una centrale nigeriana a tirare due pedate al solito vecchio, ma dignitoso, pallone.

Paolo



Hellastory, 08/05/2018

CIOFFI ALLA RICERCA DEL VERONA PERDUTO


Ho l'impressione che, dopo la confusione generata dal mercato, si continui crearne di nuova anche nelle soluzioni tattiche partita dopo partita. Laddove Tudor aveva trovato la fortuna del Verona dando continuità al lavoro di Juric migliorandolo gradatamente con il suo stile personale, Cioffi invece, ha stravolto priorità e leadership cancellando di fatto ogni tipo di continuità. Quando in conferenza stampa parla dei singoli, traspare evidente il suo concetto di base secondo cui «tutti sono in discussione, nessuno è sicuro di giocare». Questo probabilmente dipende dal fatto che lui ritiene efficaci alcune teorie aziendali (peraltro, recentemente messe in discussione dalle prove dei fatti) che mettono in competizione tutti i collaboratori ponendoli gli uni contro gli altri al fine di migliorare la produttività. Giovani contro vecchi, arroganza contro esperienza. Ma così facendo, il mister ha di fatto eliminato tutti i riferimenti degli ultimi anni. Ogni partita scende in campo una formazione diversa e i 5 cambi a disposizione, anziché consolidare, sperano di ribaltare quello che non sono riusciti ad esprimere in campo i titolari. O sbaglia la formazione iniziale, o non trasmette la giusta concentrazione, fatto sta che il Verona sbaglia quasi sempre l'approccio (salvo forse solo il primo tempo con la Lazio). Quello che emerge è infatti un Hellas continuo cantiere aperto dove la paura di sbagliare (e quindi di perdere l'opportunità a disposizione) condiziona ogni singolo giocatore che non riesce poi ad esprimersi al meglio per due partite di seguito. E' una squadra che non costruisce gioco, che fatica a difendersi, che non ha un'identità. Gunter, Ilic, Tameze, lo stesso Lazovic costretto a cambiare più ruoli, non sono più gli stessi. D'altra parte, in questa confusione generale, purtroppo continuano a trovare spazio i modesti Lasagna, Depaoli, Dawidowicz e Djuric di cui non comprendo il valore.

[continua]
Qual è stato il miglior gialloblu in campo in H.Verona-Udinese?

H.Verona    Udinese


Ceccherini F.

Depaoli F.

Doig J.

Duric M.

Günter K.

Henry T.

Hien I.

Hrustic A.

Kallon Y.

Lasagna K.

Lazovic D.

Montipò L.

Piccoli R.

Tamèze A.

Veloso M.

Verdi S.


 


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7820 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-10-06 17:54:20'} - {ts '2022-10-07 00:54:20'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022