VERONA - FIORENTINA - Hellas Verona: Accadde Oggi su HELLASTORY.net
  domenica 13, h 15:00  

HELLAS VERONA

1
SPEZIA2

PROSSIMO IMPEGNO
  mercoledì 4, h 14:30  
TORINO 

HELLAS VERONA

 
Hellas Verona english presentation

HELLAS VERONA / Accadde Oggi

VERONA - FIORENTINA


VERONA - FIORENTINA

Le seconde giovinezze

In principio fu Dante. Il “sommo” poeta Alighieri, esiliato da Firenze nel 1302, fu accolto a Verona:

“Lo primo tuo rifugio, il primo ostello
sarà la cortesia del gran Lombardo
che ‘n su la scala porta il santo uccello”

così si rivolge Cacciaguida a Dante nel XVII canto del Paradiso.

Gotinho ci dovrà scusare, ma Messer Durante non ha voluto rilasciare interviste sul gemellaggio fra i tifosi gialloblu e quelli viola: non sappiamo pertanto in quale notte dei tempi affondi le radici tale “affinità elettiva”. Tuttavia, se Dante si trovò a suo agio a Verona, qualche secolo dopo di lui vissero una seconda giovinezza alcuni personaggi provenienti da Firenze, interpreti di un altro tipo di arte: quella del pallone. Stiamo parlando di Antonio Di Gennaro, Luigi Sacchetti e Luciano Bruni che, dopo qualche onesto campionato nella Fiorentina, furono artefici dei successi del Verona di Bagnoli. L'unico dei 3 ad arrivare direttamente da Firenze fu Sacchetti, nella stagione 1982-83; Di Gennaro era già arrivato nel 1981-82, dopo un anno a Perugia, e Bruni arriverà per ultimo, nella stagione 1983-84, dopo aver girato fra Pistoiese e Reggiana.

Curiosamente, nella Fiorentina scudettata nella stagione 1968-69 giocavano invece degli ex gialloblu: Eraldo Mancin, terzino rodigino che aveva disputato nel Verona il campionato 1965-66, e Gian Battista Pirovano, mediano piemontese, al Verona dal 1961 al 1963. Pirovano è recentemente scomparso all'età di 77 anni nella sua Vercelli.

In quella Fiorentina che vinse lo scudetto giocavano inoltre Franco Superchi e Salvatore Esposito che sarebbero poi approdati in riva all'Adige sul finire degli anni Settanta. Moltissimi altri gli “ex” passati sulla rotta Verona – Firenze o viceversa: fra questi possiamo ricordare il portiere Giuseppe “Bepi” Moro che a Firenze aveva conquistato la convocazione in Nazionale, e a Verona aveva chiuso la carriera, e Domenico Morfeo di cui ci ha parlato Massimo nel suo flashback. D'obbligo tuttavia citare l'ultimo che, in ordine di tempo, ha vissuto una seconda giovinezza a Verona: Luca Toni. Fra gli ex della gara di domenica vanno segnalati anche Davide Brivio, 2 presenze in A con la Fiorentina quando non era ancora ventenne, e Alessandro Agostini, 13 presenze in A con la viola nel 2001-02.

Spunta la stella di Giancarlo Antognoni

VERONA - FIORENTINA

Nella stagione 1972-73 Verona – Fiorentina si gioca alla terza giornata di andata, il 15 ottobre del 1972. Gli ospiti passano al Bentegodi grazie all'autogol di Mascalaito e alla rete dell'ex Clerici nel primo tempo; serve a poco il gol di Zigoni a pochi minuti dalla fine, anche se resta agli annali come il primo gol in gialloblu del “cavallo pazzo”.

Quel pomeriggio, a Verona, fa il suo esordio anche un giovane diciottenne di belle speranze con la maglia viola: è Giancarlo Antognoni, nato il primo aprile del 1954 a Marsciano, in provincia di Perugia. Dieci anni dopo lo vedremo vincere il Mundial di Spagna con la maglia azzurra. In mezzo, una carriera da grande campione sempre alla Fiorentina, resistendo alle sirene delle formazioni del Nord con la maglia a righe.

Parlare di Antognoni significa anche ricordare l'incidente in campo nel corso di Fiorentina – Genoa del 22 novembre 1981. Antognoni si scontrò con il portiere Martina ricevendo una ginocchiata in testa e rimase a terra privo di conoscenza per istanti che parevano interminabili, prima che il suo cuore riprendesse a correre. All'epoca avevo 8 anni e passavo interi pomeriggi con gli amici a trasformare in campo da calcio ogni spazio pianeggiante che non avesse più di 3-4 ostacoli: parchi pubblici, aie di campagna, piazzali di condomini. L'idea che giocando a pallone ci si potesse far male sul serio era, fino a quel giorno, un'ipotesi mai considerata.

Il destino di Antognoni è sempre stato quello di essere criticato dalla stampa, forse proprio per il fatto di non aver mai vestito maglie più gloriose e più “protette” dai giornali. Ma i suoi allenatori lo hanno sempre difeso a spada tratta. E' interessante andarsi a rileggere quello che scriveva Gianni Mura nel 1976:

“Prima che da Mazzone, Antognoni era stato allenato da Liedholm, Radice e Rocco. Diceva Liedholm: “Di giocatori così, ne nasce uno ogni 15 anni”. Diceva Radice: “Per l'età che ha, è un prodigio”. Diceva Rocco: “Mi ricorda Rivera, ma preferirei che non arrossisse tutte le volte che gli rivolgo la parola”.

Antognoni è anche il calciatore che più ha segnato nelle sfide Verona – Fiorentina di serie A: 4 le sue reti.

Iorio rompe una maledizione durata 26 anni

VERONA - FIORENTINA

La Fiorentina ha dovuto aspettare quasi 30 anni per segnare un gol a Verona. Il primo tentativo fu nel 1928-29, Campionato Nazionale, quando i gialloblu si imposero 4-0, tuttora la vittoria più larga nella storia delle nostre sfide contro i viola. Negli anni Trenta le due formazioni si incrociano per 3 volte in serie B, e le gare finiscono tutte con vittorie del Verona a porta inviolata. Bisogna arrivare al primo campionato gialloblu in serie A, stagione 1957-58, per vedere i gigliati in gol a Verona. Il 17 novembre 1957 decide una rete di Lojacono.

Per contro, se la Fiorentina ha dovuto aspettare quasi 30 anni per segnare un gol, i toscani si sono presi la loro rivincita nella storia delle sfide in serie A: Dante avrebbe chiamato in causa la legge del contrappasso. Il Verona, difatti, per battere la Fiorentina in casa in serie A ha dovuto attendere addirittura il 30 ottobre 1983.

Stagione 1983-84, il Verona ospita la Fiorentina alla settima giornata di campionato; le due squadre sono divise da un solo punto. I gialloblu sono secondi in classifica, con 9 punti, ad un punto dalla Roma e in compagnia delle due torinesi, e i viola inseguono con 8 punti. Solo due anni prima una classifica del genere ci avrebbe dato le vertigini e invece, dopo l'entusiasmante campionato 1982-83, i tifosi gialloblu si godono con consapevolezza una squadra a pieno diritto nell'elite del calcio italiano. Prima della gara del Bentegodi, anche Boninsegna, in veste di commentatore, non risparmiava frecciatine ad Antognoni, nel bocciare la Fiorentina come possibile terzo incomodo fra Juventus e Roma nella lotta scudetto:

“Non mi fido della Fiorentina, incerta in difesa, incostante in attacco, incapace di risolvere il problema del regista. Antognoni ha esordito in Nazionale quando era ormai un veterano in maglia viola. E' una buona mezz'ala, ma non ha le capacità dell'uomo squadra”.

Boninsegna non fu buon profeta, dato che la Fiorentina sarà anche stata un'incompiuta ma si classificò terza alle spalle di Roma e Juventus e, a 6 giornate dalla fine, era in piena lotta scudetto. Per fermarla ci volle un arbitraggio "discutibile" di Barbaresco nel confronto diretto di Torino contro la Juventus della 25ma giornata.

Torniamo al 30 ottobre 1983 e alla gara fra Verona e Fiorentina attesa come una sfida per decidere chi potrà essere l'outsider del campionato. Il Verona è in un ottimo momento di forma, gioca bene, incontra il plauso degli addetti ai lavori, ma lascia perplessi molti sulle capacità di tenuta. E poi, dicono i giornali, non puoi lottare per lo scudetto senza stranieri: Zmuda è in infermeria praticamente dal suo arrivo all'aeroporto, Jordan fa panchina e copre le spalle al duo Galderisi – Iorio. Proprio quest'ultimo è il protagonista assoluto della gara contro la Fiorentina: dopo 6', si destreggia in area con un palleggio volante, e scarica la palla sotto la traversa. Un attaccante medio di serie A avrebbe calciato il pallone, da quell'altezza da terra, in curva Nord; non Iorio. Massimo Storgato raddoppia su cross di Fanna da calcio di punizione dalla sinistra. Alla mezzora l'arbitro concede un rigore alla Fiorentina al termine di un'azione piuttosto confusa, e Antognoni accorcia le distanze. Fortunatamente, nella ripresa l'arbitro concede un rigore anche ai gialloblu, e Iorio completa la doppietta personale siglando il 3-1 che vale la prima, lungamente attesa e proprio per questo liberatoria, vittoria in serie A sulla Fiorentina. Al tredicesimo tentativo.

Paolo

(la foto di Antognoni con Bearzot è tratta dal blog Storie di Calcio)



Hellastory, 21/11/2014
Cerca...

09/09/2022   LAZIO - VERONA
18/02/2022   ROMA - VERONA
04/02/2022   JUVENTUS - VERONA
22/01/2021   VERONA - NAPOLI
07/07/2020   VERONA - INTER
01/07/2020   VERONA - PARMA
17/01/2020   BOLOGNA - VERONA
13/03/2019   VERONA - ASCOLI
17/02/2017   VERONA - SPAL
21/10/2016   VERONA - PRO VERCELLI
13/02/2015   GENOA - VERONA
06/02/2015   VERONA - TORINO
12/12/2014   UDINESE - VERONA
05/12/2014   VERONA - SAMPDORIA
21/11/2014   VERONA - FIORENTINA
07/11/2014   INTER - VERONA

SETTI ACCOMPAGNA IN B IL VERONA


Dopo la decima, gravissima sconfitta consecutiva, il Verona è quasi condannato. E pensare che lo Spezia, per condizione e posizione di classifica, avrebbe potuto essere l'avversario più adatto per chiudere decentemente l'anno solare ed accendere speranze di salvezza. Invece no, ci sono stati superiori non solo nel risultato ma anche nel gioco e in intensità. Il Verona sta pagando le sciagurate scelte societarie, come ha ammesso Marroccu dopo Monza. Setti invece, che vive evidentemente in un altro pianeta, non si rende conto di quello che ha combinato e nemmeno perché, chiunque a Verona raggiunge un certo livello qualitativo, poi chiede di andare via. Non si rende conto che è lui l'artefice di questa condizione di precarietà che non consente di trovare in questa società la propria dimensione sportiva. E per questo, ogni anno batte cassa frettolosamente al valore acquisito, vivendo di nuove scommesse e di improvvisazione. In effetti, a voler essere precisi, non è ancora stato chiarito se tutto ciò dipenda da costanti bisogni personali, oppure dalla sua supponenza (sono il Presidente che ha disputato più stagioni in serie A, conosco il calcio meglio di tutti voi ...). Fatto sta che questa volta Longo, D'Amico e Tudor hanno capito in fretta quello che sarebbe successo di lì a qualche mese e, vista l'impossibilità di proteggere un giocattolo troppo prezioso per le sue mani grezze, si sono defilati con lungimiranza. Come se uno, vincendo casualmente alla lotteria, finisce per sprecare tutto e si riduce a chiedere l'elemosina sotto i ponti. Povero e abbandonato. Forse perché erano proprio loro la componente saggia e competente della società, quella che ha permesso di rivalutare fino a quel punto il Verona. Loro, e non certo Setti che ha solo avuto la fortuna di averli per sè. Comunque, tutti i nodi sono venuti rapidamente al pettine: ceduti male Barak, Simeone, Caprari e Casale, rimpiazzati solo numericamente con giocatori scadenti (alcuni persino pagati cari), preso Marroccu come suo braccio destro (velocissimo a squalificarsi nel giro di poche settimane) e infine scelto Cioffi per l'ennesima scommessa assurda anche se l'ambiente, svilito e senza indirizzo, stava cercando invece disperatamente continuità, esperienza e buon senso. Cosa è rimasto di quel Verona che tanto ci ha divertito e sentiti rispettati? Niente. Per non parlare della soluzione frettolosa e senza alcuna logica di affidare la squadra a Bocchetti, che non ha niente a che vedere con quella adottata dal Monza con Palladino. Infatti, il povero cristo è stato assunto a uomo simbolo della società dopo essere stato prima dirottato in Primavera e poi, come un profeta, beneficiario di addirittura 5 anni di contratto. Lui che non ha neppure il patentino da allenatore. Ora cosa ci aspetta? un lento ed umiliante cammino verso l'inferno o abbiamo ancora qualche briciolo di speranza di salvezza?

[continua]
Eleggi ogni settimana il gialloblu migliore in campo!


Riepilogo stagionale e classifica generale


Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!
Scarica e gioca con l'esclusivo CruciGialloBlu di Hellastory!

[ Archivio e Soluzioni ]




Devi essere iscritto per visualizzare i dati dell'Almanacco del giorno
Username
Password
 
[Registrati]






HELLASTORY.net è online dall'11 maggio 2001 ( 7876 giorni)
Ogni contenuto è liberamente riproducibile con l'obbligo di citare la fonte.
Per qualunque informazione contattateci.
Leggi la nostra Informativa Privacy.
[www.hellastory.net] - {ts '2022-12-02 07:19:08'} - {ts '2022-12-02 14:19:08'} [browser]


1911191219131914191519191920192119221923192419251926192719281929193019311932193319341935193619371938193919401941194219431944194519461947194819491950195119521953195419551956195719581959196019611962196319641965196619671968196919701971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013201420152016201720182019202020212022