RACCOLTA DIFFERENZIATA - Hellas Verona: Flashback su HELLASTORY.net
  domenica 13, h 15:00  

HELLAS VERONA

1
SPEZIA2

PROSSIMO IMPEGNO
  mercoledì 4, h 14:30  
TORINO 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Flashback

RACCOLTA DIFFERENZIATA


RACCOLTA DIFFERENZIATA

Il 19 maggio 2018 si consumava all'Allianz Stadium di Torino il presunto addio di Gianluigi Buffon alla Juventus. Per uno strano scherzo del destino, tale addio venne a coincidere con la partita Juventus – Verona, di fatto inutile ai fini della classifica: bianconeri già campioni d'Italia, Hellas già condannato al purgatorio della serie B. Anche se partita ininfluente, il fatto che si stia parlando del campionato di calcio italiano di serie A, imporrebbe un certo decoro e rispetto delle regole che in quella occasione venne decisamente a mancare da parte di Buffon ma soprattutto da parte di chi gli consentì impunemente di fare il giro d'onore mentre in campo c'erano ancora 22 atleti impegnati nell'atto sportivo.

Così, insieme all'addio – poi rivelatosi solo un arrivederci – di Buffon alla maglia della Juventus, si consumò allo Stadium anche il funerale del buon gusto. Se ne erano già resi conto i tifosi dell'Hellas, che per un biglietto di settore curva avevano dovuto scucire 50 euro, ma l'avevano buttata in goliardia presentandosi a Torino in giacca e cravatta per sottolineare che qualcuno doveva aver scambiato l'ultima di campionato con la prima alla Scala.

Tanto rumore per nulla, verrebbe da dire, visto che Buffon è rientrato alla Juventus dopo una parentesi nemmeno troppo convincente al Paris Saint Germain, dove forse sperava di alzare finalmente la Coppa dalle orecchie. Il portiere è rientrato all'ovile, con il tacito accordo di essere schierato in qualche occasione, almeno a superamento del record di presenze di Paolo Maldini. Chissà, magari la Juventus considera il Verona un avversario adatto ad applicare il turn over dopo le fatiche di Coppa e - perchè no? – anche a fare prendere un altro gettone a Buffon.

Va a finire che Buffon ce lo ritroveremo di nuovo nella porta di fronte, e gli chiederemo di alzare un braccio, chiamare l'attenzione dell'arbitro, e andarsene con un cartellino rosso che aspettiamo da oltre un anno. Il rigore ve lo risparmiamo, non abbiamo nemmeno bisogno di partire da 1-0 per noi. A noi piace giocarcele alla pari le partite.

Se non fosse chiaro, il 19 maggio 2018, sul punteggio di 2-0, Buffon stese in area Matos, ma ebbe la fortuna di trovare sulla propria strada un arbitro con un cuore al posto del bidoncino della raccolta differenziata. L'arbitro Pinzani, e con lui tutta la ciurma deputata a guardarsi le immagini alla fantomatica VAR, non ebbe nulla da eccepire su un intervento che agli occhi del resto degli sportivi parve subito un evidente fallo da rigore. Con conseguente espulsione. Anche un opinionista solitamente non troppo brillante come Pistocchi ebbe a commentare che Buffon, andando dall'arbitro ad autoaccusarsi, sarebbe uscito di scena con una standing ovation persino dei tifosi gialloblu. Invece le cose sono andate come vanno da decenni a questa parte, quando in campo c'è la Juventus.

Per la cronaca, un mese prima circa, la Juventus era uscita di scena dalla Coppa Campioni (non chiedetemi di chiamarla in altro modo) con un rigore all'ultimo minuto e con l'espulsione di Buffon per proteste. Il portiere a fine gara ironizzò sull'arbitro, reo di avere un bidone della spazzatura al posto del cuore. Il regolamento non ha sentimenti. Il calcio può essere ingiusto, ne sappiamo qualcosa pure noi. La Juventus meritava di passare il turno, ma il rigore c'era e meglio avrebbero fatto i bianconeri a prendersela con Benatia in grave ritardo, anziché con l'arbitro.

Quantomeno domani abbiamo una certezza, che ci viene data dalla convinzione di avere un allenatore che condivide i principi della storia del nostro Verona: si va a Torino con la formazione migliore e non per svernare in attesa del turno infrasettimanale con l'Udinese. Si va a Torino convinti perlomeno che si parte alla pari da 0-0, poi se qualcuno vorrà fare la raccolta differenziata invece di avere sensibilità di cuore, ne saremmo grati. Per noi il decoro è importante.

Paolo



Hellastory, 20/09/2019

SETTI ACCOMPAGNA IN B IL VERONA


Dopo la decima, gravissima sconfitta consecutiva, il Verona è quasi condannato. E pensare che lo Spezia, per condizione e posizione di classifica, avrebbe potuto essere l'avversario più adatto per chiudere decentemente l'anno solare ed accendere speranze di salvezza. Invece no, ci sono stati superiori non solo nel risultato ma anche nel gioco e in intensità. Il Verona sta pagando le sciagurate scelte societarie, come ha ammesso Marroccu dopo Monza. Setti invece, che vive evidentemente in un altro pianeta, non si rende conto di quello che ha combinato e nemmeno perché, chiunque a Verona raggiunge un certo livello qualitativo, poi chiede di andare via. Non si rende conto che è lui l'artefice di questa condizione di precarietà che non consente di trovare in questa società la propria dimensione sportiva. E per questo, ogni anno batte cassa frettolosamente al valore acquisito, vivendo di nuove scommesse e di improvvisazione. In effetti, a voler essere precisi, non è ancora stato chiarito se tutto ciò dipenda da costanti bisogni personali, oppure dalla sua supponenza (sono il Presidente che ha disputato più stagioni in serie A, conosco il calcio meglio di tutti voi ...). Fatto sta che questa volta Longo, D'Amico e Tudor hanno capito in fretta quello che sarebbe successo di lì a qualche mese e, vista l'impossibilità di proteggere un giocattolo troppo prezioso per le sue mani grezze, si sono defilati con lungimiranza. Come se uno, vincendo casualmente alla lotteria, finisce per sprecare tutto e si riduce a chiedere l'elemosina sotto i ponti. Povero e abbandonato. Forse perché erano proprio loro la componente saggia e competente della società, quella che ha permesso di rivalutare fino a quel punto il Verona. Loro, e non certo Setti che ha solo avuto la fortuna di averli per sè. Comunque, tutti i nodi sono venuti rapidamente al pettine: ceduti male Barak, Simeone, Caprari e Casale, rimpiazzati solo numericamente con giocatori scadenti (alcuni persino pagati cari), preso Marroccu come suo braccio destro (velocissimo a squalificarsi nel giro di poche settimane) e infine scelto Cioffi per l'ennesima scommessa assurda anche se l'ambiente, svilito e senza indirizzo, stava cercando invece disperatamente continuità, esperienza e buon senso. Cosa è rimasto di quel Verona che tanto ci ha divertito e sentiti rispettati? Niente. Per non parlare della soluzione frettolosa e senza alcuna logica di affidare la squadra a Bocchetti, che non ha niente a che vedere con quella adottata dal Monza con Palladino. Infatti, il povero cristo è stato assunto a uomo simbolo della società dopo essere stato prima dirottato in Primavera e poi, come un profeta, beneficiario di addirittura 5 anni di contratto. Lui che non ha neppure il patentino da allenatore. Ora cosa ci aspetta? un lento ed umiliante cammino verso l'inferno o abbiamo ancora qualche briciolo di speranza di salvezza?

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7876 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-12-02 06:05:59'} - {ts '2022-12-02 13:05:59'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022