PRESTITI GIALLOBLU: GOL DECISIVI PER ABBRUSCATO, LIGORI E CASSETTI! - Hellas Verona: Le Ultimissime su HELLASTORY.net
  domenica 18, h 15:00  
FIORENTINA2

HELLAS VERONA

0

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 3, h 20:45  

HELLAS VERONA

 
UDINESE 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Le Ultimissime

PRESTITI GIALLOBLU: GOL DECISIVI PER ABBRUSCATO, LIGORI E CASSETTI!

Hellastory: Le Ultimissime

PRESTITI GIALLOBLU: GOL DECISIVI  PER ABBRUSCATO, LIGORI E CASSETTI!
PRESTITI GIALLOBLU: GOL DECISIVI  PER ABBRUSCATO, LIGORI E CASSETTI!

E' stato un week-end particolarmente felice per i giovani gialloblu sparsi, in prestito o in comproprietà, in giro per l'Italia. Tre di loro sono andati a segno, altri si sono resi protagonisti di prove di grande spessore. Le delusioni sono provenute invece dalle numerose assenze, alcune dovute a cause di forza maggiore (Pisanu e Doardo), altre da sfavorevoli scelte tecniche (Todeschini, Alterio, Pace e Laner sono rimasti in panchina, Lorusso in tribuna). Ma vediamo in dettaglio come sono andate le cose:

PINHEIRO (C, Atlas, A, Mex): La sua squadra pareggia 1-1 contro il Monterrey grazie al gol del bomber Robert de Pinho. Lui questa volta non è tra i protagonisti limitandosi ad una partita da «compitino». Voto: 6.

CASSETTI (C, Lecce, A): In settimana Delio Rossi lo aveva addirittura proposto per la Nazionale. Una boutade forse eccessiva che deve però aver caricato a mille il ragazzo. Cassetti infatti contro la squadra della sua città è «un'iradidio». Nella fase difensiva argina le insidiose incursioni di Matuzalem, in quella offensiva offre una spinta costante. E si toglie pure la soddisfazione di segnare un decisivo gol di tacco. Per la gioia sua, del Lecce e di Pastorello che a Verona si sfrega le mani pensando alla metà del cartellino che ancora detiene. Voto: 7.

ABBRUSCATO (A, Arezzo, C1): Dopo Cassetti e Ligori è il terzo gialloblu ad andare a segno. Lo fa nel posticipo serale del lunedì, nell'insidioso campo del Cesena. Un gol importante che lo riporta in testa alla classifica dei marcatori (a 12 insieme ad Ambrosi) e che consente alla sua squadra di tenere a sei lunghezze l'ambizioso Lumezzane. Voto: 7.

PISANU (A, Varese, C1): Non è sceso in campo. Varese-Lucchese infatti è stata rinviata per neve. Si dovrebbe recuperare il 10 marzo.

DOARDO (C, Torres, C1): Come sopra. La Sassari Torres arriva a Novara dove però trova un campo pieno di neve. Con tutta probabilità la partita verrà recuperata domenica prossima quando la C1 riposerà.

LIGORI (C, Prato, C1): E' la piacevole sorpresa della giornata. Dopo averlo sfiorato più volte nelle scorse partite Ligori è finalmente riuscito a siglare il suo primo gol con la maglia del Prato grazie ad un preciso colpo di testa all'ottavo minuto della ripresa. Un gol che vale oro visto che permette alla sua squadra di espugnare l'insidioso campo del Cittadella (dove gioca Cossato) e di riagguantare nel fondo della classifica le squadre che la precedono. Voto: 6,5.

MANCINELLI (C, Martina, C1): Ritornato in campo dopo la settimana di riposo, la sua prestazione risente di una condizione fisica non delle migliori. Con orgoglio e qualche fallo in più riesce comunque a tener botta in mezzo al talentuoso centrocampo del Lanciano. Voto: 6.

LOVATIN (D, Imolese, C2): Riscatta le ultime scialbe prove con una partita esemplare. Insieme a Schiavon forma una cerniera di centrocampo invalicabile per gli avversari ed abilissima nel creare gioco e ripartire con precisione e velocità. A giovarne è la squadra che strapazza nel derby gli avversari forlivesi. In queste condizioni è davvero un piacere vederlo giocare. Voto: 7,5.

LORENZINI (C, Imolese, C2): Sfortunato. Entra al 66' ed, infortunatosi, è costretto ad uscire solo pochi minuti dopo, all'80'. Ingiudicabile. Voto: sv.

CASTIONI (C, Imolese, C2): Con Lovatin è uno dei grandi protagonisti della entusiasmante vittoria contro il Forlì (3-1). Parte da attaccante e in quella posizione trova modo prima di mangiarsi un gol (al 15') e poi (al 24') di offrire un'ottima palla a Schiavon che però non concretizza. Nel secondo tempo l'allenatore lo sposta sulla fascia sinistra e la partita cambia piega. Castioni diventa imprendibile per gli avversari e al 69', dopo un bel triangolo con Schiavon, si procura il rigore che vale alla sua squadra il terzo gol. Voto: 6,5.

MANDORLINI (D, Carrarese, C2): Dopo la partenza di Turati, Baroni lo propone come centrale difensivo nella difesa a tre e lui se la cava con sufficiente sicurezza, aiutato anche dallo sterile attacco avversario. Voto: 6

FUMMO (C, Giugliano, C2): Era la partita della verità. Il Giugliano, quarto in classifica, contro il Frosinone, secondo, aveva l'opportunità di agganciare il treno promozione. Occasione mancata. I campani infatti hanno perso per uno a zero, e purtroppo Fummo non è riuscito a ripetersi dopo la straordinaria doppietta della giornata precedente. Generoso, ma poco servito dai compagni, è stato sostituito al 55'. Voto: 6.

[Vai alla pagina ]



Hellastory, 24/02/2004

CIOFFI ALLA RICERCA DEL VERONA PERDUTO


Ho l'impressione che, dopo la confusione generata dal mercato, si continui crearne di nuova anche nelle soluzioni tattiche partita dopo partita. Laddove Tudor aveva trovato la fortuna del Verona dando continuità al lavoro di Juric migliorandolo gradatamente con il suo stile personale, Cioffi invece, ha stravolto priorità e leadership cancellando di fatto ogni tipo di continuità. Quando in conferenza stampa parla dei singoli, traspare evidente il suo concetto di base secondo cui «tutti sono in discussione, nessuno è sicuro di giocare». Questo probabilmente dipende dal fatto che lui ritiene efficaci alcune teorie aziendali (peraltro, recentemente messe in discussione dalle prove dei fatti) che mettono in competizione tutti i collaboratori ponendoli gli uni contro gli altri al fine di migliorare la produttività. Giovani contro vecchi, arroganza contro esperienza. Ma così facendo, il mister ha di fatto eliminato tutti i riferimenti degli ultimi anni. Ogni partita scende in campo una formazione diversa e i 5 cambi a disposizione, anziché consolidare, sperano di ribaltare quello che non sono riusciti ad esprimere in campo i titolari. O sbaglia la formazione iniziale, o non trasmette la giusta concentrazione, fatto sta che il Verona sbaglia quasi sempre l'approccio (salvo forse solo il primo tempo con la Lazio). Quello che emerge è infatti un Hellas continuo cantiere aperto dove la paura di sbagliare (e quindi di perdere l'opportunità a disposizione) condiziona ogni singolo giocatore che non riesce poi ad esprimersi al meglio per due partite di seguito. E' una squadra che non costruisce gioco, che fatica a difendersi, che non ha un'identità. Gunter, Ilic, Tameze, lo stesso Lazovic costretto a cambiare più ruoli, non sono più gli stessi. D'altra parte, in questa confusione generale, purtroppo continuano a trovare spazio i modesti Lasagna, Depaoli, Dawidowicz e Djuric di cui non comprendo il valore.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7811 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-09-28 03:43:31'} - {ts '2022-09-28 10:43:31'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022