domenica 7, h 18:00  

HELLAS VERONA

1
BARI4

PROSSIMO IMPEGNO
  lunedì 15, h 18:30  

HELLAS VERONA

 
NAPOLI 
Hellas Verona english presentation
Una su 1000

HELLAS VERONA / Flashback

21 Aprile 1984, Verona-Torino

Hellastory: Flashback

dal nostro amico Luca

Non è stata la mia prima partita al Bentegodi: due anni prima, nella stagione della promozione dalla B, ricordo un Verona-Foggia 2-1 con Garella sostituito a fine primo tempo per infortunio.
Credo anche di aver visto una partita di Coppa Italia e poi la Nazionale: Italia-Cecoslovacchia 1-1 con Fanna entrato nel secondo tempo.
Quel Verona-Torino, però, è il primo ricordo (abbastanza) nitido della Serie A vista dagli spalti del Bentegodi.

21 Aprile 1984, Verona-Torino

Era sabato; oggi si gioca il sabato sera, la domenica a pranzo, il martedì alle sei,... ma allora il campionato si giocava solo la domenica pomeriggio, mentre il mercoledì era per le coppe, fosse anche l'ormai derelitta Mitropa.
Perché il sabato allora? Semplicemente perché era la vigilia di Pasqua.
Probabilmente mio padre riuscì a portarmi allo stadio proprio perché era sabato: lavorava sui turni e spesso la domenica pomeriggio era impegnato in ferrovia o comunque preferiva riposare in vista del turno di notte.

Io ero pieno, ma veramente pieno, di raffreddore; mia madre mi diede 2 pacchetti di fazzoletti (finiti ad inizio ripresa), un giacchetto troppo pesante vista la bella giornata di sole e la raccomandazione di non dire parolacce.
Fazzoletto sempre in mano, starnuti continui, naso arrossato e congestionato... chissà se oggi, in tempi di pandemia, ci avrebbero accettati all'ingresso o ci avrebbero rispediti a casa.

Si va in Curva Nord:
-«in Curva Sud troppo casino e (si vede che a casa mia era un'ossessione!) troppe parolacce»
-«in Parterre si vede male»
-sugli altri settori dello Stadio non ricordo particolari sentenze di mio papà: gradinate e tribune erano semplicemente fuori budget.

La Curva Nord però non era male, anzi.
Il Bentegodi non era ancora quella cattedrale di cemento armato che sarebbe diventato con Italia '90, il campo era bello vicino e i tifosi avversari credo fossero in parterre da qualche altra parte.
Dritto dritto davanti a me poi un vero spettacolo, anzi due: la Curva piena, con i butei stipati, i cori e i colori, e la nuova meraviglia elettronica, il tabellone futuristico dei Vini Montresor e della scritta GOAL a caratteri cubitali.

Non chiedetemi troppo della gara, difficile che un bambino di 8 anni davanti a tutte quelle emozioni sia in grado di elaborare una qualsiasi disquisizione tecnica del match.
Era comunque una squadra bella, quasi bellissima.
Dopo il «Verona dei miracoli» dell'anno prima ecco il «Verona dei piccoletti» con Galderisi e Iorio in grado di segnare gol a raffica, quantomeno per gli standard catenacciari dell'epoca.
Una squadra autarchica visto che gli stranieri erano Zmuda, l'impronunciabile e granitico capitano della Nazionale Polacca, in campo in ben 4 Coppe del Mondo, ma che a Verona purtroppo si lesionava qualche legamento appena vedeva un prato verde, e lo squalo scozzese J.J. che, in quella stagione, ricordiamo più per simpatia e temperamento che non per il contributo in campo. Ci fossero stati due stranieri veri, chissà...

21 Aprile 1984, Verona-Torino

Comunque della gara mi ricordo due biondi, uno nostro e uno loro.
Il nostro era in realtà un biondo già molto diradato, Pierino Fanna. Di lui è rimasta la fama di grande giocatore, con tecnica e corsa impareggiabili, ma che la porta la vedeva poco. In realtà mi ricordo che nei primi anni di Bagnoli andava a referto più di qualche volta. In quella gara realizzò una punizione a due in area, una di quelle situazioni ormai scomparse con 10 giocatori avversari a fare la barriera a mezzo metro dalla linea di porta. Onestamente non mi ricordo il gol ma la gioia e l'esultanza sì, visto che che infilò la palla sotto la traversa vicino alla Curva Nord.
Il loro biondo era invece Walter Schachner che, a differenza di Pierino, aveva folti sia i capelli che i baffi e che trovava in Garella uno tra i suoi bersagli preferiti: l'austriaco fece il 2-2 anche lui sotto la Nord.

Il match finì con quel punteggio.
Leggendo qualche resoconto dell'epoca il Verona avrebbe probabilmente meritato quella vittoria che ci avrebbe avvicinato alla Uefa.

A fine stagione però la Uefa non arrivò, in compenso dal Nord giunsero due stranieri veri, carichi di muscoli e fosforo...



Hellastory, 11/01/2022
Serie A 1983/84 | 27a giornata | 21/4/1984
AC VERONA HELLAS
AC VERONA HELLAS
2
  TORINO CALCIO
TORINO CALCIO
2
10' P.Fanna, 40' L.Bruni marcatori 8' (aut.) S.Fontolan (I), 52' Schachner
C.Garella; M.Ferroni (I), S.Fontolan (I), L.Marangon (I), M.Storgato (74' M.Guidetti), R.Tricella; L.Bruni, D.Volpati; P.Fanna, G.Galderisi, J.Jordan (65' M.Iorio)   Terraneo, Corradini, Francini, R.Zaccarelli, Danova, Pileggi, Schachner, Caso, Comi, Dossena, Hernandez (69' Picci)
O.Bagnoli ALL Bersellini

Arbitro
M.Ciulli (Roma - RM)





UNA REGOLA SBAGLIATA CHE PUO' DANNEGGIARE IL VERONA


Lo spettacolare pareggio dell'Olimpico con la Lazio chiude adeguatamente una stagione strepitosa. Tudor, stupendo condottiero, ha migliorato la posizione di classifica dell'anno scorso, ha ottenuto il record di gol realizzati (65) e sigillato il saldo positivo reti fatte/subite (+ 6), risultato questo non riuscito né a Mandorlini (-6) né a Juric (- 2 e -4) prima di lui. Adesso però inizia una settimana decisiva per capire cosa farà, quando scioglierà la riserva circa la permanenza o meno in gialloblu. Perso D'Amico, la questione che tiene in sospeso tutti non è un problema di soldi, contano le sensazioni. Bisogna vedere se ci sono i presupposti. Da cosa scaturisce questo stato di incertezza? Tutto ci porta ad affrontare un periodo di incertezza societaria che non aiuterà certo a lavorare con la stessa serenità che ha trovato e che, infondo, ha agevolato il conseguimento di prestazioni di questo rilievo. Non c'è alcun dubbio che D'Amico, anche lui sotto contratto, abbia colto l'opportunità Atalanta anticipando in tal modo la conclusione di un ciclo. Un ciclo vincente, aggiungo, visti gli splendidi risultati ottenuti non solo sul campo (grande calcio, 1 promozione e 3 piazzamenti stabilmente tra il 9º e il 10º posto), ma anche e soprattutto dal punto di vista della rivalutazione della rosa e degli indici di bilancio. D'Amico, direttore sportivo silenzioso e scrupoloso, è stato anche in grado di porre rapido rimedio nei rari errori di valutazione (l'esonero veloce di Di Francesco e l'aver tolto dal mercato Tameze in agosto quando ci si è accorti che Hongla non avrebbe risposto subito alle aspettative). Ora però se ne sta aprendo un altro di difficile valutazione. Non tanto perché Marroccu, che è comunque un dirigente esperto, valga meno di D'Amico, quanto per il contesto in cui si troverà ad operare. E Tudor deve stabilire se valga la pena oppure no restare alle nuove condizioni.

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7760 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-08-07 17:29:15'} - {ts '2022-08-08 00:29:15'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022