26 Settembre 1982, Verona-Juventus - Hellas Verona: Flashback su HELLASTORY.net
  domenica 13, h 15:00  

HELLAS VERONA

1
SPEZIA2

PROSSIMO IMPEGNO
  mercoledì 4, h 14:30  
TORINO 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation
Una su 1000

HELLAS VERONA / Flashback

26 Settembre 1982, Verona-Juventus

Hellastory: Flashback

dal nostro amico Nez

Da totale «autodidatta» ho iniziato a seguire il Verona a 6 anni, però, proprio perché la mia passione non era condivisa in famiglia il mio esordio al Bentegodi avvenne solo diversi anni più avanti, con i gialloblu nei bassifondi della serie B.

Ecco spiegato come mai la prima vittoria in serie A la vidi «solo» il 26 settembre 1982 e non fu una vittoria qualsiasi.

Era la terza di campionato, gli avversari avevano una maglia zebrata e diversi di questi, qualche mese prima, ci avevano fatto sognare al mundial spagnolo.

A tal proposito, con tutta l'ingenua sportività di quindicenne, la sera prima della partita, saputo che questa squadra alloggiava a Garda, con un amico partimmo da Peschiera per vedere se si riusciva ad incontrare in giro per il paese qualche volto noto.

La cosa impensabile al giorno d'oggi è stato addirittura poter entrare nell'albergo e stare lì con loro, i campioni del mondo, quasi tutti incredibilmente disponibili (escluso praticamente solo quello stopper lungo lungo dal cognome corto corto, che infatti campione del mondo non era...), su tutti ricordo con piacere Paolo Rossi e Scirea.

L'indomani l'impatto con lo stadio fu piuttosto scioccante: degli oltre 40.000 presenti la maggioranza mostrava essere chiaramente per quegli altri, addirittura in curva sud, lato verso la ovest, dove mi ero posizionato, io e pochi altri risultavamo totalmente circondati.

Il Verona veniva da due grandi partite contro Inter e Roma, a cui erano corrisposti altrettanti furti con conseguenti sconfitte, ma la squadra specie a Roma aveva a tratti addirittura dominato, forte di ciò, in settimana avevo scommesso con un amico ****ntino che avremmo vinto noi per 2-0!

Ma finalmente ecco la partita!

Ricordo un inizio un po' timoroso nostro con due, tre grosse occasioni loro (tra cui un palo), la squadra che pian piano prende coraggio sul campo e noi con lei sugli spalti, un probabile rigore su Penzo (sempre di quell'insopportabile stopper lungo lungo) ovviamente non dato e finisce il primo tempo.

Non male, penso, in fin dei conti stiamo tenendo testa ai campioni d'Italia (e buona parte dei campioni del mondo), ma sarà lunga!

26 Settembre 1982, Verona-Juventus

Il secondo tempo attacchiamo sotto la curva, dopo un quarto d'ora tranquillo, Fanna parte in dribbling dalla sinistra, punta dritto la porta e spara infilando Zoff sul primo palo! Incredibile! Non sembra vero! Ma adesso si dovrà resistere mezz'ora!

È una sofferenza, gli altri ci tengono là e creano un paio di grosse occasioni, il tempo non passa, però un po' alla volta proviamo ad uscire, loro evidentemente stanno calando, riusciamo anche ad andare al tiro, manca sempre meno, dai, è quasi il novantesimo.

Proviamo un contropiede di alleggerimento, come sempre sale anche Tricella a dare man forte, arriva chiaramente spompato qualche metro fuori area spostato sulla sinistra, Sacchetti gli appoggia la palla e lui (da tutto destro) ci arriva col sinistro, come viene, male che vada finirà in curva e guadagneremo un po' di secondi.

Ma no! Quella palla invece di proseguire la sua corsa direzione Brigate decide di scendere e di infilarsi sotto l'incrocio! Nell'estasi orgasmica mi rendo conto che attorno a me sono quasi tutti a testa bassa, fantastico!

Ormai si aspetta solo il fischio finale (dato che il quarto uomo con tanto di lavagna luminosa era ben lungi dall'essere partorito), sarà il novantunesimo, boh, ecco che su una mancata presa di Garella subiamo il gol, 2-1, ma è subito finita!

Uscendo dallo stadio mi torna improvvisamente in mente la scommessa con l'amico, il 2-0! Porco cane l'ho persa per un minuto! Ma chissenefrega! Alè, alè!



Hellastory, 09/01/2022
Serie A 1982/83 | 3a giornata | 26/9/1982
AC VERONA HELLAS
AC VERONA HELLAS
2
  JUVENTUS FC
JUVENTUS FC
1
63' P.Fanna, 89' R.Tricella marcatori 90' P.Rossi
C.Garella; L.Marangon (I), E.Oddi, L.Spinosi, R.Tricella; A.Di Gennaro, D.Volpati; J.Dirceu, P.Fanna (90' A.Fedele), D.Penzo (87' M.Gibellini), L.Sacchetti   Zoff, Gentile, Cabrini, Furino, Brio, Scirea, Marocchino, Boniek, P.Rossi, Platini, Bettega
O.Bagnoli ALL Trapattoni

Arbitro
P.Casarin (Milano - MI)
Note
La partita: gara a 2 facce: primo tempo di marca juventina (con un palo di Boniek) e ripresa dominata dai veronesi che vincono con pieno merito. I gol. 1-0: lancio di Dirceu per Fanna che dribbla Cabrini e indovina un diagonale vincente; 2-0 contropiede di Sacchetti per Tricella che batte Zoff di sinistro; 2-1 Garella non trattiene un tiro di Boniek e Rossi firma la rete bandiera.






SETTI ACCOMPAGNA IN B IL VERONA


Dopo la decima, gravissima sconfitta consecutiva, il Verona è quasi condannato. E pensare che lo Spezia, per condizione e posizione di classifica, avrebbe potuto essere l'avversario più adatto per chiudere decentemente l'anno solare ed accendere speranze di salvezza. Invece no, ci sono stati superiori non solo nel risultato ma anche nel gioco e in intensità. Il Verona sta pagando le sciagurate scelte societarie, come ha ammesso Marroccu dopo Monza. Setti invece, che vive evidentemente in un altro pianeta, non si rende conto di quello che ha combinato e nemmeno perché, chiunque a Verona raggiunge un certo livello qualitativo, poi chiede di andare via. Non si rende conto che è lui l'artefice di questa condizione di precarietà che non consente di trovare in questa società la propria dimensione sportiva. E per questo, ogni anno batte cassa frettolosamente al valore acquisito, vivendo di nuove scommesse e di improvvisazione. In effetti, a voler essere precisi, non è ancora stato chiarito se tutto ciò dipenda da costanti bisogni personali, oppure dalla sua supponenza (sono il Presidente che ha disputato più stagioni in serie A, conosco il calcio meglio di tutti voi ...). Fatto sta che questa volta Longo, D'Amico e Tudor hanno capito in fretta quello che sarebbe successo di lì a qualche mese e, vista l'impossibilità di proteggere un giocattolo troppo prezioso per le sue mani grezze, si sono defilati con lungimiranza. Come se uno, vincendo casualmente alla lotteria, finisce per sprecare tutto e si riduce a chiedere l'elemosina sotto i ponti. Povero e abbandonato. Forse perché erano proprio loro la componente saggia e competente della società, quella che ha permesso di rivalutare fino a quel punto il Verona. Loro, e non certo Setti che ha solo avuto la fortuna di averli per sè. Comunque, tutti i nodi sono venuti rapidamente al pettine: ceduti male Barak, Simeone, Caprari e Casale, rimpiazzati solo numericamente con giocatori scadenti (alcuni persino pagati cari), preso Marroccu come suo braccio destro (velocissimo a squalificarsi nel giro di poche settimane) e infine scelto Cioffi per l'ennesima scommessa assurda anche se l'ambiente, svilito e senza indirizzo, stava cercando invece disperatamente continuità, esperienza e buon senso. Cosa è rimasto di quel Verona che tanto ci ha divertito e sentiti rispettati? Niente. Per non parlare della soluzione frettolosa e senza alcuna logica di affidare la squadra a Bocchetti, che non ha niente a che vedere con quella adottata dal Monza con Palladino. Infatti, il povero cristo è stato assunto a uomo simbolo della società dopo essere stato prima dirottato in Primavera e poi, come un profeta, beneficiario di addirittura 5 anni di contratto. Lui che non ha neppure il patentino da allenatore. Ora cosa ci aspetta? un lento ed umiliante cammino verso l'inferno o abbiamo ancora qualche briciolo di speranza di salvezza?

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7876 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-12-02 06:34:03'} - {ts '2022-12-02 13:34:03'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022