lunedì 15, h 18:30  

HELLAS VERONA

2
NAPOLI5

PROSSIMO IMPEGNO
  domenica 21, h 20:45  
BOLOGNA 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Carl Attacks!

CARI PRESIDENTI...


CARI PRESIDENTI...
CARI PRESIDENTI...

Nel mese di marzo, appena trascorso, abbiamo ricordato la memoria di due grandi personaggi del mondo Hellas: il 20, il conte Arvedi, scomparso nel 2009 e il 25, Saverio Garonzi, che non è più tra noi dal 1986.
Sicuramente due figure che hanno lasciato il segno, nelle vicende della squadra, con i loro “estri” e le loro pittoresche esternazioni.
Del primo sappiamo tutto, la sua storia è abbastanza recente; del secondo, a quasi cinquant'anni dal suo ingresso in società, vorrei spendere poche parole, usando quelle di Valentino Fioravanti, cantore di storie gialloblu, ma soprattutto testimone oculare delle gesta del Commenda.
Così lo chiamavano gli amici, ma lui era anche don Saverio, per chi lo riteneva uomo di rispetto e per i suoi denigratori, che lo incolpavano di aver fatto il carrettiere, diventava “scuria”.

“Furbo uomo d'affari, con un fiuto incredibile per il guadagno immediato, semplice nei modi, umile nell'affrontare i potenti, tirchio con gli stipendiati, pronto a dar battaglia per mille lire, ricorreva con astuzia alle cambiali da rinnovare, ai postdatati, ai giuramenti sulle tombe dei parenti, ai segni della croce, alle finte lacrime, alle suppliche. Pur di ottenere sconti e dilazioni di pagamento don Saverio era protagonista di sceneggiate che avrebbero fatto impallidire persino Merola.
Gran cacciatore di soldi, cercava guadagni anche quando andava in latteria a mangiarsi una brioche col caffelatte, tra i suoi cibi preferiti.
Ci teneva all'eleganza. Sfoggiava con orgoglio le giacche di cachemire dal taglio perfetto, confezionate dal sarto Bruno Passarin, camicie di buona fattura, scarpe di marca, lucide come specchi. Senza figli, univa alla passione per il denaro anche un trasporto per il bel sesso femminile”.

Aggiungeva Fiumi, suo fidato segretario: “Garonzi non era una persona facile. Era tumultuoso, spesso combinava pasticci, era capace di cambiare albergo per mille lire, di scartare un ristorante perchè metteva troppo cara l'acqua minerale. Alle volte venivo preso da crisi depressive. Le combattevo coltivando fiori nel giardino di casa”.

Di lui, però, si parlerà per sempre, per la famosa telefonata a Clerici alla vigilia di un Verona-Napoli del '74, per indurlo a giocare in modo blando e comunque senza infierire sulla sua ex squadra.
Sarebbe bastato a Garonzi affermare di averlo chiamato per salutarlo e non sarebbe successo niente, ed invece, davanti al procuratore federale negò di aver compiuto la telefonata, firmando in tal modo la sua condanna e la conseguente retrocessione della squadra.

Ma quasi vent'anni prima anche un altro Presidente, di ben altro lignaggio, si trovò al centro di un piccolo scandalo. Lo riporto qui perchè si riferisce ad un Brescia-Verona di tanti anni fa.

E' la primavera del 1955.
Il presidente del Consiglio di reggenza del Brescia, Carlo Beretta, denuncia un tentativo di corruzione subìto da un suo giocatore, il mediano ex interista Fattori, ad opera di un emissario del Verona. Le due squadre militano in B, l'uomo-chiave risulta essere un dirigente della Mondadori di Verona, Palumbo, che ha proposto a Fattori un impegno all'acqua di rose nel match tra la sua squadra e il Verona, con la prospettiva di dividere un milione e mezzo di lire col compagno Castoldi, a condizione ovviamente della compiacenza anche di quest'ultimo. Al momento di stringere il patto scellerato, il Fattori si è trovato di fronte, assieme a Palumbo, anche un alto dirigente del Verona (il consigliere Cantini). L'affare si complica quando lo stesso Cantini, prima ancora che l'inchiesta prenda il via, sporge regolare denuncia alla commissione di controllo, accompagnato da un uomo di fiducia del presidente del Verona, Giorgio Mondadori. Cantini spiega di essersi recato sul luogo dell'accordo allo scopo di... verificare se davvero Fattori e Castoldi erano disponibili all'inghippo. Quando si va in campo, il Brescia vince 3-2 (n.d.r.: era il 10 aprile 1955).
In aula, invece, il Verona se la cava: il processo infatti si chiude con la semplice deplorazione della società, considerata estranea all'operato del suo consigliere Cantini, che viene inibito per tre anni (invece di... verificare, avrebbe dovuto denunciare immediatamente il tentativo di illecito).
Ugualmente inibito Palumbo (licenziato in seguito dalla Mondadori) e deplorato il bresciano Fattori, per ritardata denuncia.
A vincere, in definitiva, è la... banda degli onesti.

CARLO

[Vai alla pagina dell'Almanacco]



Hellastory, 04/04/2012

UNA REGOLA SBAGLIATA CHE PUO' DANNEGGIARE IL VERONA


Lo spettacolare pareggio dell'Olimpico con la Lazio chiude adeguatamente una stagione strepitosa. Tudor, stupendo condottiero, ha migliorato la posizione di classifica dell'anno scorso, ha ottenuto il record di gol realizzati (65) e sigillato il saldo positivo reti fatte/subite (+ 6), risultato questo non riuscito né a Mandorlini (-6) né a Juric (- 2 e -4) prima di lui. Adesso però inizia una settimana decisiva per capire cosa farà, quando scioglierà la riserva circa la permanenza o meno in gialloblu. Perso D'Amico, la questione che tiene in sospeso tutti non è un problema di soldi, contano le sensazioni. Bisogna vedere se ci sono i presupposti. Da cosa scaturisce questo stato di incertezza? Tutto ci porta ad affrontare un periodo di incertezza societaria che non aiuterà certo a lavorare con la stessa serenità che ha trovato e che, infondo, ha agevolato il conseguimento di prestazioni di questo rilievo. Non c'è alcun dubbio che D'Amico, anche lui sotto contratto, abbia colto l'opportunità Atalanta anticipando in tal modo la conclusione di un ciclo. Un ciclo vincente, aggiungo, visti gli splendidi risultati ottenuti non solo sul campo (grande calcio, 1 promozione e 3 piazzamenti stabilmente tra il 9º e il 10º posto), ma anche e soprattutto dal punto di vista della rivalutazione della rosa e degli indici di bilancio. D'Amico, direttore sportivo silenzioso e scrupoloso, è stato anche in grado di porre rapido rimedio nei rari errori di valutazione (l'esonero veloce di Di Francesco e l'aver tolto dal mercato Tameze in agosto quando ci si è accorti che Hongla non avrebbe risposto subito alle aspettative). Ora però se ne sta aprendo un altro di difficile valutazione. Non tanto perché Marroccu, che è comunque un dirigente esperto, valga meno di D'Amico, quanto per il contesto in cui si troverà ad operare. E Tudor deve stabilire se valga la pena oppure no restare alle nuove condizioni.

[continua]
Qual è stato il miglior gialloblu in campo in H.Verona-Napoli?

H.Verona    Napoli


Amione B.

Barák A.

Dawidowicz P.

Duric M.

Faraoni M.

Günter K.

Henry T.

Hongla M.

Ilic I.

Lasagna K.

Lazovic D.

Montipò L.

Piccoli R.

Retsos P.

Tamèze A.


 


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]



HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7771 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-08-19 08:56:33'} - {ts '2022-08-19 15:56:33'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022