domenica 7, h 18:00  

HELLAS VERONA

1
BARI4

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 15, h 18:30  

HELLAS VERONA

 
NAPOLI 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Flashback

QUANDO MORFEO SVEGLIO' IL VERONA

Hellastory: Flashback

QUANDO  MORFEO SVEGLIO' IL VERONA

È strano vagare nella nebbia!
Solo è ogni cespuglio e pietra,
Nessun albero vede l'altro,
Ognuno è solo.

Pieno di amici era per me il mondo,
Quando la mia vita era ancora luminosa;
Adesso, che la nebbia cala,
Nessuno si vede più.

In verità, nessuno è saggio
Se non conosce il buio,
Che piano ed inesorabilmente
Da tutti lo separa.

Strano, vagare nella nebbia!
Vivere è essere soli.
Nessuno uomo conosce l'altro,
Ognuno è solo (Nella nebbia, Hermann Hesse)

C'è un uomo solo a Verona. La gloria della promozione è stata breve e fugace. Ogni volta si ricomincia tutto d'accapo, ogni prova è nuova e sembra metta tutto in discussione. La grandezza è fugace e la memoria corta. Si parla sempre più insistentemente di esonero per Cesare Prandelli, bravo - anzi bravissimo - con i giovani ma forse non ancora pronto a tenere una squadra in serie A. Non è riuscito a evitare la retrocessione alla sua Atalanta, poi si è dimesso a Lecce quando la situazione stava precipitando. Ora a Verona. Veniamo da 3 sconfitte consecutive (Roma, Inter e Lecce). La classifica in coda è cortissima e noi ci siamo dentro fino al collo: se la Roma ha sommerso 5 a 0 il Venezia (terzultimo a 16 punti), il Cagliari (15) vincendo sul Perugia (2 a 1) e  il Piacenza (14) espugnando Lecce si sono portati a ridosso. I gialloblu, nel posticipo serale, contro l'ambiziosa Fiorentina di Trapattoni, Rui Costa, Di Livio, Batistuta e Balbo hanno urgenza di punti, non possono concedere nulla. C'è tensione nell'aria, ansia. E tanta, tanta nebbia.

Ma si gioca, secondo te? Secondo me sì, in genere cala quando è buio. Non è il contrario? Boh, io i biglietti ce li ho e ci vado. Freddo, umido, nebbia. E poi la Fiorentina. Un cinema no? Ma scherzi? Oggi è la partita della vita, con sti risultati o vinciamo o salta Prandelli. Aspetta, gioca Morfeo, è uno forte. Dove lo mette? Credo alle spalle di Cammarata. E' quello che qualche anno fa ci ha fatto vincere l'europeo Under 21 su rigore? Certo, che freddezza! Poi battere la Spagna ... Ah guarda, Prandelli lo conosce bene, ci ha vinto un Viareggio e un campionato Primavera con l'Atalanta. Sì ma poi ... col Milan e la Fiorentina ... che fine ha fatto? Neanche a Cagliari lo hanno tenuto. Ma per questo è venuto qui a Verona, fidati! Sì, ma c'è troppa nebbia stasera.

Siamo oltre 16.000 al Bentegodi. Il Verona parte timoroso, l'inizio è tutto ospite, Batistuta è imprendibile e Cois coglie il palo. I gialloblu sono bloccati, faticano a prendere le misure. Cammarata svirgola un bel cross di Falsini, ma è poca roba. Dopo 24 minuti Batistuta su punizione, leggermente deviata da Diana, porta in vantaggio i viola. Il piano tattico studiato a tavolino è saltato completamente: Prandelli gela, toglie Salvetti e fa esordire Michele Cossato che si mette al centro dell'attacco sfiorando subito il pareggio. Morfeo arretra di qualche metro, ora ha davanti più spazio. Deve assolutamente fare qualcosa: di fronte ha la società proprietaria del cartellino e non c'è più Malesani a Firenze a proteggerlo. Se è un giocatore da serie A, lo deve dimostrare stasera.

Siamo troppe fighette. Non lottiamo. La vedo grigia. Stasera proprio non gira. Ma ci vedi tu? Insomma. Non vedo l'ora che finisca il primo tempo. Aspetta: punizione per noi. Con sta nebbia ci vorrebbe un siluro che il portiere neanche vede. Nooo, sulla barriera, fischia l'arbitro. E' finito il tempo? No, la fa ribattere. Gol! Gooooooool! Che ti avevo detto? Chi è stato? Non ho capito! Ma chi abbiamo che tira ste legnate? Nessuno. Allora è stato Morfeo! Sì è lui, guarda, è andato a salutare il mister. Vai, così!

QUANDO  MORFEO SVEGLIO' IL VERONA

Al rientro in campo il mister non vuole concedere spazi alla Fiorentina. Melis sostituisce un abulico Cammarata e lascia Morfeo in appoggio a Cossato, molto più in partita. Il cambio porta subito i frutti: dopo 8 minuti Falsini centra dalla sinistra, Cossato fa da sponda per Morfeo che entra in area, dribbla un paio di avversari e di destro con un bel diagonale porta in vantaggio il Verona!

Non ci posso credere! Che gol! Che fenomeno! Fisicamente sembra un po' Adelio Moro, vero? Pure il tiro ... questo è meglio però. Ha avuto ragione Prandelli a prenderlo. È un grande lui ...

QUANDO  MORFEO SVEGLIO' IL VERONA

La Fiorentina si riversa in attacco per cercare il pareggio che ottiene con Rui Costa al 69' con una conclusione leggermente deviata da Leo Colucci. È un buon pareggio, alla fine, che consente ai gialloblu di  conquistare il quartultimo posto a 17 punti e rimettersi in corsa per la salvezza. La Reggina, 3 punti sopra sembra irraggiungibile e per questo i giornalisti veronesi, sempre un po' in ritardo, non riescono a cogliere l'impresa: SOLO UN PAREGGIO titolano l'indomani. Invece è molto di più: è la partita della svolta, la quadratura del cerchio per Prandelli, un'iniezione di fiducia per la squadra, la riscoperta di un talento. Morfeo, il dio greco del sonno, delle illusioni, signore dei folletti.

La nebbia si dirada. Definitivamente, aggiungo. Comincia un altro campionato. Morfeo, la domenica successiva, si ripete a Bari segnando uno dei più bei gol della sua carriera in acrobazia, di semirovesciata. Prandelli fa volare i suoi ragazzi che non perderanno più fino al termine della stagione prendendosi il lusso di fermare il Milan a San Siro (3 a 3), battere la Lazio (sempre Morfeo) prossima campione d'Italia  e soprattutto la Juventus (doppio Cammarata) nella partita che costerà poi lo scudetto ai bianconeri, a 3 giornate  dal termine. Calcio spettacolo, gioco di prima, veloci sovrapposizioni. Il Verona chiude a metà classifica.

A giugno Morfeo torna a Firenze, Prandelli se ne va a Venezia. Si ritroveranno a Parma. Incontreranno nuova nebbia e altro sole. Successi e delusioni. Incomprensioni e solitudine. Da parte mia, tanta riconoscenza e affetto: non possiamo permetterci di disperdere ciò che abbiamo vissuto. La memoria è l'unica medicina per la nebbia dell'anima.

Massimo

I video dei gol: 1 - 2

Foto della gara tratte da "Almanacco Gialloblu", supplemento a L'Arena



Hellastory, 18/11/2014
Serie A 1999/00 | 20a giornata | 6/2/2000
HELLAS VERONA FC
HELLAS VERONA FC
2
  AC FIORENTINA
AC FIORENTINA
2
49' e 52' D.Morfeo (I) marcatori 24' Batistuta, 69' Rui Costa
S.Frey; L.Apolloni, A.Diana, G.Falsini, G.Filippini (71' M.Franceschetti), M.Laursen; L.Colucci, A.Marasco, E.Salvetti (29' M.Cossato (I)); F.Cammarata (46' M.Melis), D.Morfeo (I)   Toldo; Repka, Adani, Firicano (46' Bressan), Heinrich; Torricelli (46' Pierini), Rui Costa, Cois (59' Rossitto), Di Livio; Batistuta, Balbo.
C.Prandelli ALL Trapattoni
- ammoniti Di Livio

Arbitro
G.Paparesta (Bari - BA)
Note
Spettatori: 16.085.



UNA REGOLA SBAGLIATA CHE PUO' DANNEGGIARE IL VERONA


Lo spettacolare pareggio dell'Olimpico con la Lazio chiude adeguatamente una stagione strepitosa. Tudor, stupendo condottiero, ha migliorato la posizione di classifica dell'anno scorso, ha ottenuto il record di gol realizzati (65) e sigillato il saldo positivo reti fatte/subite (+ 6), risultato questo non riuscito né a Mandorlini (-6) né a Juric (- 2 e -4) prima di lui. Adesso però inizia una settimana decisiva per capire cosa farà, quando scioglierà la riserva circa la permanenza o meno in gialloblu. Perso D'Amico, la questione che tiene in sospeso tutti non è un problema di soldi, contano le sensazioni. Bisogna vedere se ci sono i presupposti. Da cosa scaturisce questo stato di incertezza? Tutto ci porta ad affrontare un periodo di incertezza societaria che non aiuterà certo a lavorare con la stessa serenità che ha trovato e che, infondo, ha agevolato il conseguimento di prestazioni di questo rilievo. Non c'è alcun dubbio che D'Amico, anche lui sotto contratto, abbia colto l'opportunità Atalanta anticipando in tal modo la conclusione di un ciclo. Un ciclo vincente, aggiungo, visti gli splendidi risultati ottenuti non solo sul campo (grande calcio, 1 promozione e 3 piazzamenti stabilmente tra il 9º e il 10º posto), ma anche e soprattutto dal punto di vista della rivalutazione della rosa e degli indici di bilancio. D'Amico, direttore sportivo silenzioso e scrupoloso, è stato anche in grado di porre rapido rimedio nei rari errori di valutazione (l'esonero veloce di Di Francesco e l'aver tolto dal mercato Tameze in agosto quando ci si è accorti che Hongla non avrebbe risposto subito alle aspettative). Ora però se ne sta aprendo un altro di difficile valutazione. Non tanto perché Marroccu, che è comunque un dirigente esperto, valga meno di D'Amico, quanto per il contesto in cui si troverà ad operare. E Tudor deve stabilire se valga la pena oppure no restare alle nuove condizioni.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7760 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-08-07 18:09:42'} - {ts '2022-08-08 01:09:42'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022