PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 15, h 18:30  

HELLAS VERONA

 
NAPOLI 
Hellas Verona english presentation

3. Le Pagelle, parte 2

TAMEZE Adrien (38/4) Già reduce da una stagione mirabile, quest'anno è partito un po' in sordina forse a causa del non perfetto stato di forma. Quando poi è entrato in pianta stabile tra i titolari ha migliorato ulteriormente il rendimento che già ci potevamo attendere dimostrandosi un giocatore a tutto campo, con grinta e fiato da vendere. Uno dei capisaldi di questo grande Verona. Giudizio OTTIMO

ILIC Ivan (32/1) Per lui questa era la stagione più difficile in assoluto. L'anno scorso da perfetto sconosciuto aveva goduto del bonus sorpresa e dell'assenza di pressioni da parte di tutto l'ambiente. Quest'anno doveva confermarsi e possibilmente migliorare, visto anche l'esborso economico per trattenerlo a Verona. Diciamo che ci è riuscito in parte, giocando anche più partite di quelle che si pensava inizialmente vista l'indisposizione di Veloso. Ha terminato la stagione sicuramente in crescendo. Per lui anche 1 gol e 5 assist. Giudizio globale DISCRETO

FARAONI Marco Davide (32/4) Ecco l'altro insostituibile, con Lazovic dall'altra parte del campo. Presidia la fascia destra, tutta, da cima a fondo e ha imparato ad accentrarsi per proporsi ancora più efficacemente in zona tiro in area di rigore. Abbiamo provato Depaoli per farlo giusto respirare e dargli un po' di cambio ma Faraoni resta ancora su di un altro pianeta. Teniamolo qua fin che ce ne sarà anche solo un pezzo, ci serve! Tante presenze, 4 reti e 6 assist sono un bel bottino. (32/4) OTTIMO

BARAK Antonin (29/11) L'avevamo battezzato tuttocampista e confermiamo assolutamente il soprannome. Lui te lo trovi praticamente dappertutto, forse non alla velocità di Tameze, ma con una concretezza di gioco incredibile. Dal recupero del pallone, alla gestione, alla difesa dello stesso, fino poi alla creazione dell'opportunità, al tiro, all'assist. Quest'anno ci ha aggiunto anche il dribbling (vedi a Napoli). È un giocatore completo, pronto per fare il salto di qualità gli auguriamo in un campionato più competitivo di questo. Rendimento OTTIMO

LAZOVIC Darko (34/1) Giocatore onnipresente, oramai colonna portante della nostra squadra. Un giocatore che vorremmo invecchiasse con noi e che rimanesse a vita, assieme a Faraoni. Sulla sua fascia è letteralmente imprendibile, crea spazio e giocate a ripetizione, non si risparmia mai, nemmeno un secondo. Unico neo relativo a questa stagione è che sembra aver dimenticato come infilare la porta. Un po' di sfortuna, forse, ma lo vorremmo più determinante come sappiamo che può essere. Però ha fatto anche 7 assist, non va dimenticato. Rendimento OTTIMO

BESSA Daniel (24/1) In un primo momento, con l'arrivo di Tudor, sembrava essersi ritrovato come giocatore e pareva potesse tornare a far parte del giro dei titolari ma, a ragion veduta, il suo inserimento nel giro dei titolari era stato solo un espediente per dare una scossa alla squadra visto che strada facendo Bessa è tornato ad essere il giocatore abulico e poco propenso al sacrificio che già da anni conosciamo. È a fine contratto, meglio così. Per essere buoni, visto che non bocciamo nessuno, giudizio SUFFICIENTE

VELOSO Miguel (22/-) Stagione molto sfortunata per il nostro capitano. Un vero peccato perché una vera alternanza nella zona più importante del campo tra lui e Ilic avrebbe fatto bene un po' a tutti. Non è andata così, tuttavia confermiamo per l'ennesima volta che quando c'è Veloso a metà campo a giostrare la palla si gioca sempre un bel calcio. Stravediamo da sempre per lui e siamo felici che possa fare ancora una stagione in gialloblu. Giudizio DISCRETO

DEPAOLI Fabio (18/1) arrivato nel mercato di gennaio, dove grossi interventi non ce n'erano da fare, Depaoli è stato preso per far rifiatare Faraoni, ben sapendo che non avrebbe potuto sostituirlo in toto. Dobbiamo dire che l'operazione è riuscita molto bene e che il buon Fabio ha fatto la sua parte in maniera onorevole. Per lui il rendimento è stato DISCRETO

HONGLA Martin (18/1) Ce ne ha messo di tempo per ingranare. Un inizio quasi disastroso (ma come tutta la squadra del resto), poi una parte centrale di stagione spesa ad imparare e a crescere, infine un finale di stagione che ha lasciato intravedere buone cose e a questo ci aggrappiamo sia per il giudizio di questo dossier sia per il futuro in gialloblu del giocatore. Nel mezzo anche una Coppa d'Africa da protagonista che fa sempre bene. Giudizio DISCRETO

ZACCAGNI Mattia (2/2) Ci sembrava di avere chissà cosa in rosa, ci sembrava di non poter vivere senza. Alla fine meglio che se ne sia andato. Lui ha trovato la sua dimensione e impara a diventare un giocatore completo, noi abbiamo guadagnato un giocatore come Caprari che ci ha fatto fare il salto di qualità. Bisogna sempre sforzarsi di guardare oltre senza fossilizzarci sui singoli. NG

CAPRARI Gianluca (35/12) Per Caprari vale più o meno quanto detto su Montipò. Anche lui è arrivato quasi snobbato se non criticato perché doveva sostituire un presunto “insostituibile”. Pochi ci credevano, noi sulla scheda avevamo avvertito che avrebbe potuto invece risultare determinate. Così è stato. Il vero faro dell'attacco, regista avanzato che detta i tempi dell'attacco, uomo assist che ti mette la palla dove vuole con una visione incredibile, uomo gol che ha l'istinto del tiro nel sangue. Cosa avremmo fatto senza di lui e se fosse rimasto il giocatore che ha sostituito? Giudizio oltre l'OTTIMO

SIMEONE Giovanni (35/17) La stagione che il Cholito conclude a Verona, con ogni probabilità l'unica, è la migliore della sua carriera. Siamo molto orgogliosi che questo suo record sia stato fatto a Verona e siamo altrettanto felici di averlo avuto in rosa perché si tratta di una persona, oltre che di un calciatore, veramente speciale. Prima ancora che del numero di gol segnati, parliamo del suo atteggiamento messo in campo: un leone mai domo, uno che si sfinisce pur di dare il massimo in ogni frangente. Uno spirito che Verona era destinata ad amare fin dal suo arrivo. Gol ne ha fatti tanti, magari troppo concentrati in poche partite, tanti altri ne poteva fare ma a volte l'eccessivo impeto ostacola la prestazione. Un giudizio ovviamente OTTIMO

LASAGNA Kevin (28/2) Kevin quest'anno è stato impiegato molto spesso come riserva, 17 volte su 28. Per lui l'inizio di stagione non è stato positivo, forse non era ben chiaro quale fosse la sua collocazione. Procedendo col calendario si è ritagliato la sua fetta di spazio in campo, qualche volta spaccando la gara subentrando dalla panchina. Di certo il ragazzo ha un considerevole credito con la fortuna vista la quantità di pali e gol mancati per un soffio. Se questo credito saprà riscuoterlo l'anno prossimo, magari affinando ancora meglio quelle fucilate dalla distanza che spesso prova, potremmo divertirci. In complesso, vista anche la forza d'animo impiegata non possiamo dargli meno di DISCRETO

CANCELLIERI Matteo (12/1) Sappiamo quanto può valere e non sappiamo ancora quanto possa crescere. Gli indicatori per lui prevedono un futuro da campione, lo scarso utilizzo da parte del mister dice che deve ancora maturare. Lo attendiamo fiduciosi nella prossima stagione. Però che carattere e che gol contro l'Empoli...Giudizio DISCRETO

KALINIC Nikola (14/4) L'avevamo lasciato a fine stagione scorsa che sembra un giocatore prossimo al ritiro. La cura Tudor invece è riuscito a rigenerarlo e per metà stagione ha lottato in mezzo ai difensori avversari con grande impegno e lasciando intravedere ancora lampi di classe e di mestiere. Per quel che ha giocato il giudizio è DISCRETO

Senza Voto: TERRACCIANO Filippo (1/-), PRASZELIK Mateusz (2/-), DI CARMINE Samuel (1/-).

Legenda: (presenze / gol segnati o subiti in campionato)

DI FRANCESCO Eusebio Riponevamo parecchie speranze, o almeno un po'. Siamo rimasti molto delusi, anche per il fatto che la squadra sembrava pure giochicchiare bene. Probabilmente c'erano problemi che difficilmente dall'esterno era possibile captare. In ogni caso, sono i risultati che contano quindi giudizio INSUFFICIENTE

TUDOR Igor Guardate come si deve comportare il vero condottiero di una squadra. Arriva a situazione critica, rivoluziona formazione e modo di giocare, instilla nei giocatori un modo di pensare positivo e votato al risultato, non dice mai una parola fuori posto, non critica i propri giocatori davanti alla stampa, non fa lui i programmi societari perché non gli compete, non racconta frottole, non si inventa scuse. Tiene sulla corda tutta la squadra anche a salvezza acquisita e non permette rilassamenti di alcun tipo. Poi a fine stagione, e solo a fine stagione, decide di affrontare nuove esperienze e se ne va, senza polemiche e con grande professionalità. Applausi pur rimanendo il rammarico per averlo perso. Giudizio assolutamente OTTIMO.



Valeriano




Hellastory, 03/06/2022

UNA REGOLA SBAGLIATA CHE PUO' DANNEGGIARE IL VERONA


Lo spettacolare pareggio dell'Olimpico con la Lazio chiude adeguatamente una stagione strepitosa. Tudor, stupendo condottiero, ha migliorato la posizione di classifica dell'anno scorso, ha ottenuto il record di gol realizzati (65) e sigillato il saldo positivo reti fatte/subite (+ 6), risultato questo non riuscito né a Mandorlini (-6) né a Juric (- 2 e -4) prima di lui. Adesso però inizia una settimana decisiva per capire cosa farà, quando scioglierà la riserva circa la permanenza o meno in gialloblu. Perso D'Amico, la questione che tiene in sospeso tutti non è un problema di soldi, contano le sensazioni. Bisogna vedere se ci sono i presupposti. Da cosa scaturisce questo stato di incertezza? Tutto ci porta ad affrontare un periodo di incertezza societaria che non aiuterà certo a lavorare con la stessa serenità che ha trovato e che, infondo, ha agevolato il conseguimento di prestazioni di questo rilievo. Non c'è alcun dubbio che D'Amico, anche lui sotto contratto, abbia colto l'opportunità Atalanta anticipando in tal modo la conclusione di un ciclo. Un ciclo vincente, aggiungo, visti gli splendidi risultati ottenuti non solo sul campo (grande calcio, 1 promozione e 3 piazzamenti stabilmente tra il 9º e il 10º posto), ma anche e soprattutto dal punto di vista della rivalutazione della rosa e degli indici di bilancio. D'Amico, direttore sportivo silenzioso e scrupoloso, è stato anche in grado di porre rapido rimedio nei rari errori di valutazione (l'esonero veloce di Di Francesco e l'aver tolto dal mercato Tameze in agosto quando ci si è accorti che Hongla non avrebbe risposto subito alle aspettative). Ora però se ne sta aprendo un altro di difficile valutazione. Non tanto perché Marroccu, che è comunque un dirigente esperto, valga meno di D'Amico, quanto per il contesto in cui si troverà ad operare. E Tudor deve stabilire se valga la pena oppure no restare alle nuove condizioni.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7723 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-07-02 05:54:04'} - {ts '2022-07-02 12:54:04'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022