VERONA - INTER - Hellas Verona: Accadde Oggi su HELLASTORY.net
  domenica 13, h 15:00  

HELLAS VERONA

1
SPEZIA2

PROSSIMO IMPEGNO
  mercoledì 4, h 14:30  
TORINO 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Accadde Oggi

VERONA - INTER

BESTIARIO GIALLOBLU

Non serve essere appassionati di statistica per sapere che l'Inter è sempre stata la “bestia nera” del Verona, tuttavia una rapida occhiata ai numeri ci eviterà di cadere nel tranello del “sentito dire”. Nella sua storia, il Verona ha incontrato l'Internazionale (o Ambrosiana, come fu ribattezzata dal 1928 al 1945 in ossequio alla epurazione lessicale fascista) per 77 volte, cogliendo solo 8 vittorie e 22 pareggi contro ben 47 sconfitte. Gol fatti 57, gol subiti 145. Un bilancio che definire impietoso è essere generosi.

Se ci limitiamo alle partite casalinghe di serie A, i precedenti sono 28, con solo 4 vittorie gialloblù, 9 pareggi e 15 vittorie dei nerazzurri. Anche qui, inutile dirlo, si tratta di un record negativo: nessuna squadra ha mai ottenuto tante vittorie in serie A sul campo di Verona quanto l'Inter.

Se negli anni Settanta e Ottanta perlomeno ogni tanto il Verona si toglieva lo sfizio di fare uno sgambetto all'Inter, nel Terzo Millennio non abbiamo ancora colto una vittoria. Non che le occasioni siano poi state tante, vista la lunga militanza gialloblù in altri campionati, ma anche in quei pochi confronti non ci siamo mai particolarmente distinti. Il 7 febbraio 2016, il Verona di Del Neri, mestamente ultimo in classifica e appena reduce dalla prima vittoria in campionato con l'Atalanta, sfiorò un colpaccio che aveva dell'incredibile rimontando il gol iniziale di Murillo con le reti di Helander, Pisano e Ionita. Icardi e Perisic siglarono invece il 3-3 finale. Che, a scanso di equivoci, rappresenta l'unico punto ottenuto al Bentegodi contro l'Inter in questo Millennio. Il pari per 2-2 del 5 novembre 2000, firmato dalle reti di Bonazzoli e Italiano, va catalogato nel tramonto del Secondo Millennio.

L'ultima vittoria del Verona è targata 2 febbraio 1992, rete di Ezio Rossi, ed è anche l'ultima illusione gialloblù in quel campionato iniziato con Fascetti e finito con Liedholm e Corso. Chi si era sfregato le mani per la prestazione di Stojkovic contro l'Inter (nonostante un rigore fallito), si dovette ricredere nel giro di poche giornate.

ELKJAER SINDACO

VERONA - INTER

Nel ripercorrere le rare vittorie dell'Hellas contro l'Inter, non si può mancare di ricordare subito la doppietta di Preben Elkjaer dell'11 febbraio 1987. Per i nostalgici che vogliono riassaporare il clima piuttosto “rovente” di quella domenica, nonostante la coltre di neve sul Bentegodi, qui si può leggere il Flashback di Davide.

Era l'ultima giornata di andata del campionato 1986-87 e l'Inter si presentava al Bentegodi da capoclassifica, avendo appena agganciato in vetta il Napoli sconfitto a Firenze la domenica prima. Era stato un gol di Pierino Fanna contro l'Atalanta a regalare ai nerazzurri il primato. “Spillo” Altobelli aveva illuso i tifosi interisti alla mezzora circa, inzuccando in rete un cross di Rumenigge sporcato da Ferroni, sul quale Giuliani rimase un po' impalato fra il ghiaccio della linea di porta. Il Napoli stava ancora pareggiando 0-0 contro l'Ascoli al San Paolo, e l'Inter era virtualmente campione d'inverno.

Ma la formazione di Trapattoni non aveva ancora fatto i conti con Elkjaer. La rete dell'1-1 fu un vero capolavoro d'astuzia: verticalizzazione di Tricella nello spazio creato da Paolo Rossi, Elkjaer si inserisce sul filo del fuorigioco mentre Riccardo Ferri arranca in ritardo. Il danese potrebbe girarsi e battere di prima intenzione, invece compie un capolavoro di freddezza stoppando col sinistro, aggiustandosi la palla col destro e battendo in rete ancora di destro fra le gambe di Zenga. Il tutto in un movimento così rapido da far perdere l'equilibrio a Ferri che finisce a terra faccia in avanti, e viene immortalato dai fotografi come se fosse un portiere ai piedi di Elkjaer.

VERONA - INTER

Infine, a due minuti dal termine, il danese segna la rete del definitivo 2-1 infilando nell'angolino uno spiovente in area di Di Gennaro su punizione calciata dalla trequarti. Nel frattempo, al San Paolo, Ciro Muro aveva dato il via al 3-0 del Napoli sull'Ascoli, regalando ai partenopei il titolo di campione d'inverno, con 2 lunghezze di vantaggio sull'Inter.

Fu in occasione di quell'incontro che nacque, o perlomeno trovò legittimazione piena, il coro “Elkjaer Sindaco”, slogan figlio della doppietta sotto la neve dell'attaccante gialloblù, ma anche dell'evidente contestazione della curva nei confronti del sindaco Sboarina, che era schierato apertamente contro gli atti vandalici di Brescia di due settimane prima.

BUSATTA “A FREDDO”

Nel campionato 1976-77 l'Inter arriva al Bentegodi alla terza giornata del girone di andata. La difesa del Verona è sotto processo: 6 reti incassate nelle prime due uscite di campionato, 3 ad opera del Bologna (pareggio 3-3 all'esordio al Bentegodi) e altre 3 (senza segnarne alcuna) a Napoli. Valcareggi si affida al neoacquisto Logozzo per blindare la difesa contro l'Inter, affidandogli il compito di controllare Libera, su Anastasi invece si sistema Bachlechner. A centrocampo invece Maddè si occupa di Sandro Mazzola, alla sua ultima stagione, mentre Oriali azzanna le caviglie di Zigoni.

VERONA - INTER

Al minuto 13, su calcio d'angolo guadagnato da Zigoni con un tiro deviato da Bordon, il Verona passa in vantaggio. Pierluigi Busatta sbuca sul primo palo e inzucca in anticipo su Marini. La palla si infila sul secondo palo con Bordon immobile.

Al 35', dopo l'ennesimo fallo di Oriali su Zigoni, il numero 10 gialloblù perde le staffe e assesta una mano in faccia a Claudio Merlo, reo probabilmente di averlo invitato a non fare sceneggiate. Merlo non fa molta resistenza e finisce a terra come un sacco di patate. Affidiamo il racconto alla penna di Giorgio Gandolfi dalle pagine de La Stampa: “Non era una carezza, ma neppure un crochet. Merlo comunque si lasciava cadere a terra come se fosse stato fulminato: ma dove sono gli atleti di un tempo?”. In ogni caso l'arbitro Gonella opta per la doppia espulsione, provvedimento che penalizza di più il Verona, dato che Merlo, fino a quel momento, aveva dato l'impressione di fare lo spettatore non pagante.

Nella ripresa, il Verona soffre ma contiene le sfuriate interiste: Anastasi colpisce il palo, Pavone centra la traversa di testa. La palla ricade sulla riga, ovviamente a qualche nerazzurro pare oltre la linea, ma Gonella lascia proseguire. Il Verona si impone per 1-0. Da notare che anche al ritorno i gialloblù usciranno imbattuti da San Siro, impattando per 0-0.

Paolo



Hellastory, 07/07/2020
Cerca...

09/09/2022   LAZIO - VERONA
18/02/2022   ROMA - VERONA
04/02/2022   JUVENTUS - VERONA
22/01/2021   VERONA - NAPOLI
07/07/2020   VERONA - INTER
01/07/2020   VERONA - PARMA
17/01/2020   BOLOGNA - VERONA
13/03/2019   VERONA - ASCOLI
17/02/2017   VERONA - SPAL
21/10/2016   VERONA - PRO VERCELLI
13/02/2015   GENOA - VERONA
06/02/2015   VERONA - TORINO
12/12/2014   UDINESE - VERONA
05/12/2014   VERONA - SAMPDORIA
21/11/2014   VERONA - FIORENTINA
07/11/2014   INTER - VERONA

SETTI ACCOMPAGNA IN B IL VERONA


Dopo la decima, gravissima sconfitta consecutiva, il Verona è quasi condannato. E pensare che lo Spezia, per condizione e posizione di classifica, avrebbe potuto essere l'avversario più adatto per chiudere decentemente l'anno solare ed accendere speranze di salvezza. Invece no, ci sono stati superiori non solo nel risultato ma anche nel gioco e in intensità. Il Verona sta pagando le sciagurate scelte societarie, come ha ammesso Marroccu dopo Monza. Setti invece, che vive evidentemente in un altro pianeta, non si rende conto di quello che ha combinato e nemmeno perché, chiunque a Verona raggiunge un certo livello qualitativo, poi chiede di andare via. Non si rende conto che è lui l'artefice di questa condizione di precarietà che non consente di trovare in questa società la propria dimensione sportiva. E per questo, ogni anno batte cassa frettolosamente al valore acquisito, vivendo di nuove scommesse e di improvvisazione. In effetti, a voler essere precisi, non è ancora stato chiarito se tutto ciò dipenda da costanti bisogni personali, oppure dalla sua supponenza (sono il Presidente che ha disputato più stagioni in serie A, conosco il calcio meglio di tutti voi ...). Fatto sta che questa volta Longo, D'Amico e Tudor hanno capito in fretta quello che sarebbe successo di lì a qualche mese e, vista l'impossibilità di proteggere un giocattolo troppo prezioso per le sue mani grezze, si sono defilati con lungimiranza. Come se uno, vincendo casualmente alla lotteria, finisce per sprecare tutto e si riduce a chiedere l'elemosina sotto i ponti. Povero e abbandonato. Forse perché erano proprio loro la componente saggia e competente della società, quella che ha permesso di rivalutare fino a quel punto il Verona. Loro, e non certo Setti che ha solo avuto la fortuna di averli per sè. Comunque, tutti i nodi sono venuti rapidamente al pettine: ceduti male Barak, Simeone, Caprari e Casale, rimpiazzati solo numericamente con giocatori scadenti (alcuni persino pagati cari), preso Marroccu come suo braccio destro (velocissimo a squalificarsi nel giro di poche settimane) e infine scelto Cioffi per l'ennesima scommessa assurda anche se l'ambiente, svilito e senza indirizzo, stava cercando invece disperatamente continuità, esperienza e buon senso. Cosa è rimasto di quel Verona che tanto ci ha divertito e sentiti rispettati? Niente. Per non parlare della soluzione frettolosa e senza alcuna logica di affidare la squadra a Bocchetti, che non ha niente a che vedere con quella adottata dal Monza con Palladino. Infatti, il povero cristo è stato assunto a uomo simbolo della società dopo essere stato prima dirottato in Primavera e poi, come un profeta, beneficiario di addirittura 5 anni di contratto. Lui che non ha neppure il patentino da allenatore. Ora cosa ci aspetta? un lento ed umiliante cammino verso l'inferno o abbiamo ancora qualche briciolo di speranza di salvezza?

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7876 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-12-02 06:14:21'} - {ts '2022-12-02 13:14:21'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022