INTER - VERONA - Hellas Verona: Accadde Oggi su HELLASTORY.net
  domenica 13, h 15:00  

HELLAS VERONA

1
SPEZIA2

PROSSIMO IMPEGNO
  mercoledì 4, h 14:30  
TORINO 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Accadde Oggi

INTER - VERONA


INTER - VERONA

Scherza coi fanti ma lascia stare i santi

Milano è una delle trasferte più classiche e prestigiose, di quelle che abbiamo a lungo sognato di poter riaffrontare quando eravamo in Lega Pro e in serie B. L'anno scorso, il ritorno alla “scala del calcio” non è stato particolarmente fortunato: 2 sconfitte su 2. E quest'anno già mette apprensione l'idea di dover giocare contro l'Inter a soli 15 giorni di distanza dal rovescio di Napoli. Da San Paolo a San Siro, mi fa notare Massimo: com'è che con i santi non abbiamo particolare feeling? Bisognerebbe forse affidarsi a San Zeno, il nostro patrono “moro”, che l'iconografia ci ha tramandato come un buon pescatore (in una delle formelle sui battenti della porta di San Zeno il vescovo è raffigurato mentre pesca in riva all'Adige). La pazienza non gli mancava, né deve mancare a noi tifosi. Icio e Valeriano, sul guestbook, facevano notare che a Milano vincono cani e porci: verrà anche il nostro momento?

I numeri dicono che domenica scenderemo a San Siro per la 50ma volta in serie A, un traguardo significativo. Nei 49 precedenti, 24 con il Milan e 25 con l'Inter, non ci è mai riuscito il colpaccio. Per la legge dei grandi numeri, prima o poi dovrà capitare. Meglio prima che poi ma, non illudiamoci, non saranno né i numeri né le solite voci di una squadra contro il proprio allenatore (Mazzarri) a darci una mano: come sempre, il Verona dovrà guadagnarsi tutto da solo.

Per la precisione, siamo soliti riferirci allo stadio di Milano come “San Siro” ma, dal 1980, lo stadio è stato intitolato a Giuseppe Meazza, leggenda nerazzurra che ha vinto i Mondiali del 1934 e del 1938 con la maglia azzurra. San Siro o Meazza che si voglia chiamarlo, nello stadio milanese abbiamo dei precedenti sconfortanti: su 25 gare in serie A con l'Inter abbiamo raccolto la miseria di 10 pareggi e 15 sconfitte e, soprattutto, abbiamo segnato solo 7 gol. A questo punto, gli “eroi” che hanno violato la porta nerazzurra meritano una citazione d'obbligo: il primo fu Maddè il 19 gennaio 1969, poi Reif, Guidetti, Elkjaer, Maniero e, per finire, Martinho e Romulo lo scorso anno.

Il Verona di Valcareggi “nemico” dello 0-0

INTER - VERONA

A San Siro abbiamo già affrontato l'Inter alla stessa data del 9 novembre, per l'esattezza correva l'anno 1975, ed era la quinta giornata. I nerazzurri allenati da Chiappella ci rifilarono un rotondo 3-0, maturato tutto nella ripresa con le reti di Boninsegna, Mazzola e Bertini. Comunque vada quest'anno, sarà pressoché impossibile che l'Inter ci rifili 3 reti con 3 italiani diversi: è un altro mondo.

Vale la pena riportare un estratto della cronaca - piuttosto poetica - di Gian Maria Madella su L'Unità:
Un Verona che male non gioca, al contrario, ma becca regolarmente per l'apertura di gioco che offre a chi appena la sa sfruttare. Domenica ne ha presi quattro, oggi tre. E sempre giocando la palla, senza chiudersi un momento nel suo bozzolo più giallo che blu. In casa col Napoli doveva far calcio. Oggi a San Siro avrebbe potuto non farlo e nessuno lo avrebbe condannato. Ora, è da stabilire se sia meglio offrire spettacolo, come oggi a San Siro — una bella partita — e farsi travolgere tra gli applausi, o riedire il gioco italiano del meno ti scopri. Il pubblico sentenzierà nel prosieguo, ma questo Verona, nemico dello zero a zero, a chi piace vedere giocare per lo scopo del gioco del calcio (la palla portata oltre i pali avversari), soddisfa e diverte. E' incredibile che in quella panchina ci stia Valcareggi!

Era un Verona che, come abbiamo già visto anche in altre occasioni (ad esempio il campionato 73-74) era partito piuttosto male, una sola vittoria nelle prime 5 partite. Va anche detto che il calendario gli aveva presentato nelle prime 5 giornate le trasferte contro Juventus, Roma e Inter. La salvezza arriverà solo all'ultima giornata, con la rimonta a Firenze da 2-0 a 2-2, che assicurerà il punto necessario a raggiungere quota 24. Per la cronaca, con buona pace di Gian Maria Madella, con Valcareggi in panchina il Verona pareggiò a reti bianche 2 volte nel 75-76 (a Bologna e in casa contro il Torino), e ben 17 volte nel biennio 1976-78.


Un uomo nella leggenda: Pezzella di Frattamaggiore

INTER - VERONA

Dicevamo prima che non è il caso di attenderci favori di sorta, né dalla cabala, né dai nostri avversari. Tantomeno dall'arbitro: se è vero che Michelotti ebbe il coraggio di assegnare al Verona un rigore a pochi minuti dal termine nel 1969 (poi fallito da Gianni Bui), è più frequente che venga “agevolata” la formazione interista. Come l'11 marzo del 2001, quando Saccani di Mantova assegnò un rigore a Vieri nonostante Ferron fosse nettamente uscito sul pallone.

Ma la giornata memorabile delle casacche nere in casa dell'Inter, ricordata anche da Carlo nel suo resoconto sui numeri delle 800 gare in A, fu il 15 settembre 1991. A San Siro arbitra Pezzella di Frattamaggiore, che crede di avere un conto aperto con la storia del football. Passano solo 2' e, per un fallo di Piubelli su Bianchi, Pezzella fischia il rigore; sul dischetto si presenta Lothar Matthäus, ma Attilio Gregori vola sulla sinistra e con la mano di richiamo sventa in angolo: da applausi.

Poco prima del riposo, nuovo penalty per atterramento di Berti; stavolta va sul dischetto Andreas Brehme che, qualora non bastasse, ha segnato il rigore con cui la Germania si è laureata campione del mondo un anno prima. Gregori para nuovamente, ma respinge la palla a centro area e, nonostante un disperato tentativo di anticipare in acrobazia i “centometristi” che si fiondano sul pallone, deve subire il tap-in vincente di Stefano Desideri.

Lo show di Pezzella è lontano dall'essere finito: nella ripresa assegna altri 2 calci di rigore, naturalmente tutti all'Inter. Il terzo della giornata lo calcia Ciocci che, evidentemente preoccupato dalla giornata di grazia del portiere gialloblu, spara fuori. Sul quarto rigore ci pensa Desideri, che completa la sua doppietta di giornata, anche se con il brivido, visto che la palla tocca il palo prima di finire in rete. Finisce con la vittoria dell'Inter per 2-0.

* * *

Inutile nascondersi, la tentazione di voler fare le vittime sacrificali prima ancora di giocare è palpabile. Scordiamoci i fasti degli anni Ottanta: è improbabile andare a Milano a giocarsela alla pari, ma almeno sul piano della grinta occorre fare gli straordinari. Nessuno si scandalizzerà se il Verona non facesse risultato, ma una buona fetta di credibilità su quanto la squadra sia “maturata” e si sia adattata alla serie A transita anche attraverso la prestazione. Magari una prestazione da “mastini”. Che poi, i mastini sono cani... una volta tanto si potrebbe fare a meno dei porci. O no?

Paolo



Hellastory, 07/11/2014
Cerca...

09/09/2022   LAZIO - VERONA
18/02/2022   ROMA - VERONA
04/02/2022   JUVENTUS - VERONA
22/01/2021   VERONA - NAPOLI
07/07/2020   VERONA - INTER
01/07/2020   VERONA - PARMA
17/01/2020   BOLOGNA - VERONA
13/03/2019   VERONA - ASCOLI
17/02/2017   VERONA - SPAL
21/10/2016   VERONA - PRO VERCELLI
13/02/2015   GENOA - VERONA
06/02/2015   VERONA - TORINO
12/12/2014   UDINESE - VERONA
05/12/2014   VERONA - SAMPDORIA
21/11/2014   VERONA - FIORENTINA
07/11/2014   INTER - VERONA

SETTI ACCOMPAGNA IN B IL VERONA


Dopo la decima, gravissima sconfitta consecutiva, il Verona è quasi condannato. E pensare che lo Spezia, per condizione e posizione di classifica, avrebbe potuto essere l'avversario più adatto per chiudere decentemente l'anno solare ed accendere speranze di salvezza. Invece no, ci sono stati superiori non solo nel risultato ma anche nel gioco e in intensità. Il Verona sta pagando le sciagurate scelte societarie, come ha ammesso Marroccu dopo Monza. Setti invece, che vive evidentemente in un altro pianeta, non si rende conto di quello che ha combinato e nemmeno perché, chiunque a Verona raggiunge un certo livello qualitativo, poi chiede di andare via. Non si rende conto che è lui l'artefice di questa condizione di precarietà che non consente di trovare in questa società la propria dimensione sportiva. E per questo, ogni anno batte cassa frettolosamente al valore acquisito, vivendo di nuove scommesse e di improvvisazione. In effetti, a voler essere precisi, non è ancora stato chiarito se tutto ciò dipenda da costanti bisogni personali, oppure dalla sua supponenza (sono il Presidente che ha disputato più stagioni in serie A, conosco il calcio meglio di tutti voi ...). Fatto sta che questa volta Longo, D'Amico e Tudor hanno capito in fretta quello che sarebbe successo di lì a qualche mese e, vista l'impossibilità di proteggere un giocattolo troppo prezioso per le sue mani grezze, si sono defilati con lungimiranza. Come se uno, vincendo casualmente alla lotteria, finisce per sprecare tutto e si riduce a chiedere l'elemosina sotto i ponti. Povero e abbandonato. Forse perché erano proprio loro la componente saggia e competente della società, quella che ha permesso di rivalutare fino a quel punto il Verona. Loro, e non certo Setti che ha solo avuto la fortuna di averli per sè. Comunque, tutti i nodi sono venuti rapidamente al pettine: ceduti male Barak, Simeone, Caprari e Casale, rimpiazzati solo numericamente con giocatori scadenti (alcuni persino pagati cari), preso Marroccu come suo braccio destro (velocissimo a squalificarsi nel giro di poche settimane) e infine scelto Cioffi per l'ennesima scommessa assurda anche se l'ambiente, svilito e senza indirizzo, stava cercando invece disperatamente continuità, esperienza e buon senso. Cosa è rimasto di quel Verona che tanto ci ha divertito e sentiti rispettati? Niente. Per non parlare della soluzione frettolosa e senza alcuna logica di affidare la squadra a Bocchetti, che non ha niente a che vedere con quella adottata dal Monza con Palladino. Infatti, il povero cristo è stato assunto a uomo simbolo della società dopo essere stato prima dirottato in Primavera e poi, come un profeta, beneficiario di addirittura 5 anni di contratto. Lui che non ha neppure il patentino da allenatore. Ora cosa ci aspetta? un lento ed umiliante cammino verso l'inferno o abbiamo ancora qualche briciolo di speranza di salvezza?

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7876 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-12-02 07:32:52'} - {ts '2022-12-02 14:32:52'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022