domenica 7, h 18:00  

HELLAS VERONA

1
BARI4

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 15, h 18:30  

HELLAS VERONA

 
NAPOLI 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Flashback

FRAMMENTI DI... VERONA-PERUGIA

La sfida di domenica mi riporta alla mente 3 diversi precedenti:

Il primo datato 1999.  Dopo la batosta di Parma, con 3 gol subiti in un amen, uno pure dal burrito Ortega.

FRAMMENTI DI... VERONA-PERUGIA

Fa l'esordio casalingo Frey, che dopo le belle parate contro i Tanzi boys, a risultato ormai compromesso, fa vedere al  popolo Hellas che dalla Francia ogni tanto arriva qualcosa di buono, non solo champagne e furti di opere d'arte. 

Beh, Frey si dimostra subito un portiere con i contro fiocchi, sfoderando 3-4 parate impressionanti. Soprattutto nel secondo tempo, a protezione del prezioso vantaggio, su un doppio colpo di testa degli uomini di Perugia. Esordio anche per Gigi Apolloni, che dona sicurezza ad una difesa sin li balbettante e tremolante. Mi sa che anche al giorno d'oggi, Apolloni sarebbe un toccasana nella retroguardia di Pecchia....

Altra prima volta, Cammarata segna e ride finalmente anche nella massima serie. Con rabbia e astuzia supera Mazzantini nel primo tempo. Il secondo tempo scivola via tra l'autogol di Calori e il pugno di Mazzantini a Marasco.... Finisce 2-0. Con il Bentegodi impazzito di gioia per una vittoria che arriva dopo 3 ko di fila. Con un portierino da celebrare e un bomber che sembra ritrovato. 

FRAMMENTI DI... VERONA-PERUGIA

Anno dopo. Ultima di campionato. Serve una vittoria per fare almeno lo spareggio salvezza. Vittoria è stata. Seric-gol-sotto-le-gambe-di-  Che sia partita accomodata? Se si lo hanno fatto bene, perché tra miracoli del portiere gaucciano, fallacci da dietro di Materazzi & Company, pareggio rabbioso di Tedesco, espulsioni già nel primo tempo di Apolloni e Liverani, fallacci pure degli attaccati, il nostro supermike e il coreano perugino, la partita è un'autentica battaglia ancestrale, addomesticata a fatica dal grande, nel senso fisico del termine, arbitro De Santis di Roma, autentico esempio di goffaggine e presunzione costretta in una casacca che per poco esplode ad ogni passo del sovrappeso giudice. Fino al gol liberazione di Salvetti-show, dopo l'ennesimo miracolo del portiere biancorosso. 2-1 e spareggio conquistato.

L'ultimo che mi pervade la memoria è alquanto doloroso. Serie B, la truppa agli ordini di Ficcadenti arriva spompata a fine stagione, dopo una sorprendente valanga di buoni risultati e bel gioco. Quel giorno di maggio si compie il Ventesimo anniversario dello scudo. Maglia celebrativa. Bentegodi in festa, ma non siamo mai in partita. Sconfitti 2-1, ci allontaniamo definitivamente dal sogno promozione e grazie a Coly superstar, perdiamo un po' la faccia... Ma questa è un'altra questione e un'altra storia che non tocca me, o almeno non questa volta, sviscerare.

 

Buon Verona-Perugia a tutti. E che vittoria sia.

In fede, Matteo.



Hellastory, 02/12/2016

UNA REGOLA SBAGLIATA CHE PUO' DANNEGGIARE IL VERONA


Lo spettacolare pareggio dell'Olimpico con la Lazio chiude adeguatamente una stagione strepitosa. Tudor, stupendo condottiero, ha migliorato la posizione di classifica dell'anno scorso, ha ottenuto il record di gol realizzati (65) e sigillato il saldo positivo reti fatte/subite (+ 6), risultato questo non riuscito né a Mandorlini (-6) né a Juric (- 2 e -4) prima di lui. Adesso però inizia una settimana decisiva per capire cosa farà, quando scioglierà la riserva circa la permanenza o meno in gialloblu. Perso D'Amico, la questione che tiene in sospeso tutti non è un problema di soldi, contano le sensazioni. Bisogna vedere se ci sono i presupposti. Da cosa scaturisce questo stato di incertezza? Tutto ci porta ad affrontare un periodo di incertezza societaria che non aiuterà certo a lavorare con la stessa serenità che ha trovato e che, infondo, ha agevolato il conseguimento di prestazioni di questo rilievo. Non c'è alcun dubbio che D'Amico, anche lui sotto contratto, abbia colto l'opportunità Atalanta anticipando in tal modo la conclusione di un ciclo. Un ciclo vincente, aggiungo, visti gli splendidi risultati ottenuti non solo sul campo (grande calcio, 1 promozione e 3 piazzamenti stabilmente tra il 9º e il 10º posto), ma anche e soprattutto dal punto di vista della rivalutazione della rosa e degli indici di bilancio. D'Amico, direttore sportivo silenzioso e scrupoloso, è stato anche in grado di porre rapido rimedio nei rari errori di valutazione (l'esonero veloce di Di Francesco e l'aver tolto dal mercato Tameze in agosto quando ci si è accorti che Hongla non avrebbe risposto subito alle aspettative). Ora però se ne sta aprendo un altro di difficile valutazione. Non tanto perché Marroccu, che è comunque un dirigente esperto, valga meno di D'Amico, quanto per il contesto in cui si troverà ad operare. E Tudor deve stabilire se valga la pena oppure no restare alle nuove condizioni.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7760 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-08-07 17:28:17'} - {ts '2022-08-08 00:28:17'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022