VERONA - SAMPDORIA - Hellas Verona: Accadde Oggi su HELLASTORY.net
  domenica 13, h 15:00  

HELLAS VERONA

1
SPEZIA2

PROSSIMO IMPEGNO
  mercoledì 4, h 14:30  
TORINO 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Accadde Oggi

VERONA - SAMPDORIA


VERONA - SAMPDORIA

Attaccanti a valanga: Emanuele Del Vecchio e Giorgio Mariani

In epoca di vacche magre (3 punti nelle ultime 7 giornate) a volte basta poco per trovare conforto. Lo cerchiamo nei numeri delle sfide casalinghe contro la Sampdoria. Lunedì sera si giocherà a Verona per la 21ma volta in serie A, e la tradizione è decisamente positiva: nei 20 precedenti si possono contare 10 vittorie gialloblu e 9 pareggi, e una sola sconfitta, che risale al 13 aprile 1969 quando i blucerchiati si imposero per 3-0 con una doppietta di Vieri e una rete di Francesconi.

Era quella la seconda sfida a Verona in serie A; la prima gara coincise invece con uno dei record segnalati recentemente da Carlo nel suo maestoso excursus enciclopedico sulle 800 partite dell'Hellas in serie A. Il 9 febbraio 1958, nel vecchio Bentegodi, il brasiliano Emanuele Del Vecchio schiantò la Samp con 5 reti, un record tuttora imbattuto nella storia gialloblu. E dire che la Samp era stata in vantaggio 2-0 e ancora al 55' era in vantaggio 3-2. Poi Del Vecchio, che già aveva segnato una doppietta, si scatenò con altre 3 reti siglando una vittoria dai contorni quasi epici. Al termine di quella giornata, il Verona si insediò al quinto posto in classifica, a 21 punti, in compagnia del Vicenza vittorioso a Bergamo per 4-2, e della Roma sconfitta a Padova 3-0. Chi avrebbe potuto immaginare che la squadra gialloblu sarebbe scivolata, in soli 4 mesi, dal quinto all'ultimo posto? Ma di come finì quella incredibile stagione abbiamo già parlato in occasione della presentazione della partita di Bergamo.

Verona – Sampdoria ha spesso ispirato i bomber gialloblu: 14 anni dopo Del Vecchio, il 26 marzo 1972, vive la sua giornata di gloria Giorgio Mariani, che con un tripletta stende la Samp nella partita della svolta della stagione 71-72, come ha raccontato Massimo qualche tempo fa in questo ottimo flashback.

La Samp riuscì a risvegliare l'istinto al gol sopito di questo attaccante modenese che fino a quel giorno aveva abbastanza deluso le aspettative; chissà che lo stesso non capiti quest'anno per il suo conterraneo Luca Toni che, dopo i “botti” della scorsa stagione, sta vivendo un periodo non felicissimo in zona gol. Doveroso il ricordo di Giorgio Mariani in questa occasione, visto che Verona - Sampdoria si giocherà a 3 anni esatti dalla scomparsa dell'ex attaccante gialloblu: Mariani è morto, nella sua Sassuolo, l'8 dicembre del 2011 ad appena 65 anni.

Una maglia “scaramanticamente ripudiata”

VERONA - SAMPDORIA

L'anno dello scudetto gialloblu, stagione 1984-85, si giocò al Bentegodi nel girone d'andata, il 18 novembre 1984. Finì 0-0, e la gara è ricordata anche per la nuova maglia sfoggiata nell'occasione dalla squadra di Bagnoli. Anche qui ci viene in aiuto Massimo, che così scriveva nello Speciale 84-85:
“Oddio, da lontano sembra di vedere il solito blu dominante ma oggi le righe gialle sono trasversali invece che verticali.”

Il Verona veniva da 4 vittorie su 4 nelle partite casalinghe, contro Napoli, Udinese, Juventus e Fiorentina. Lo 0-0 interrompe la striscia positiva gialloblu, anche se la squadra di Bagnoli conserva il primato in classifica con 15 punti, davanti al Torino con 14: una giornata di campionato quindi positiva. Probabilmente i giocatori gialloblu non la pensarono allo stesso modo, dato che si rifiutarono di indossare ancora la maglia con le righe trasversali, per questioni scaramantiche. In assenza degli avatar da cambiare, ci si arrangiava come si poteva...

Sul campo, la gara con la Samp fu tutt'altro che deludente, nonostante il punteggio a reti inviolate. Nel primo tempo Bruni colpì un palo, ma dalla parte opposta Garella dovette esibirsi in almeno 3 difficili interventi e Ferroni (ex di turno) salvò un gol già fatto sulla riga. Nella ripresa uscì fuori la maggior qualità del Verona, che ebbe la migliore occasione con Galderisi, su cui Bordon si produsse in un'uscita decisiva. Come disse poi Bagnoli ai microfoni di Giampiero Galeazzi, “l'equilibrio si è visto in campo”.

Genova (blucerchiata) “me genuit”

VERONA - SAMPDORIA

La storia dei confronti fra Verona e Sampdoria è fatta di grandi imprese di attaccanti, ma anche di ex difensori blucerchiati che approdano in maglia gialloblu.

Uno di questi, Piergiorgio Negrisolo, arriva a Verona nella stagione 1976-77, dopo 5 stagioni alla Sampdoria e 3 alla Roma. Negrisolo, mantovano di Viadana classe 1950, aveva esordito in A con la Sampdoria il 6 ottobre 1968 contro il Torino. Per lui complessivamente 3 stagioni con il Verona, con 77 presenze in serie A. Durante queste stagioni, Negrisolo non riuscì ad incontrare la sua ex squadra al Bentegodi: nella gara del 3 aprile 1977, terminata 2-2, era assente per un infortunio rimediato a Perugia 7 giorni prima. La Samp passò in vantaggio 2 volte, prima con il giovanissimo Alviero Chiorri, appena 17 anni, ma già alla seconda marcatura in serie A, e poi con Tuttino. Il Verona rimontò due volte con Luppi prima e Fiaschi poi. Alla fine della stagione la Sampdoria si classificò terzultima e retrocesse in serie B.

Dopo di Negrisolo, analogo percorso fa Mauro Ferroni, una vita nella società doriana, con cui debutta in serie A nella stagione 1975-76 contro la Lazio, e gioca per ben 8 stagioni, fino al 1982-83. Nella stagione 1983-84 Ferroni passa in gialloblu e sarà uno dei grandi protagonisti dello scudetto un paio di stagioni più tardi.

Nella stagione 1991-92, il Verona di Eugenio Fascetti, appena tornato in A, si affida ad una difesa tutta nuova con elementi di esperienza come Celeste Pin, Alessandro Renica e Luca Pellegrini. Gli ultimi due entrambi ex della Sampdoria e, guarda caso, entrambi hanno debuttato in serie A con la squadra ligure. Per Alessandro Renica, nato ad Anneville in Francia ma a tutti gli effetti veronese, è l'occasione per tentare la rivincita in casa dopo essere stato “scaricato” dal Napoli senza troppi complimenti: “Ci tengo moltissimo a far bene a Verona e non dimentico di avere stampato in testa che nessuno è profeta in patria” . Così dichiarava Renica per il supplemento de L'Arena in presentazione della stagione 1991-92.

In redazione è calato il gelo quando si è parlato di Fabrizio Cacciatore, ma è giusto citare anche lui in questo elenco. Magari non rimarrà nella memoria dei tifosi come uno dei migliori terzini destri della storia gialloblu, ma il suo apporto alla promozione in serie A l'ha dato anche lui. Il suo gol alla Pro Vercelli su assist di Sgrigna fu fondamentale per sbloccare una gara decisiva per la promozione diretta dell'Hellas. Anche Cacciatore ha esordito in A con la Sampdoria, nella stagione 2009-10, con Del Neri in panchina, per poi transitare da Siena e Varese prima di approdare al Verona, dove è rimasto fino alla scorsa estate, prima del ritorno a Genova. Lunedì sera Cacciatore sarà l'unico ex della partita.

* * *

La vittoria nel turno di Coppa Italia è un brodino che può costituire uno stimolante per l'appetito, sempre se Mandorlini saprà finalmente uscire dall'imbarazzo tattico che sembra attanagliare la squadra negli ultimi tempi. Non sarà un caso se l'ultima vittoria del Verona coincide anche con l'ultima occasione in cui la porta di Rafael è rimasta inviolata. Sono passati 2 mesi da quel successo sul Cagliari. In casi come questi servirebbe anche un po' di fortuna, quella che ad esempio lo scorso anno aiutò Toni in occasione del gol del raddoppio: dopo aver clamorosamente ciccato la prima conclusone al volo, il bomber gialloblu si trovò nuovamente la palla fra i piedi. Vuoi vedere che la fortuna aiuta gli audaci?

Paolo

(La foto di Elkjaer con la maglia del 18 ottobre 1984 è tratta dal sito primoluglio2004.it)



Hellastory, 05/12/2014
Cerca...

09/09/2022   LAZIO - VERONA
18/02/2022   ROMA - VERONA
04/02/2022   JUVENTUS - VERONA
22/01/2021   VERONA - NAPOLI
07/07/2020   VERONA - INTER
01/07/2020   VERONA - PARMA
17/01/2020   BOLOGNA - VERONA
13/03/2019   VERONA - ASCOLI
17/02/2017   VERONA - SPAL
21/10/2016   VERONA - PRO VERCELLI
13/02/2015   GENOA - VERONA
06/02/2015   VERONA - TORINO
12/12/2014   UDINESE - VERONA
05/12/2014   VERONA - SAMPDORIA
21/11/2014   VERONA - FIORENTINA
07/11/2014   INTER - VERONA

SETTI ACCOMPAGNA IN B IL VERONA


Dopo la decima, gravissima sconfitta consecutiva, il Verona è quasi condannato. E pensare che lo Spezia, per condizione e posizione di classifica, avrebbe potuto essere l'avversario più adatto per chiudere decentemente l'anno solare ed accendere speranze di salvezza. Invece no, ci sono stati superiori non solo nel risultato ma anche nel gioco e in intensità. Il Verona sta pagando le sciagurate scelte societarie, come ha ammesso Marroccu dopo Monza. Setti invece, che vive evidentemente in un altro pianeta, non si rende conto di quello che ha combinato e nemmeno perché, chiunque a Verona raggiunge un certo livello qualitativo, poi chiede di andare via. Non si rende conto che è lui l'artefice di questa condizione di precarietà che non consente di trovare in questa società la propria dimensione sportiva. E per questo, ogni anno batte cassa frettolosamente al valore acquisito, vivendo di nuove scommesse e di improvvisazione. In effetti, a voler essere precisi, non è ancora stato chiarito se tutto ciò dipenda da costanti bisogni personali, oppure dalla sua supponenza (sono il Presidente che ha disputato più stagioni in serie A, conosco il calcio meglio di tutti voi ...). Fatto sta che questa volta Longo, D'Amico e Tudor hanno capito in fretta quello che sarebbe successo di lì a qualche mese e, vista l'impossibilità di proteggere un giocattolo troppo prezioso per le sue mani grezze, si sono defilati con lungimiranza. Come se uno, vincendo casualmente alla lotteria, finisce per sprecare tutto e si riduce a chiedere l'elemosina sotto i ponti. Povero e abbandonato. Forse perché erano proprio loro la componente saggia e competente della società, quella che ha permesso di rivalutare fino a quel punto il Verona. Loro, e non certo Setti che ha solo avuto la fortuna di averli per sè. Comunque, tutti i nodi sono venuti rapidamente al pettine: ceduti male Barak, Simeone, Caprari e Casale, rimpiazzati solo numericamente con giocatori scadenti (alcuni persino pagati cari), preso Marroccu come suo braccio destro (velocissimo a squalificarsi nel giro di poche settimane) e infine scelto Cioffi per l'ennesima scommessa assurda anche se l'ambiente, svilito e senza indirizzo, stava cercando invece disperatamente continuità, esperienza e buon senso. Cosa è rimasto di quel Verona che tanto ci ha divertito e sentiti rispettati? Niente. Per non parlare della soluzione frettolosa e senza alcuna logica di affidare la squadra a Bocchetti, che non ha niente a che vedere con quella adottata dal Monza con Palladino. Infatti, il povero cristo è stato assunto a uomo simbolo della società dopo essere stato prima dirottato in Primavera e poi, come un profeta, beneficiario di addirittura 5 anni di contratto. Lui che non ha neppure il patentino da allenatore. Ora cosa ci aspetta? un lento ed umiliante cammino verso l'inferno o abbiamo ancora qualche briciolo di speranza di salvezza?

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7876 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-12-02 07:55:02'} - {ts '2022-12-02 14:55:02'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022